Pro­po­sta di leg­ge. Il no­do del dop­pio as­se­gno

Re­gio­ne, pen­sio­ni di­mez­za­te Scon­tro tra i con­si­glie­ri

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Bo­net

VE­NE­ZIA Pen­sio­ni dei con­si­glie­ri re­gio­na­li nel mi­ri­no. A sca­te­na­re ie­ri uno scon­tro a Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni una leg­ge pre­sen­ta­ta dal­la Le­ga, e in par­ti­co­la­re dal pre­si­den­te del­la stes­sa com­mis­sio­ne, Ma­ri­no Finozzi. Se pas­sas­se il pia­no, i con­si­glie­ri in ca­ri­ca ve­dreb­be­ro un do­ma­ni i lo­ro as­se­gni sfor­bi­cia­ti di due ter­zi. Ta­glio su cui è scop­pia­ta ma­ret­ta. Sul ta­vo­lo, su pres­sing dei Cin­que Stel­le, an­che l’ipo­te­si di toc­ca­re i vitalizi de­gli ex con­si­glie­ri, ma per la mag­gio­ran­za è «im­pos­si­bi­le».

VE­NE­ZIA Il nuo­vo re­gi­me, con­tri­bu­ti­vo, co­me si usa nel re­sto del mon­do, è in vi­go­re sol­tan­to da due an­ni ep­pu­re i con­si­glie­ri re­gio­na­li già me­di­ta­no di ri­met­te­re ma­no al­le lo­ro pen­sio­ni, con una pro­po­sta pre­sen­ta­ta dal­la Le­ga che sta man­dan­do in sub­bu­glio Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni. Se pas­sas­se il pia­no del pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne Bi­lan­cio Ma­ri­no Finozzi, in­fat­ti, i con­si­glie­ri in ca­ri­ca ve­dreb­be­ro un do­ma­ni i lo­ro as­se­gni sfor­bi­cia­ti qua­si di due ter­zi, sic­ché in mol­ti si so­no mes­si a la­vo­ra­re di cal­co­la­tri­ce per sug­ge­ri­re pre­sto-e-be­ne «va­li­de so­lu­zio­ni al­ter­na­ti­ve». Men­tre di toc­ca­re i vitalizi de­gli ex in­qui­li­ni del Fer­ro Fi­ni, che co­sta­no 13 mi­lio­ni l’an­no al­la Re­gio­ne, non se ne par­la: no­no­stan­te il pres­sing del Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le, in­fat­ti, la mag­gio­ran­za ri­tie­ne «im­pos­si­bi­le» mo­di­fi­ca­re quei di­rit­ti che ri­tie­ne or­mai que­si­ti.

Do­po il pri­mo ap­pun­ta­men­to co­no­sci­ti­vo di mar­zo, gio­ve­dì è tor­na­ta a riu­nir­si la sub com­mis­sio­ne pre­sie­du­ta da Finozzi chia­ma­ta, an­che su spin­ta del go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia, ad oc­cu­par­si del­lo spi­no­so «dos­sier vitalizi». I fron­ti so­no due. Il pri­mo ri­guar­da i vitalizi che già og­gi la Re­gio­ne ero­ga agli ex con­si­glie­ri, 245 as­se­gni da 1.300 a 4.000 eu­ro al me­se, com­pre­se le re­ver­si­bi­li­tà al­le ve­do­ve, su cui da tre an­ni è aper­to un aspro con­ten­zio­so giu­di­zia­rio in­cen­tra­to sul «con­tri­bu­to di so­li­da­rie­tà» im­po­sto da Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni ai suoi ex in­qui­li­ni. Il Con­si­glio di Sta­to ha da po­co de­cre­ta­to l’in­com­pe­ten­za del­la giu­sti­zia am­mi­ni­stra­ti­va a de­ci­de­re e gli ex con­si­glie­ri han­no fat­to sa­pe­re di vo­ler­si ri­vol­ge­re al tri­bu­na­le di Ve­ne­zia per ot­te­ne­re la re­sti­tu­zio­ne di quan­to - a lo­ro di­re in­giu­sta­men­te - fi­no­ra è sta­to trat­te­nu­to dal­la Re­gio­ne. «Ab­bia­mo chie­sto che con l'oc­ca­sio­ne del rior­di­no del­la ma­te­ria si met­tes­se ma­no a que­sta in­de­cen­za - spie­ga Si­mo­ne Sca­ra­bel, M5s - al­li­nean­do i vitalizi al­le pen­sio­ni dei co­mu­ni mor­ta­li ma la mag­gio­ran­za non ci sen­te, di­ce che qua­lun­que prov­ve­di­men­to ver­reb­be im­pu­gna­to e per­de­rem­mo. Ora, tra le tan­te im­pu­gna­zio­ni che la giun­ta Za­ia fa e su­bi­sce que­sta mi sem­bre­reb­be la più sen­sa­ta ma tant’è, a man­ca­re è la vo­lon­tà an­che so­lo di pro­var­ci». E i due ex con­si­glie­ri pre­sen­ti gio­ve­dì in com­mis­sio­ne pa­re ab­bia­no mol­to rin­gra­zia­to.

La mag­gio­ran­za è in­ve­ce as­sai più di­spo­sta a ra­gio­na­re sul­le pen­sio­ni dei con­si­glie­ri at­tual­men­te in ca­ri­ca e di­fat­ti Finozzi ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta che pre­ve­de l’ad­dio al si­ste­ma con­tri­bu­ti­vo in vi­go­re da que­sta le­gi­sla­tu­ra e il ver­sa­men­to del­la quo­ta og­gi trat­te­nu­ta sul­la bu­sta pa­ga dei con­si­glie­ri ogni me­se, 1.600 eu­ro cir­ca, di­ret­ta­men­te in un fon­do as­si­cu­ra­ti­vo. Il che, se­con­do il le­ghi­sta, avreb­be due pre­gi: il pri­mo è che agli oc­chi dell’opi­nio­ne pub­bli­ca non si po­treb­be a quel pun­to più par­la­re di al­cu­na pen­sio­ne ben­sì di una sem­pli­ce po­liz­za; il se­con­do è che in que­sto mo­do la Re­gio­ne ri­spar­mie­reb­be la sua quo­ta di con­tri­bu­ti, pa­ri a cir­ca 3 mi­la eu­ro al me­se per ogni con­si­glie­re. Fat­ti due con­ti, si par­la di qua­si 2 mi­lio­ni l’an­no. C’è pe­rò una con­tro­in­di­ca­zio­ne: ve­nen­do a man­ca­re la co-con­tri­bu­zio­ne del­la Re­gio­ne, al com­pi­men­to dei 65 an­ni i con­si­glie­ri si ve­dreb­be­ro ri­co­no­sciu­ta una pen­sio­ne as­sai più bas­sa (di due ter­zi cir­ca) dell’at­tua­le, che è «di mi­ni­ma» at­tor­no agli 800 eu­ro al me­se. Apri­ti cie­lo. Con­ci­lia­bo­li e pro­te­ste, so­prat­tut­to da par­te dei con­si­glie­ri al pri­mo gi­ro che con­te­sta­no al­la vec­chia guar­dia di vo­ler­si fa­re bel­la a spe­se lo­ro, «vi­sto che i con­si­glie­ri che so­no qui da più le­gi­sla­tu­re han­no già ma­tu­ra­to il vi­ta­li­zio con le nor­me pre­ce­den­ti e a 65 an­ni per­ce­pi­ran­no ben due as­se­gni: quel­lo del vec­chio e quel­lo del nuo­vo re­gi­me. E chi è sta­to de­pu­ta­to, se­na­to­re o eu­ro­de­pu­ta­to cu­mu­la tut­to, di qua e di là». Si pen­sa quin­di a so­lu­zio­ni al­ter­na­ti­ve da con­trap­por­re a quel­la di Finozzi: c’è chi sug­ge­ri­sce di al­za­re la con­tri­bu­zio­ne del con­si­glie­re, «al­li­nean­do­la a quel­la di un ope­ra­io», co­sì da non pas­sa­re per pri­vi­le­gia­ti (si par­la di 150 eu­ro al me­se) e chi in­ve­ce pro­po­ne di eli­mi­na­re qua­lun­que ti­po si pen­sio­ne, la­scian­do i sol­di in bu­sta pa­ga «e che poi il con­si­glie­re sia li­be­ro di far­ne quel che vuo­le». An­che que­sta ipo­te­si pre­ve­de il ri­spar­mio sui con­tri­bu­ti ver­sa­ti dal­la Re­gio­ne ma, al­lo stes­so tem­po, abo­li­sce tout-court le pen­sio­ni. E i neo elet­ti non ci stan­no...

Com­mis­sio­ne Bi­lan­cio Ma­ri­no Finozzi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.