Iro­so, l’ul­ti­mo mu­lo de­gli al­pi­ni tor­na all’Adu­na­ta

La storia Ha pas­sa­to la vi­si­ta e sarà al cor­teo di Tre­vi­so

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ni­co­la Za­net­ti

CAP­PEL­LA MAG­GIO­RE (TRE­VI­SO) Iro­so è l’ul­ti­mo mu­lo de­gli al­pi­ni. Una leg­gen­da per le pen­ne ne­re. Clas­se 1979, tutti i suoi com­pa­gni di av­ven­tu­re sono mor­ti di vec­chia­ia: ha un’età che pa­ra­go­na­ta all’uo­mo sfio­ra i 130 anni. Ie­ri ha su­pe­ra­to la vi­si­ta me­di­ca che ha da­to il via li­be­ra: po­trà sfi­la­re al cor­teo a Tre­vi­so, su una car­roz­za. «Per noi è un sim­bo­lo» .

CAP­PEL­LA MAG­GIO­RE (TRE­VI­SO) «Si può fa­re. È fi­si­ca­men­te ido­neo». Quan­do mercoledì il ve­te­ri­na­rio, la dot­to­res­sa Bar­ba­ra Bi­sat­ti, ha da­to l’ok al ter­mi­ne del­la vi­si­ta, gli occhi si sono fat­ti lu­ci­di. Mo­to d’or­go­glio e com­mo­zio­ne fra tutti i ve­ci del­la se­zio­ne di Vit­to­rio Ve­ne­to, e non so­lo. Per­ché Iro­so ci sarà.

Non può man­ca­re pro­prio lui all’Adu­na­ta del Pia­ve, in quel­la Tre­vi­so do­ve sfi­lò nel 1994 e do­ve ora ri­tor­na, an­che se si li­mi­te­rà a sta­re in un am­pio re­cin­to sen­za af­fa­ti­car­si. Far par­te­ci­pa­re l’ul­ti­mo mu­lo doc de­gli Al­pi­ni al­la lo­ro più gran­de fe­sta era un de­si­de­rio tan­te vol­te an­nun­cia­to, tut­ta­via c’è vo­lu­to il via li­be­ra uf­fi­cia­le per po­ter­ne es­se­re si­cu­ri.

Iro­so ci sarà, con le do­vu­te cau­te­le del ca­so. Suc­ce­de, se si trat­ta di spo­sta­re dalla sua stal­la di Cap­pel­la Mag­gio­re un esem­pla­re da re­cord co­me lui, leg­gen­da clas­se 1979: 38 anni. Pro­va­te a pen­sa­re di far viag­gia­re un vo­stro bis-bi­snon­no di 120 anni, per­ché la pro­por­zio­ne è la me­de­si­ma. Iro­so è un mi­ra­co­lo del­la na­tu­ra, ed un sim­bo­lo ama­tis­si­mo del­le Pen­ne Ne­re: già in for­za al 7° Reg­gi­men­to Al­pi­ni di Bel­lu­no, ma­tri­co­la 212, pun­zo­na­tu­ra ori­gi­na­le sul­lo zoc­co­lo. Col tem­po i suoi com­pa­gni di av­ven­tu­re, gli altri mu­li sto­ri­ci co­me Fi­na, Iso, La­io e Leo, di­smes­si dalla Ca­ser­ma D’An­ge­lo di Bel­lu­no più di vent’anni fa, sono mor­ti di vec­chia­ia.

Iro­so re­si­ste. Se­mi­cie­co, quasi sen­za più den­ti, ma con lo spirito in­tat­to. Cu­ra­to co­me un te­so­ro pre­zio­so dal suo pro­prie­ta­rio, l’al­pi­no im­pren­di­to­re An­to­nio De Lu­ca, e da­gli uo­mi­ni del re­par­to Sal­me­rie del­la se­zio­ne Ana di Vit­to­rio Ve­ne­to. La stes­sa che que­st’an­no, con il pla­cet del pre­si­den­te Fran­ce­sco In­tro­vi­gne e di De Lu­ca, ha de­ci­so di por­tar­lo a Tre­vi­so. Il gior­no pre­vi­sto è sabato 13 mag­gio, vi­gi­lia del­lo sfi­la­men­to, e per l’oc­ca­sio­ne ver­rà al­le­sti­to un tra­spor­to spe­cia­le.

«L’obiet­ti­vo è ga­ran­ti­re la mas­si­ma tran­quil­li­tà e co­mo­di­tà all’ani­ma­le. Stia­mo pre­pa­ran­do un trai­ler par­ti­co­la­re da ag­gan­cia­re ad un mez­zo – spie­ga Gia­nan­to­nio Ta­vian, con­si­glie­re di se­zio­ne e re­fe­ren­te per il re­par­to Sal­me­rie – So­li­ta­men­te i qua­dru­pe­di esco­no pro­ce­den­do all’in­die­tro, ma non vo­glia­mo cor­re­re il ri­schio che il no­stro mu­lo sto­ri­co, da­ta l’età, pos­sa sci­vo­la­re. Per que­sto il ri­mor­chio avrà un’uscita fron­ta­le». Una vol­ta giun­to a Tre­vi­so, Iro­so ver­rà col­lo­ca­to nel giar­di­no dell’ex Ge­nio Ci­vi­le, in via De Ga­spe­ri, pro­tet­to da un re­cin­to. Qui po­trà sta­re libero ed es­se­re am­mi­ra­to da tutti, con­trol­la­to co­stan­te­men­te dal re­par­to e con la re­pe­ri­bi­li­tà im­me­dia­ta di un ve­te­ri­na­rio. Sabato sera, in­fi­ne, ri­tor­ne­rà a ca­sa, un gior­no in­te­ro è il mas­si­mo che può fi­si­ca­men­te con­ce­de­re. In ogni ca­so, per si­cu­rez­za, un esa­me sup­ple­men­ta­re sulle sue con­di­zio­ni è sta­to fis­sa­to la pros­si­ma set­ti­ma­na, per to­glie­re even­tua­li dub­bi. Ma c’è chi non ha in­cer­tez­ze.

«Mi chia­ma­no da tutta Ita­lia per chie­der­mi: è ve­ro che Iro­so è an­co­ra vi­vo? Io ri­spon­do di sì e tutti re­sta­no in­can­ta­ti». Per An­to­nio De Lu­ca si trat­ta di un ap­pun­ta­men­to spe­cia­le.

Quan­do nel 1993 il Mi­ni­ste­ro del­la Di­fe­sa or­di­nò la ven­di­ta all’asta de­gli ul­ti­mi 24 mu­li in for­za agli Al­pi­ni, l’im­pren­di­to­re di Cap­pel­la Mag­gio­re ne ac­qui­stò una de­ci­na, per far­li la­vo­ra­re nel­la sua azien­da di rac­col­ta e com­mer­cio di le­gna­mi. Ci vol­le po­co per­ché il mon­do del­le Pen­ne Ne­re gli chie­des­se di far­li sfi­la­re con lo­ro tra adu­na­te e ra­du­ni.

«Sono sim­bo­li di un rap­por­to in­scin­di­bi­le – rac­con­ta De Lu­ca - que­sto ani­ma­le con­di­vi­de­va con l’uo­mo la fa­ti­ca e la sof­fe­ren­za tra­spor­tan­do ar­mi ed equi­pag­gia­men­ti. Dis­si su­bi­to di sì, bi­so­gna­va con­ser­va­re la tra­di­zio­ne. I mu­li uti­liz­za­ti og­gi per le ma­ni­fe­sta­zio­ni sono un’al­tra co­sa».

Più di qual­cu­no og­gi vor­reb­be stu­dia­re Iro­so co­me esem­pio di lon­ge­vi­tà tra i suoi si­mi­li. E pen­sa­re che nel 2012 il suo sta­to di sa­lu­te era tan­to com­pro­mes­so da far pen­sa­re al peg­gio. Ma si è gra­da­ta­men­te ri­pre­so, gra­zie an­che ad un man­gi­me spe­cia­le più fa­cil­men­te as­si­mi­la­bi­le e pre­pa­ra­to ap­po­si­ta­men­te per lui. Il re­sto lo ha fat­to la fi­bra d’ac­cia­io, da ve­ro Al­pi­no di Mar­ca.

Gia­nan­to­nio Ta­vian L’obiet­ti­vo è ga­ran­tir­gli la mas­si­ma tran­quil­li­tà. Gli stia­mo pre­pa­ran­do un mez­zo spe­cia­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.