Il pa­pà di Va­le­ria «Era pre­ve­di­bi­le, or­mai è guer­ra Ma qui non c’è una ban­lieue»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Di Ali­ce D’Este © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA «Lo sa­pe­va­mo e lo sap­pia­mo tut­ti pur­trop­po che qual­co­sa del ge­ne­re po­te­va suc­ce­de­re da un mo­men­to all’al­tro». Rea­gi­sce co­sì Alberto So­le­sin, pa­dre di Va­le­ria, la ri­cer­ca­tri­ce ve­ne­zia­na uc­ci­sa il 13 no­vem­bre 2015 nell’at­ten­ta­to al Ba­ta­clan di Pa­ri­gi, di fron­te al­la mi­nac­cia ji­ha­di­sta ve­ne­zia­na. «So­no sta­ti fer­ma­ti pri­ma — di­ce — gra­zie al­le for­ze di po­li­zia. Per bra­vu­ra ma an­che per un po’ di for­tu­na l’at­ten­ta­to non è sta­to por­ta­to a ter­mi­ne». C’è del fa­ta­li­smo as­so­lu­ta­men­te com­pren­si­bi­le nel­le sue pa­ro­le. Un oc­chio cri­ti­co ad una si­tua­zio­ne che sem­bra in­go­ver­na­bi­le an­che quan­do i con­trol­li del­le for­ze dell’or­di­ne li­be­ra­no il campo pri­ma che la fu­ria si sia la­scia­ta die­tro qual­che vi­ta. «La si­tua­zio­ne ita­lia­na for­se è an­che più fa­ci­le da un cer­to pun­to di vi­sta — af­fer­ma — sia­mo un Pae­se ad im­mi­gra­zio­ne più re­cen­te, quan­do ero gio­va­ne io c’era­no po­chi mi­gran­ti, gli al­ba­ne­si in fu­ga e qual­cu­no di quel­li che si chia­ma­va­no vu’ cum­prà. Co­min­cia­no ora le se­con­de ge­ne­ra­zio­ni. In Ita­lia in un cer­to sen­so il mi­gran­te è an­co­ra “di­stin­gui­bi­le”. E spes­so que­sto por­ta le per­so­ne ad ave­re mag­gio­re at­ten­zio­ne. Sia­mo age­vo­la­ti nel­la pre­ven­zio­ne per­ché sia­mo in­die­tro nell’in­te­gra­zio­ne». Non è co­sì in al­tre par­ti d’Eu­ro­pa. Non è co­sì a Pa­ri­gi. Non è co­sì a Lon­dra. In cit­tà e na­zio­ni do­ve il mel­ting pot è ar­ri­va­to al­la fi­ne del­la sua cor­sa crea­re dei «di­stin­guo» di­ven­ta qua­si im­pos­si­bi­le. Qua­lun­que sia la tua ori­gi­ne sei giu­sta­men­te so­lo un lon­di­ne­se, un pa­ri­gi­no. Il di­rim­pet­ta­io ko­so­va­ro e mu­sul­ma­no è uno tra i tan­ti. «In quei pae­si il pro­ces­so di in­te­gra­zio­ne è mol­to più avan­ti – di­ce So­le­sin – i mi­gran­ti so­no ar­ri­va­ti due ge­ne­ra­zio­ni fa e ora ci so­no i fi­gli dei mi­gran­ti, na­ti e cre­sciu­ti in Eu­ro­pa. In quel ca­so se da un la­to si ca­pi­sce fa­cil­men­te quel­lo che ha fun­zio­na­to nei pro­ces­si so­cia­li emer­ge in mo­do chia­ro an­che quel­lo che non ha fun­zio­na­to co­me le con­cen­tra­zio­ni mo­noet­ni­che dei quar­tie­ri, le en­cla­ve o al­cu­ne zo­ne del­le ban­lieue. Quel­lo che di­ven­ta me­no fa­ci­le ca­pi­re pe­rò so­no le ra­di­ca­liz­za­zio­ni. Se un gio­va­ne ma­roc­chi­no fran­ce­se di ter­za ge­ne­ra­zio­ne per­fet­ta­men­te in­te­gra­to ab­brac­cia l’Isis nes­su­no lo so­spet­te­rà mai. Qui in Ita­lia quar­tie­ri pro­tet­ti non ne esi­sto­no e sia­mo in­die­tro nel pro­ces­so. Ma que­sto ci fa­ci­li­ta». Un pro­ces­so «in ri­tar­do» che ren­de più ef­fi­ca­ci an­che i con­trol­li, sia del vi­ci­na­to che del­le for­ze dell’or­di­ne. E che in que­sto ca­so ha im­pe­di­to che fos­se col­pi­to un sim­bo­lo di Ve­ne­zia. «Il pon­te di Rial­to è un sim­bo­lo – di­ce So­le­sin – ma lo è an­che piaz­za San Mar­co. Ep­pu­re una set­ti­ma­na fa c’è sta­ta una ra­pi­na. Non mi sa­rei mai aspet­ta­to che qual­cu­no osas­se pun­ta­re ad una zo­na co­sì cen­tra­le. E l’han­no fat­ta fran­ca». I con­trol­li sta­vol­ta pe­rò han­no da­to i lo­ro frut­ti. Tant’è che i tre po­ten­zia­li ter­ro­ri­sti so­no sta­ti ar­re­sta­ti. «Sta­vol­ta è an­da­ta be­ne – di­ce So­le­sin – ma la pros­si­ma? Vor­rà di­re che se co­min­ce­ran­no a spa­ra­re nel­le stra­de cam­mi­ne­rò ra­sen­te al mu­ro co­me si fa in guer­ra. Poi, se si de­ve mo­ri­re si muo­re lo stes­so». La ver­ve al­lo­ra si cal­ma, di­ven­ta si­len­te. Il pen­sie­ro va a Va­le­ria. «Di­ver­so da­gli al­tri gior­ni? No, a lei pen­sia­mo ogni gior­no. So­lo quel­lo che è ac­ca­du­to te­sti­mo­nia che Ve­ne­zia è una cit­tà co­me tut­te le al­tre».

Prof Alberto So­le­sin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.