Be­n­ji e Fe­de li­ve «Noi, le fi­gu­ri­ne e i sex sym­bol»

Do­ma­ni in con­cer­to al Gran Teatro Geox di Pa­do­va, poi in lu­glio al Po­ste­pay Sound di Piaz­zo­la. «Ci han­no de­di­ca­to per­si­no un al­bum con 168 fi­gu­ri­ne Noi sex sym­bol? L’aspet­to aiu­ta ed è una par­te del­la no­stra co­mu­ni­ca­zio­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ver­ni

«Chi ascol­ta mu­si­ca vuo­le sva­gar­si, spe­ra­re in qual­co­sa di mi­glio­re o sem­pli­ce­men­te pen­sa­re a co­se po­si­ti­ve». La mu­si­ca di Be­n­ji & Fe­de par­la di amicizia, amore e viag­gi, del la­to lu­mi­no­so del­la vi­ta, rac­con­ta­to pri­ma in «20:05» e poi in «0+», dop­pio disco di pla­ti­no. La cop­pia pop più ama­ta dal­le tee­na­ger, do­ma­ni sarà al Gran Teatro Geox di Pa­do­va (ore 20.05, in­fo www.zed­li­ve.com) e ri­tor­ne­rà poi il 16 lu­glio al Po­ste­pay Sound di Piaz­zo­la sul Bren­ta, Pa­do­va. Ne ab­bia­mo par­la­to con Fe­de­ri­co Ros­si, in ar­te Fe­de.

«0+» è il vo­stro grup­po san­gui­gno, che co­sa la le­ga a Be­n­ji ol­tre a que­sto?

«Quel “0+” è un sim­bo­lo ma ri­spec­chia la co­mu­nan­za del­le no­stre idee mu­si­ca­li e di vi­ta. Con­di­vi­dia­mo un percorso da sei anni e la vo­glia di ma­ni­fe­sta­re quel­lo che sen­tia­mo at­tra­ver­so la mu­si­ca».

Il vo­stro pub­bli­co è fat­to so­prat­tut­to da tee­na­ger, la co­sa vi fa pia­ce­re?

«Mol­te band sono par­ti­te con un pub­bli­co mol­to giovane. Cer­to ci fa pia­ce­re, ma pun­tia­mo con il tem­po a coin­vol­ge­re un pub­bli­co sem­pre mag­gio­re. Ab­bia­mo co­mun­que un bel­lis­si­mo rap­por­to con le per­so­ne che ci se­guo­no».

Il mer­chan­di­sing uf­fi­cia­le l’ave­te di­se­gna­to voi.

«Ci sia­mo chie­sti co­me mai far­lo fa­re ad altri se po­te­va­mo di­se­gnar­lo noi. Vi­sto che per noi è una co­sa per­so­na­le pro­prio co­me la mu­si­ca, ci sia­mo di­ver­ti­ti a crear­lo».

Ave­te per­fi­no un al­bum di fi­gu­ri­ne...

«La Pa­ni­ni è di Mo­de­na co­me noi e sia­mo cre­sciu­ti fa­cen­do la col­le­zio­ne di fi­gu­ri­ne dei cal­cia­to­ri. Quan­do ce l’han­no pro­po­sto ab­bia­mo ac­cet­ta­to con en­tu­sia­smo. Sta an­dan­do mol­to be­ne, ve­der­ci sulle fi­gu­ri­ne ci fa un po’ im­pres­sio­ne

ma ci emo­zio­na». L’al­bum è com­po­sto da 168 fi­gu­ri­ne! Qual­cu­no l’ha com­ple­ta­to? «È già successo, ce ne han­no mo­stra­ti di già com­ple­ti!». Che fi­gu­ri­ne col­le­zio­na­va­te da bam­bi­ni? «Quel­le dei cal­cia­to­ri. Sono mol­to ap­pas­sio­na­to di cal­cio, non sono ti­fo­so, ma l’ho sem­pre gio­ca­to». Mol­te ra­gaz­ze og­gi han­no il vo­stro po­ster in ca­me­ra, lei che po­ster ave­va? «Mai avu­to un po­ster. Non ho mai avu­to ido­li, so­lo per­so­ne che sti­ma­vo». Es­se­re sex sym­bol fa par­te dell’es­se­re pop star? «Non mi sen­to un sex sym­bol ma l’aspet­to ci aiu­ta. È una par­te del­la no­stra co­mu­ni­ca­zio­ne». An­che avere ha­ter fa par­te del gio­co?

«Guai se non ci fos­se­ro, vor­reb­be di­re che non ab­bia­mo con­clu­so gran­ché». Qual è il re­ga­lo più stra­no che le han­no fat­to i fan? «Il gior­no del mio 23esi­mo compleanno mi han­no fat­to tro­va­re fuo­ri dal can­cel­lo di ca­sa due enor­mi pal­lon­ci­ni con i due nu­me­ri che com­po­ne­va­no la ci­fra».

Tra i fea­tu­ring dell’al­bum c’è an­che quel­lo di Max Pez­za­li che fa par­te di una ge­ne­ra­zio­ne di­ver­sa dalla vo­stra. Che co­sa vi piace del­la sua mu­si­ca? «Max ha se­gna­to la mia ado­le­scen­za. Mi ri­cor­do di in­te­re se­ra­te al ka­rao­ke pas­sa­te a cantare le sue canzoni. Col­la­bo­rar­ci è sta­to un sogno».

Fenomeno Be­n­ji e Fe­de in con­cer­to: do­ma­ni sa­ran­no al Gran Teatro Geox

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.