Io mam­ma e un’al­tra pun­tu­ra tra mil­le dub­bi

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Sa­ra D’Ascen­zo

TREVISO «Ma tu sei tran­quil­la?». Io sì, so­no tran­quil­la. Ma al­la ven­te­si­ma vol­ta che que­sta do­man­da mi vie­ne ri­vol­ta in me­no di ven­ti­quat­tro­re le mie cer­tez­ze co­min­cia­no a va­cil­la­re un po’. L’an­te­fat­to è sem­pli­ce: ho una bim­ba di due an­ni che rien­tra tra le per­so­ne - bam­bi­ni ma non so­lo - mol­to pro­ba­bil­men­te pas­sa­ti per la si­rin­ga di Ema­nue­la Pe­tril­lo, l’as­si­sten­te sa­ni­ta­ria ac­cu­sa­ta di non aver ese­gui­to le vac­ci­na­zio­ni al cen­tro di pre­ven­zio­ne del­la Ma­don­ni­na di Treviso. Al­lo scop­pia­re del ca­so Pe­tril­lo io e mio ma­ri­to ce lo sia­mo det­ti su­bi­to: «Ve­drai che ci man­da­no la let­te­ra. Si­cu­ro che la ri­chia­ma­no. Ve­drai se B. non rien­tra tra quei bim­bi...». Com­pien­do co­sì quel ge­sto un po’ apo­tro­pai­co di an­ti­ci­pa­re da sé le co­se brut­te che po­treb­be­ro ca­pi­tar­ti, sen­za aspet­ta­re la «scop­po­la» dall’ester­no. «Ma io e te sia­mo gli uni­ci ge­ni­to­ri di Treviso che non si agi­ta­no per ‘sta Pe­tril­lo e ‘sti vac­ci­ni?», ho det­to do­po qual­che gior­no a mio ma­ri­to fa­cen­do un po’ la gra­das­sa. Per­ché il tem­po pas­sa­va e la let­te­ra non ar­ri­va­va. Den­tro di me ho an­che pen­sa­to: «Se non ar­ri­va pri­ma del pon­te, è fat­ta». E in­ve­ce il pri­mo mag­gio, quan­do or­mai mi pa­re­va una no­ti­zia vec­chia, la bu­sta del Di­par­ti­men­to di Pre­ven­zio­ne dell’Usl2 mi guar­da­va fis­so ne­gli oc­chi. «Ab­bia­mo il dub­bio che un no­stro ope­ra­to­re non ab­bia ese­gui­to la vac­ci­na­zio­ne», re­ci­ta­va la let­te­ra. L’ho chiu­sa in bor­sa pen­san­do che era co­sì do­ve­va­no es­ser­si sen­ti­ti i ge­ni­to­ri che pri­ma di me ave­va­no let­to quel­le pa­ro­le: pre­oc­cu­pa­ti, spa­ven­ta­ti, con­fu­si, qual­cu­no an­che ar­rab­bia­to. E con que­sto mi­sto di sen­ti­men­ti ho guar­da­to B. pen­san­do: «E ades­so che fac­cio? Lo di­co ai non­ni?» Per­ché quel­la era si­cu­ra­men­te una del­le mag­gio­ri pre­oc­cu­pa­zio­ni... «Mam­ma: B. de­ve ri­fa­re il vac­ci­no, rien­tra tra quei bim­bi...». «Ri­fa­re il vac­ci­no? E se in­ve­ce gliel’han­no fat­to? Ho let­to che non so­no co­sì si­cu­ri... Che suc­ce­de se le fan­no una do­se in più? Ti sei in­for­ma­ta?». «Ma no mam­ma, tran­quil­la, pri­ma le fan­no un esa­me del san­gue, poi ca­so­mai il vac­ci­no». E con que­sta cer­tez­za qua­si gra­ni­ti­ca, ie­ri po­me­rig­gio va­do con B. al­la Ma­don­ni­na. Co­me me mol­ti al­tri ge­ni­to­ri, per­ché con do­ma­ni al mas­si­mo l’Usl con­ta di aver fi­ni­to il gi­ro di tut­ti quel­li da ri­chia­ma­re, co­me con­fer­ma il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Fran­ce­sco Be­naz­zi. La pri­ma sor­pre­sa è che non c’è nes­sun pre­lie­vo da fa­re: il vac­ci­no per il qua­le è sta­ta richiamata mia fi­glia è quel­lo con­tro il Me­nin­go­coc­co B e l’esa­me del san­gue è inu­ti­le per­ché gli an­ti­cor­pi ri­sul­te­reb­be­ro co­mun­que. La se­con­da sor­pre­sa - po­si­ti­va - è in­con­tra­re su­bi­to il di­ret­to­re del Ser­vi­zio di Igie­ne e sa­ni­tà pub­bli­ca, Gio­van­ni Gal­lo. Nel­la sa­la al ter­zo pia­no del­la Ma­don­ni­na, Gal­lo in­con­tra ge­ni­to­ri a ri­pe­ti­zio­ne: nel no­stro tur­no ci sia­mo noi, la mam­ma di un ado­le­scen­te spi­lun­go­ne pre­oc­cu­pa­to so­lo per­ché «do­ma­ni de­ve an­da­re in gi­ta» e quel­la di una ra­gaz­zi­na che non smet­te di chat­ta­re nem­me­no da­van­ti al dot­to­re. Tut­ti in­ten­ti a se­gnar­si le da­te di re­gi­stra­zio­ne che non a teo­riz­za­re sui «mas­si­mi vac­ci­ni» co­me nel web. Tut­ti più gran­di del­la mia, che co­pre con le sue do­man­de fon­da­men­ta­li Ca­ra­mel­la? Di­se­gno? Sci­vo­lo? le spie­ga­zio­ni scien­ti­fi­che di Gal­lo. Nel­le mo­re del­la sua vo­ce sen­to mio ma­ri­to fa­re la do­man­da che ab­bia­mo in te­sta da quan­do ab­bia­mo let­to la let­te­ra: «Ma se è sta­ta vac­ci­na­ta co­sa suc­ce­de se glie­ne fa­te una in più?». La pro­fi­las­si con­tro il Me­nin­go­coc­co B pre­ve­de in­fat­ti la som­mi­ni­stra­zio­ne di tre do­si. In teo­ria a mia fi­glia ne man­ca una, ma l’uni­ca cer­tez­za che ab­bia­mo è che sia pas­sa­ta per la Pe­tril­lo. Che lei l’ab­bia vac­ci­na­ta o no, pe­rò, non lo sap­pia­mo. E l’Usl con­fer­ma: «Pen­sia­mo ab­bia vac­ci­na­to un 15/20% dei bam­bi­ni, non di più». E quin­di che fa­re? «Non c’è let­te­ra­tu­ra sui bam­bi­ni più gran­di ai qua­li sia sta­ta som­mi­ni­stra­ta una quar­ta do­se, ma ai più pic­co­li, per pras­si, se ne fan­no già quat­tro», spie­ga Gal­lo. Di nuo­vo pen­so: e ades­so? Vac­ci­na­re col dub­bio di fa­re una quar­ta do­se o non vac­ci­na­re col dub­bio che non ab­bia la co­per­tu­ra com­ple­ta? Men­tre so­no lì, e B. di­se­gna e par­la con le se­die e si ti­ra i ca­pel­li, ri­spol­ve­ro la scom­mes­sa del fi­lo­so­fo Pa­scal, che sem­pli­fi­ca­ta al li­mi­te dei di­spac­ci da wi­ki­pe­dia suo­na gros­so mo­do co­sì: me­glio cre­de­re in Dio che non cre­de­re, per­ché se Dio esi­ste e ho cre­du­to so­no sal­vo, se Dio esi­ste e non ho cre­du­to so­no per­so, e ne­gli al­tri ca­si pa­reg­gio co­mun­que. Dun­que, W Pa­scal. Chiu­dia­mo­la con un vac­ci­no e cer­chia­mo di non pen­sa­re a quei vi­deo del dot­tor Ga­va che ci sia­mo mes­si a guar­da­re do­po la sua ra­dia­zio­ne e la teo­ria del bic­chie­re del bam­bi­no pie­no o vuo­to. Sto per riem­pi­re il bic­chie­re di B. an­co­ra un po’. So­no cer­ta che non af­fo­ghe­rà...

Gal­lo Pen­sia­mo ab­bia vac­ci­na­to un 15/20% di bam­bi­ni, non di più I dub­bi dei ge­ni­to­ri con­vo­ca­ti Non ci so­no cer­tez­ze che la Pe­tril­lo ab­bia o me­no ese­gui­to la pro­fi­las­si e per il Me­nin­go­coc­co B non si può ca­pi­re con un esa­me. Che fa­re?

Sot­to ac­cu­sa L’as­si­sten­te sa­ni­ta­ria Ema­nue­la Pe­tril­lo, ac­cu­sa­ta di non aver ese­gui­to cor­ret­ta­men­te le vac­ci­na­zio­ni pre­scrit­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.