La leg­ge e i ve­ne­ti ra­pi­na­ti «Follia la le­git­ti­ma di­fe­sa am­mes­sa so­lo di not­te »

Za­ia: «Ag­gres­so­ri con­ten­ti, il cri­mi­ne pa­ga di mat­ti­na»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mo­ni­ca Zic­chie­ro

«Una por­ca­ta all’ita­lia­na», per il gio­iel­lie­re di Nan­to Ro­ber­ti­no Zan­can. La nuo­va for­mu­la­zio­ne sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa di­vi­de. Per Za­ia le­git­ti­ma le ag­gres­sio­ni di gior­no. Con­tro­cor­ren­te l’av­vo­ca­to di Stac­chio: «Quel­la esi­sten­te è una buo­na leg­ge, me­glio non cam­biar­la».

VE­NE­ZIA «Ades­so il cri­mi­ne pa­ga me­glio di mat­ti­na». Il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia trat­teg­gia in so­le due pen­nel­la­te tut­to il ma­le che pen­sa del­la nuo­va ver­sio­ne dell’ar­ti­co­lo 52 del co­di­ce pe­na­le sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa. Ap­pro­va­to ie­ri al­la Ca­me­ra tra la ba­gar­re, con i le­ghi­sti che sven­to­la­va­no car­tel­li «La di­fe­sa è sem­pre le­git­ti­ma» e il se­gre­ta­rio Mat­teo Sal­vi­ni ac­com­pa­gna­to fuo­ri dai com­mes­si per aver gri­da­to «Ver­go­gna!», l’ar­go­men­to ha già in­dos­sa­to l’abi­to elet­to­ra­le.

Il te­sto tra­smes­so al Se­na­to in­tro­du­ce di­ver­se no­vi­tà. Pri­ma di tut­to, la di­fe­sa è con­si­de­ra­ta le­git­ti­ma quan­do è la rea­zio­ne ad un’ag­gres­sio­ne in ca­sa, ne­go­zio o in ufficio fat­ta di not­te. Ecco per­ché Za­ia ie­ri è sbot­ta­to: «Ades­so i de­lin­quen­ti pos­so­no an­che scegliere l’ora mi­glio­re: il cri­mi­ne pa­ga me­glio di mat­ti­na – ha di­chia­ra­to, cau­sti­co - Al­la gen­te esa­spe­ra­ta e im­pau­ri­ta han­no det­to: di not­te di­fen­di­ti, ma di gior­no la­scia­ti ra­pi­na­re. In­ve­ce o la le­git­ti­ma di­fe­sa è sem­pre o non lo è mai. Met­ten­do­mi nei pan­ni dell’ag­gres­so­re non po­trei che gioi­re: scel­go io il mo­men­to mi­glio­re per de­lin­que­re con il mi­nor ri­schio pos­si­bi­le».

Le al­tre at­te­nuan­ti per chi spa­ra ai la­dri: la col­pa è esclu­sa se chi spa­ra per er­ro­re lo fa in uno sta­to di «gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co» cau­sa­to dall’ag­gres­sio­ne; e la rea­zio­ne de­ve es­se­re sem­pre pro­por­zio­na­le all’of­fe­sa (Le­ga, For­za Ita­lia, Fra­tel­li d’Ita­lia chie­de­va­no che la di­fe­sa fos­se con­si­de­ra­ta au­to­ma­ti­ca­men­te le­git­ti­ma ogni vol­ta che c’è un as­sal­to vio­len­to). La quar­ta no­vi­tà ri­cor­da pa­rec­chio il «fon­do Stac­chio» isti­tui­to dalla Re­gio­ne per pa­ga­re gli av­vo­ca­ti a chi im­brac­cia il fu­ci­le con­tro i ra­pi­na­to­ri e boc­cia­to dalla Corte Co­sti­tu­zio­na­le per in­com­pe­ten­za: col nuo­vo ar­ti­co­lo 52, le spe­se pro­ces­sua­li e le par­cel­le per l’av­vo­ca­to le pa­ga lo Sta­to nel ca­so in cui il giu­di­ce di­chia­ri la non pu­ni­bi­li­tà per di­fe­sa le­git­ti­ma.

Va da sé che per la mag­gio­ran­za a Mon­te­ci­to­rio è una buo­na leg­ge. «Rap­pre­sen­ta la ri­spo­sta giu­sta di fron­te a una cri­mi­na­li­tà che è sem­pre più de­di­ta ai fur­ti nelle at­ti­vi­tà e nelle abi­ta­zio­ni – di­ce il de­pu­ta­to ve­ne­zia­no di Al­ter­na­ti­va po­po­la­re An­drea Cau­sin - non pos­sia­mo più con­sen­ti­re che un pa­dre di fa­mi­glia sia sot­to­po­sto a lun­ghi anni di pro­ces­so per aver di­fe­so i pro­pri fi­gli e il pro­prio pa­tri­mo­nio da chi si in­tro­du­ce in ca­sa din not­te, quan­do si è più vul­ne­ra­bi­li. Il

Zan­can Una por­ca­ta Se il tur­ba­men­to non è gra­ve, il giu­di­ce ti con­dan­na E non pos­so di­fen­de­re la pro­prie­tà Ma­sco­lo Nor­ma da in­ter­pre­ta­re In Fran­cia mol­ti omicidi di aman­ti ma­sche­ra­ti da le­git­ti­ma di­fe­sa

fat­to stes­so che chi si di­fen­de pos­sa con­ta­re sul pia­no giu­ri­di­co di mag­gio­ri tu­te­le sarà un de­ter­ren­te per chi è in­ten­zio­na­to a de­lin­que­re».

Va da sé che per il go­ver­na­to­re Za­ia è «pes­si­ma». Non sono con­ten­ti nean­che i com­mer­cian­ti ve­ne­ti ar­ma­ti. «Pas­sia­mo dalla pa­del­la al­la bra­ce, que­sti par­la­men­ta­ri sono dei fol­li, han­no fat­to una por­ca­ta all’ita­lia­na», si ar­rab­bia Ro­ber­ti­no Zan­can, il gio­iel­lie­re di Pon­te di Nan­to che il 3 feb­bra­io 2015 fu as­sal­ta­to da cinque ban­di­ti e di­fe­so dal ben­zi­na­io Gra­zia­no Stac­chio che spa­rò e uc­ci­se Al­ba­no Cas­sol (le ac­cu­se per ec­ces­so di le­git­ti­ma di­fe­sa fu­ro­no poi ar­chi­via­te). «La co­sa che mi fa più pau­ra è que­sta co­sa del gra­ve tur­ba­men­to psi­chi­co – ar­go­men­ta – Chi ha lo stru­men­to di mi­su­ra del tur­ba­men­to? Se un giu­di­ce di­ce che il tur­ba­men­to è sta­to po­co, ti con­dan­na e non ti sal­va nean­che Ge­sù. De­vo­no smet­ter­la di pren­der­ci per i fon­del­li con leg­gi­ne elet­to­ra­li ti­po gli 80 eu­ro». Zan­can è sta­to pre­so di mi­ra così tan­te vol­te che nes­su­na com­pa­gnia è di­spo­sto ad as­si­cu­rar­lo e se­con­do il nuo­vo ar­ti­co­lo 52 po­treb­be di­fen­de­re il pro­prio pa­tri­mo­nio so­lo se fos­se in pe­ri­co­lo l’in­co­lu­mi­tà del de­ru­ba­to. «Se mi ra­pi­na­no co­sa fac­cio? Li aiu­to a riempire il sac­co? Il frut­to di una vi­ta di la­vo­ro vale meno del­la vi­ta di un de­lin­quen­te?»

Non è tut­to da but­ta­re, in­ve­ce, per Fran­co Bi­ro­lo, il ta­bac­ca­io di Ci­vé di Co­rez­zo­la as­sol­to in ap­pel­lo per aver uc­ci­so un la­dro mol­da­vo ven­ten­ne che la not­te del 24 gennaio 2012 si in­tro­dus­se nel­la sua ta­bac­che­ria con altri tre com­pli­ci. «Un pic­co­lo pas­so, an­co­ra in­suf­fi­cien­te ma non è det­to che al Se­na­to non sarà mo­di­fi­ca­ta – ri­flet­te – Of­fre mag­gio­re tu­te­la se l’ag­gres­sio­ne è not­tur­na, an­che io fui sve­glia­to al­le due di not­te, ma chi sta­bi­li­sce se era ab­ba­stan­za o po­co buio? In quel mo­men­to non hai tem­po di ca­pi­re, di ri­flet­te­re se è buio, se sei tur­ba­to. Re­sta trop­po am­pio il mar­gi­ne di in­ter­pre­ta­bi­li­tà del­la nor­ma. Però è giu­sto che sia un giu­di­ce a de­ci­de­re nei ca­si gra­vi do­ve nel­la col­lut­ta­zio­ne ci scap­pa il mor­to». Bi­ro­lo, ri­cor­da il suo av­vo­ca­to Luio­gi­no Mar­tel­la­to, è sta­to as­sol­to in se­con­do gra­do pro­prio per­ché fu pro­va­to il tur­ba­men­to psi­chi­co. «Ma la cri­ti­ci­tà del­la ri­for­ma è che a pro­ces­so si va co­mun­que – osserva – Io il tur­ba­men­to pos­so aver­lo an­che di gior­no. E se in­ve­ce l’ag­gres­sio­ne av­vie­ne al tra­mon­to o all’al­ba?».

Que­sta del ra­pi­na­to­re che vie­ne di not­te co­me la Be­fa­na e gli aman­ti è uno de­gli ele­men­ti più con­tro­ver­si. «In Fran­cia, quan­do le­gi­fe­ra­ro­no sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa spe­ci­fi­can­do que­sto ele­men­to del­la not­te, fu­ro­no am­maz­za­ti un sac­co di aman­ti», ri­cor­da il giu­di­ce An­ge­lo Ma­sco­lo, il ma­gi­stra­to «ar­ma­to» sot­to pro­ce­du­ra di­sci­pli­na­re del Csm. «Ci fu chi ne ap­pro­fit­tò per fa­re fuo­ri l’aman­te e far­la fran­ca con la scu­sa dell’in­tru­sio­ne not­tur­na. Quan­do sarà leg­ge, ap­pli­che­rò l’ar­ti­co­lo 52 con buon­sen­so per­ché la nor­ma­ti­va al­lo sta­to non è an­co­ra chia­ra ed è com­ples­sa da in­ter­pre­ta­re. Ad esem­pio, se il tur­ba­men­to è sba­glia­to, si spa­ra e poi si sco­pre di aver uc­ci­so un bam­bi­no? Ma di not­te non lo si po­te­va sa­pe­re». Al­la fi­ne, me­glio la­scia­re la leg­ge così com’è, di­ce l’av­vo­ca­to di Stac­chio Mar­co Dal Ben. «La for­mu­la­zio­ne pre­ce­den­te era già un com­pro­mes­so equi­li­bra­to tra l’esi­gen­za di re­pres­sio­ne di com­por­ta­men­ti ab­nor­mi e quel­la di ga­ran­ti­re l’im­pu­ni­ta a chi rea­gi­sce ad una si­tua­zio­ne di pe­ri­co­lo – spie­ga – E’ sta­ta quel­la nor­ma a con­dur­re all’ar­chi­via­zio­ne per il mio as­si­sti­to».

Bi­ro­lo Un pic­co­lo pas­so, ma la leg­ge è mi­glio­ra­bi­le Chi sta­bi­li­sce se era ab­ba­stan­za buio?

Ar­ma­ti con­tro i ban­di­ti Al cen­tro, col giac­co­me bian­co, Ro­ber­to Zan­can e a de­stra Gra­zia­no Stac­chio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.