Tre ipo­te­si per il Pd «Ma og­gi il no­stro can­di­da­to è lui»

In ca­so di ri­nun­cia si fan­no i no­mi di Zi­lio e di Zac­ca­ria

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Da­vi­de D’At­ti­no

Una spal­la che lo aiu­ti in cam­pa­gna elet­to­ra­le se vor­rà con­ti­nua­re; un nuo­vo can­di­da­to; la ri­vo­lu­zio­ne del­le al­lean­ze. Il Pd si strin­ge al­la fa­mi­glia e va­lu­ta tre ipo­te­si: «Ma ad og­gi il can­di­da­to è lui e per noi lo re­ste­rà an­che in futuro»

PA­DO­VA E ades­so? L’in­ter­ro­ga­ti­vo che tut­ti si fan­no, den­tro e fuo­ri la gran­de se­de elet­to­ra­le di Ser­gio Gior­da­ni in piaz­za dei Frut­ti, a due pas­si dal Pa­laz­zo del­la Ra­gio­ne, è que­sto. Quel­le pro­nun­cia­te ie­ri dal se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le del Pd Mas­si­mo Bet­tin, per quan­to net­te, so­no ine­vi­ta­bil­men­te sem­bra­te pa­ro­le di cir­co­stan­za. Per pren­de­re tem­po. E rin­via­re di qual­che gior­no, an­che se i mar­gi­ni di ma­no­vra pa­io­no ab­ba­stan­za stret­ti, even­tua­li de­ci­sio­ni dra­sti­che. «Sol­tan­to tra ven­ti­quat­tro o qua­ran­tot­to o for­se set­tan­ta­due ore – si è li­mi­ta­to a di­re (vi­si­bil­men­te com­mos­so) Bet­tin, uno dei prin­ci­pa­li ar­te­fi­ci non so­lo del­la ca­du­ta an­ti­ci­pa­ta dell’ex sin­da­co le­ghi­sta Mas­si­mo Bi­ton­ci ma pu­re del­la can­di­da­tu­ra a primo cit­ta­di­no di Gior­da­ni – po­tre­mo ave­re un qua­dro più chia­ro ri­spet­to a ora del­le con­di­zio­ni di sa­lu­te di Ser­gio. In que­sto mo­men­to, non possiamo far al­tro che strin­ger­ci at­tor­no a lui e al­la sua fa­mi­glia. E non possiamo non ri­ba­di­re che Ser­gio era, è e re­ste­rà il lea­der del­la no­stra coa­li­zio­ne. La qua­le – ha con­clu­so il gio­va­ne se­gre­ta­rio de­mo­cra­ti­co, che su que­sta tor­na­ta elet­to­ra­le ha in­ve­sti­to gran par­te del suo pre­sen­te e so­prat­tut­to futuro po­li­ti­co – di­ven­te­rà cer­ta­men­te ancora più uni­ta do­po quel­lo che è suc­ces­so».

Al di là del­le di­chia­ra­zio­ni uf­fi­cia­li, la pre­oc­cu­pa­zio­ne (per non di­re di­spe­ra­zio­ne) è tan­ta. Per­ché l’ipo­te­ti­ca usci­ta di sce­na di Gior­da­ni, che an­che se si ri­pren­des­se a bre­ve po­treb­be co­mun­que non es­se­re più in gra­do (ma­ga­ri su di­spo­si­zio­ne dei me­di­ci) di pro­se­gui­re la cam­pa­gna e di man­te­ne­re la can­di­da­tu­ra a sin­da­co, met­te­reb­be in gros­sa dif­fi­col­tà non so­lo il Pd ma pu­re tut­te le al­tre va­rie­ga­te for­ze, le­ga­te a par­ti­ti e mo­vi­men­ti ci­vi­ci ab­ba­stan­za dis­si­mi­li dal pun­to di vi­sta ideo­lo­gi­co, che han­no mes­so da par­te le lo­ro di­ver­si­tà e si so­no al­lea­te a so­ste­gno dell’im­pren­di­to­re pre­sta­to al­la po­li­ti­ca. Tra una set­ti­ma­na in­fat­ti, en­tro sa­ba­to pros­si­mo a mez­zo­gior­no, sca­do­no i ter­mi­ni per la pre­sen­ta­zio­ne del­le li­ste, ognu­na del­le qua­li de­ve es­se­re sot­to­scrit­ta da al­me­no 350 per­so­ne. E quin­di, qua­lo­ra le co­se do­ves­se­ro ir­ri­me­dia­bil­men­te pre­ci­pi­ta­re, il tem­po a di­spo­si­zio­ne (per ri­fa­re tut­to dac­ca­po) sa­reb­be dav­ve­ro po­co.

Ad ora, nel ca­so l’ex pre­si­den­te dell’In­ter­por­to fos­se co­stret­to ad al­za­re ban­die­ra bian­ca, le al­ter­na­ti­ve sul tap­pe­to sa­reb­be­ro es­sen­zial­men­te tre.

La pri­ma sa­reb­be quel­la di con­fer­ma­re l’at­tua­le rag­grup­pa­men­to a sup­por­to di Gior­da­ni, spe­ran­do in una sua pie­na ri­pre­sa nel gi­ro di qual­che set­ti­ma­na e tro­van­do uno de­gli uo­mi­ni a lui più vi­ci­ni (ad esem­pio l’ami­co av­vo­ca­to Diego Bo­na­vi­na, ex cal­cia­to­re del Pa­do­va) che ci met­ta tem­po­ra­nea­men­te la fac­cia e fun­ga da ga­ran­te.

La se­con­da in­ve­ce sa­reb­be quel­la di as­si­cu­ra­re lo sche­ma esi­sten­te, vi­ran­do pe­rò su un al­tro can­di­da­to sin­da­co (si fan­no i no­mi, tra gli al­tri, del pre­si­den­te del­la Ca­me­ra di Com­mer­cio Fer­nan­do Zi­lio e dell’ex ret­to­re dell’Uni­ver­si­tà Giu­sep­pe Zac­ca­ria) che sia ca­pa­ce di te­ne­re as­sie­me il Pd e i co­sid­det­ti mo­de­ra­ti di cen­tro­de­stra che fan­no ca­po al sot­to­se­gre­ta­rio di Al­ter­na­ti­va Po­po­la­re (già Ncd) Bar­ba­ra De­ga­ni e tra i qua­li ci so­no pu­re al­cu­ni ex as­ses­so­ri e con­si­glie­ri che per due an­ni e mez­zo han­no go­ver­na­to Pa­do­va con Bi­ton­ci.

La ter­za via, che a pri­ma vi­sta par­reb­be la più lo­gi­ca ma che in real­tà com­por­te­reb­be più di qual­che osta­co­lo, sa­reb­be in­fi­ne quel­la di far con­ver­ge­re sul pro­fes­sor Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, do­cen­te di Economia Ap­pli­ca­ta al Bo e aspi­ran­te primo cit­ta­di­no per Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca (ras­sem­ble­ment di cen­tro­si­ni­stra che ha già den­tro pa­rec­chi sim­pa­tiz­zan­ti de­mo­cra­ti­ci), al­me­no un pa­io del­le sei li­ste for­ma­te per Gior­da­ni, men­tre le al­tre po­treb­be­ro rior­ga­niz­zar­si at­tor­no a un al­tro can­di­da­to sin­da­co più spo­sta­to al cen­tro e a de­stra. Il qua­le, re­stan­do sem­pre nel cam­po del­le sup­po­si­zio­ni, po­treb­be es­se­re in­di­vi­dua­to nell’ex se­na­to­re di An Mau­ri­zio Sa­ia, cioè l’ex as­ses­so­re bi­ton­cia­no al­la Si­cu­rez­za che, a me­tà no­vem­bre scor­so, si è di­mes­so po­che ore pri­ma che l’al­lo­ra in­qui­li­no nu­me­ro uno del Co­mu­ne ve­nis­se sfi­du­cia­to.

Quel­le di og­gi e do­ma­ni, pri­ma per ca­pi­re le rea­li con­di­zio­ni di sa­lu­te di Gior­da­ni e poi per de­ci­de­re il da far­si, sa­ran­no gior­na­te de­ci­si­ve. E di cer­to, per sta­bi­li­re se l’ex pa­tron del Calcio Pa­do­va po­trà ancora es­se­re del­la par­ti­ta o me­no, sa­rà de­ter­mi­nan­te, mai co­me negli ul­ti­mi 100 gior­ni, la vo­lon­tà del­la sua fa­mi­glia. Del­la mo­glie Lu­cia e dei fi­gli An­to­nio e Pao­la.

Nel frat­tem­po, do­ven­do ra­gio­na­re con i fred­di e im­pie­to­si calcoli del­la po­li­ti­ca, è in­ne­ga­bi­le che l’even­tua­le for­fait dell’ex pre­si­den­te dell’In­ter­por­to, a po­co più di un me­se dalle ele­zio­ni dell’11 giu­gno pros­si­mo, da­reb­be un gran­de van­tag­gio all’ex sin­da­co Bi­ton­ci, di nuo­vo in cam­po ap­pog­gia­to da Le­ga, For­za Ita­lia, Fra­tel­li d’Ita­lia, Di­re­zio­ne Ita­lia e al­tre tre ci­vi­che.

Mas­si­mo Bet­tin (Se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le Pd) So­lo tra 48-72 ore po­tre­mo ave­re un qua­dro più chia­ro ri­spet­to a ora del­le con­di­zio­ni di sa­lu­te di Ser­gio. In que­sto mo­men­to, non possiamo far al­tro che strin­ger­ci at­tor­no a lui e al­la sua fa­mi­glia. E non possiamo non ri­ba­di­re che Ser­gio era, è e re­ste­rà il lea­der del­la no­stra coa­li­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.