Co­ne­glia­no, Zam­bon re­sta in campo: «Top­pan can­di­da­to? Non ri­sul­ta» Gli av­ver­sa­ri: «Vin­ce l’im­mo­bi­li­smo»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - © RIPRODUZIONE RISERVATA

CO­NE­GLIA­NO «Ci so­no an­co­ra mol­te stra­de aper­te, ce ne so­no fin che si vuo­le. Il cen­tro­de­stra può fa­re un’ope­ra­zio­ne di unio­ne già con­di­vi­sa, se non sa­rà co­sì ti­re­re­mo le som­me».

Flo­ria­no Zam­bon (nel­la fo­to), sin­da­co di Co­ne­glia­no, non ci sta a fa­re il ter­zo in­co­mo­do nel­la sfi­da per la can­di­da­tu­ra al­le co­mu­na­li, die­tro al suo vi­ce Claudio Top­pan e a Fa­bio Chies, pre­si­den­te del con­si­glio co­mu­na­le e se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le di For­za Ita­lia. So­no tut­ti no­mi del­la stes­sa area po­li­ti­ca e fra lo­ro con­cor­ren­ti, an­che se l’uscen­te par­te in svan­tag­gio su­gli al­tri due, in par­ti­co­la­re a se­gui­to del ve­to dell’al­lea­to le­ghi­sta sul suo no­me. «Sul ta­vo­lo c’è un ra­gio­na­men­to an­co­ra in cor­so e la si­tua­zio­ne è in mo­vi­men­to – con­ti­nua Zam­bon -. Top­pan can­di­da­to sin­da­co? Non mi ri­sul­ta che ci sia­no de­ci­sio­ni già pre­se, sce­glie­rò in ba­se a que­sti gio­chi». Co­me a di­re: non si fan­no i con­ti sen­za l’oste, se l’oste è sta­to sin­da­co per tre man­da­ti (an­che se non con­se­cu­ti­vi) e può ten­ta­re il quar­to. Gi­ra­no con in­si­sten­za vo­ci su una pos­si­bi­le ci­vi­ca del sin­da­co, che si pre­sen­te­reb­be al vo­to da so­lo se la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra al­la fi­ne pro­pen­de­rà per un no­me al­ter­na­ti­vo al suo. Il par­ti­to sa­reb­be pron­to a of­fri­gli una buo­nu­sci­ta con ruo­li di pre­sti­gio, ma su que­sto Zam­bon non ri­spon­de, le car­te so­no co­per­te.

Il Pd ha già mes­so in campo il suo no­me per le co­mu­na­li: è Ales­san­dro Bor­to­luz­zi, av­vo­ca­to 43en­ne. En­tro due set­ti­ma­ne al mas­si­mo an­che la coa­li­zio­ne sa­rà di­se­gna­ta, c’è già il so­ste­gno di Fla­vio Pa­va­nel­lo e Mar­ca Ci­vi­ca, ma si po­treb­be ar­ri­va­re a quat­tro simboli sul­la scheda. «Se il cen­tro­de­stra sce­glie­rà Top­pan o Chies sa­rà co­me am­met­te­re che l’am­mi­ni­stra­zio­ne uscen­te ha la­vo­ra­to ma­le, al­tri­men­ti ri­can­di­de­reb­be il sin­da­co Zam­bon – com­men­ta Andrea Ba­raz­zuol, se­gre­ta­rio del Pd -. Sen­to par­la­re di cam­bia­men­to e rin­no­va­men­to, ma Top­pan e Chies so­no vol­ti di quel­la stes­sa am­mi­ni­stra­zio­ne. So­no le stes­se per­so­ne che han­no se­gna­to l’im­mo­bi­li­smo di Co­ne­glia­no per vent’an­ni». La bat­ta­glia di Zam­bon è tutt’al­tro che fi­ni­ta e il Pd si go­de le gra­ne del cen­tro­de­stra. (s.ma.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.