Fe­sti­val cit­tà im­pre­sa A Vi­cen­za in­con­tri su svi­lup­po e in­du­stria

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ate­ner sal­do un im­pian­to eco­no­mi­co che non ha più ra­gio­ne di es­se­re di­stin­to in Nor­do­ve­st e Nor­de­st, in Ita­lia, sa­rà sem­pre più una fa­scia di im­pre­se me­die da esten­de­re pu­re in una par­te di Cen­tro. An­che se que­sta con­ver­gen­za avrà l’ef­fet­to di ac­cen­tua­re la di­va­ri­ca­zio­ne con il Mez­zo­gior­no, per il qua­le ur­ge non una po­li­ti­ca ge­ne­ra­le ma un pro­get­to chi­rur­gi­co che sap­pia se­le­zio­na­re le buo­ne ener­gie dai ca­si di­spe­ra­ti su cui non in­ve­sti­re più un so­lo al­tro euro.

Giu­sep­pe Ber­ta, sto­ri­co dell’in­du­stria ita­lia­na e dei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri, do­cen­te in va­rie uni­ver­si­tà fra cui la Boc­co­ni di Mi­la­no - che sta­ma­ne a Pa­laz­zo Leo­ne Mon­ta­na­ri apri­rà il Fe­sti­val Cit­tà Im­pre­sa di Vi­cen­za con­fron­tan­do­si con l’eco­no­mi­sta Al­do Bo­no­mi e il so­cio­lo­go Ste­fa­no Mi­cel­li, non ha mai smes­so di oc­cu­par­si de­gli svi­lup­pi del­la po­la­riz­za­zio­ne fra le estre­mi­tà del­la Pe­ni­so­la e dun­que di quel­la che qui si era so­li­ti chia­ma­re «la que­stio­ne set­ten­trio­na­le».

«L’idea che ho ma­tu­ra­to – di­ce Ber­ta in pre­mes­sa – è che sia or­mai in at­to una uni­fi­ca­zio­ne del Nord del Pae­se, con con­se­guen­te per­di­ta di si­gni­fi­ca­to di di­stin­zio­ni in Ove­st ed Est e, in par­te, an­che con il Cen­tro Ita­lia» Pro­fes­so­re, qual è il de­no­mi­na­to­re

co­mu­ne fra aree che, fi­no all’ini­zio di que­sto de­cen­nio, si dif­fe­ren­zia­va­no per la pre­sen­za del­la gran­de in­du­stria nel­le re­gio­ni oc­ci­den­ta­li e del­la pic­co­la e mi­cro im­pre­sa nel Tri­ve­ne­to?

«Il pro­ta­go­ni­sta del nuo­vo mo­del­lo eco­no­mi­co è l’im­pre­sa di ta­glio me­dio, che è la più vi­va­ce e che, an­che gra­zie al­la sua pro­ie­zio­ne in­ter­na­zio­na­le, si of­fre co­me ele­men­to di trai­no per le pic­co­le azien­de le qua­li, in que­sto mo­do, ven­go­no pi­lo­ta­te e spin­te an­ch’es­se su mer­ca­ti lon­ta­ni pri­ma im­pra­ti­ca­bi­li.

So­no le me­die la cer­nie­ra fra l’Ita­lia e il mon­do».

Per de­fi­ni­re una me­dia im­pre­sa si ri­cor­re a pa­ra­me­tri stan­dard di fat­tu­ra­to, fra 50 e 250 mi­lio­ni, e di oc­cu­pa­zio­ne, en­tro i 500 di­pen­den­ti. E’ un cri­te­rio ri­gi­do?

«Io lo al­lar­ghe­rei sia a real­tà più pic­co­le ma con gran­di ca­pa­ci­tà di pre­sen­za in­ter­na­zio­na­le e di far fi­lie­ra con le re­ti lo­ca­li, ad esem­pio, per par­la­re di Vi­cen­za, la Ares di Ro­ber­to Zuc­ca­to, sia a in­du­strie più gran­di ma che si iden­ti­fi­ca­no

be­ne in que­sto ruo­lo. Pen­so al­la Brem­bo di Alberto Bom­bas­sei o al­la Ma­pei di Gior­gio Squin­zi». E la gran­de in­du­stria dov’è fi­ni­ta?

«Guar­dia­mo­ci in­tor­no. Fiat è Fca ed ha la­scia­to da tem­po i no­stri con­fi­ni, Pi­rel­li ap­par­tie­ne ad un grup­po sta­ta­le ci­ne­se, Lu­xot­ti­ca, le­ga­ta ad Es­si­lor, si sta po­si­zio­nan­do su un tea­tro in­ter­na­zio­na­le. Pos­sia­mo con­ti­nua­re a lun­go».

La gran­de im­pre­sa, nel se­co­lo scor­so, era pe­rò an­che clas­se di­ri­gen­te e sa­pe­va

rap­por­tar­si con i go­ver­ni di­se­gnan­do, di fat­to, le li­nee di po­li­ti­ca in­du­stria­le. La me­dia ne è ca­pa­ce?

«No di cer­to. C’è un pro­fon­do sfi­lac­cia­men­to dei rap­por­ti con la po­li­ti­ca, com­pli­ce il fat­to che sta sal­tan­do an­che ogni mec­ca­ni­smo di me­dia­zio­ne de­gli in­te­res­si. I cor­pi in­ter­me­di so­no in una cri­si pro­fon­dis­si­ma». Par­lia­mo per­ciò pu­re di Con­fin­du­stria.

«La sua de­bo­lez­za è evi­den­te, pa­ga an­che la scon­fit­ta del re­fe­ren­dum di Mat­teo Ren­zi,

pre­mier al qua­le ave­va ri­co­no­sciu­to un gran­de ap­pog­gio. Re­sta più in­te­res­san­te il ruo­lo che pos­so­no svol­ge­re le mag­gio­ri as­so­cia­zio­ni re­gio­na­li».

Non è che in Ve­ne­to, in que­sto mo­men­to, Con­fin­du­stria bril­li per coe­sio­ne…

«L’ omo­ge­neiz­za­zio­ne del­le di­na­mi­che eco­no­mi­che di tut­to il Nord Ita­lia è in­ve­ce di que­sto che ha bi­so­gno».

Il ta­glio me­dio, pe­rò, se ap­pli­ca­to al­le im­pre­se ban­ca­rie in Ve­ne­to non ha da­to cer­to il me­glio di sé. Che opi­nio­ne ha?

«Sor­vo­lia­mo sul­le di­stor­sio­ni, inu­ti­le ra­gio­nar­ci an­co­ra. Fi­no ad og­gi per cer­ca­re ca­pi­ta­li o c’era la ban­ca o c’era la Bor­sa, en­tram­bi ca­na­li che si so­no ri­ve­la­ti de­lu­den­ti. Non è tan­to di cre­di­to che la me­dia im­pre­sa ha bi­so­gno quan­to di ca­pi­ta­le di ri­schio. Ser­vo­no stru­men­ti fi­nan­zia­ri che le ban­che non pos­so­no da­re».

Per con­clu­de­re, le me­die im­pre­se che in­di­ca co­me di ve­ro col­lan­te del Nord di qua­li po­li­ti­che han­no bi­so­gno?

«De­vo­no cre­sce­re di numero e dun­que ser­vo­no in­cen­ti­vi per l’ag­gre­ga­zio­ne del­le pic­co­le» E il Sud?

«Di Sud ce ne so­no tan­ti ma nes­su­no può cre­sce­re spon­ta­nea­men­te. Bi­so­gna fa­re una se­le­zio­ne mol­to at­ten­ta, non po­li­ti­che ge­ne­ra­li. Ci so­no aree che è be­ne non so­ste­ne­re».

Svi­lup­po La vi­sio­ne fu­tu­ri­sti­ca di Ma­rio Si­ro­ni 1940) (Pae­sag­gio ur­ba­no,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.