Gran­de pas­sio­ne, in­con­tri e si­ga­ret­te: più di tre me­si col pie­de sull’ac­ce­le­ra­to­re

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - D. D’A. © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

PA­DO­VA Tut­to è co­min­cia­to nel­la Sa­la Ver­de del Caf­fè Pe­droc­chi, in pie­no cen­tro. Do­ve il 25 gen­na­io scor­so, con a fian­co l’ami­co av­vo­ca­to non­ché ex cal­cia­to­re del Pa­do­va Diego Bo­na­vi­na, l’im­pren­di­to­re Ser­gio Gior­da­ni, che mer­co­le­dì pros­si­mo com­pi­rà 64 an­ni, ha uf­fi­cia­liz­za­to la sua can­di­da­tu­ra «ci­vi­ca» a sin­da­co del­la cit­tà del San­to.

E tut­to ri­schia ma­lau­gu­ra­ta­men­te di con­clu­der­si, pro­prio ades­so che man­ca po­co più di un me­se alle ele­zio­ni am­mi­ni­stra­ti­ve dell’11 giu­gno, nei lo­ca­li in­ti­to­la­ti a Ip­po­li­to Nie­vo in via Pio­ve­se, a Vol­ta­ba­roz­zo, pe­ri­fe­ria Sud del ca­po­luo­go. Do­ve l’al­tra se­ra l’ex pre­si­den­te dell’In­ter­por­to, già pa­tron dell’ul­ti­mo Calcio Pa­do­va pro­mos­so in se­rie A nel 1994, ha ac­cu­sa­to un gra­ve e im­prov­vi­so malore, che ora po­treb­be estro­met­ter­lo dal­la cor­sa a Pa­laz­zo Mo­ro­ni. In mez­zo, den­tro una cam­pa­gna elet­to­ra­le par­ti­ta mol­to pre­sto (in pra­ti­ca sei me­si fa, quan­do l’al­lo­ra primo cit­ta­di­no le­ghi­sta Mas­si­mo Bi­ton­ci è sta­to sfi­du­cia­to da 17 con­si­glie­ri co­mu­na­li e la reg­gen­za del mu­ni­ci­pio, per la pri­ma vol­ta nel­la sua sto­ria, è fi­ni­ta nel­le ma­ni di un com­mis­sa­rio), ci so­no sta­ti 100 gior­ni ton­di di in­con­tri pub­bli­ci, riu­nio­ni pri­va­te, te­le­fo­na­te in­fi­ni­te, so­pral­luo­ghi di qua e di là, ap­pun­ta­men­ti isti­tu­zio­na­li, ab­brac­ci e stret­te di ma­no nei mer­ca­ti rio­na­li, con­fe­ren­ze stam­pa, ospi­ta­te te­le­vi­si­ve e chi più ne ha più ne met­ta. In­som­ma, l’ine­vi­ta­bi­le quo­ti­dia­ni­tà di chi si can­di­da a go­ver­na­re una cit­tà con più di 200mi­la abi­tan­ti. Qua­si una pas­seg­gia­ta di sa­lu­te per chi, co­me ad esem­pio l’ex sin­da­co Bi­ton­ci (l’uomo da bat­te­re alle ele­zio­ni in ca­len­da­rio tra cinque set­ti­ma­ne), fa l’am­mi­ni­stra­to­re pub­bli­co da ben 23 an­ni. Ma, evi­den­te­men­te, una ma­ra­to­na da cor­re­re al rit­mo di un cen­to­me­tri­sta per chi, co­me ap­pun­to Gior­da­ni, non è un po­li­ti­co di pro­fes­sio­ne. E, di con­se­guen­za, non è abi­tua­to a sta­re sot­to la lu­ce dei ri­flet­to­ri an­che per 18 ore al gior­no. Già. Per­ché in que­st’este­nuan­te sa­li­ta do­lo­mi­ti­ca che ora ri­schia di stop­par­si pro­prio sot­to il car­tel­lo dell’ul­ti­mo chi­lo­me­tro, l’ex nu­me­ro uno bian­co­scu­da­to, og­gi ti­to­la­re del­la ca­te­na di ne­go­zi Non So­lo Sport, si è fi­si­ca­men­te spe­so in pri­ma persona co­me for­se nes­su­no po­te­va im­ma­gi­na­re. Tanto da per­de­re, per sua stes­sa am­mis­sio­ne, più di sei chi­li. Si è sem­pre sve­glia­to alle sei del mat­ti­no e non è mai an­da­to a let­to pri­ma del­le due di not­te. Ha spes­so sal­ta­to i pran­zi e le ce­ne. Ha be­vu­to li­tri di caf­fè, con­su­ma­to de­ci­ne di bar­ret­te ener­ge­ti­che, pre­so par­te a con­ti­nui ape­ri­ti­vi e fu­ma­to cen­ti­na­ia di si­ga­ret­te. Mal­gra­do i ri­pe­tu­ti in­vi­ti del­la mo­glie Lu­cia e dei fi­gli An­to­nio e Pao­la a ri­dur­re il ca­ri­co di ap­pun­ta­men­ti, Gior­da­ni non si è mai ri­spar­mia­to e ha dav­ve­ro mes­so tut­to sé stes­so in que­st’av­ven­tu­ra per lui ine­di­ta: «Non ho nes­su­na tes­se­ra di par­ti­to – il suo man­tra – Non de­vo fa­re car­rie­ra po­li­ti­ca. Non ho bi­so­gno di pub­bli­ci­tà e tan­to­me­no di uno sti­pen­dio. Ho sol­tan­to un pic­co­lo di­fet­to: so­no in­na­mo­ra­to di Pa­do­va.

Que­sta cit­tà mi ha da­to tanto. Ed è ar­ri­va­to il mo­men­to che io le re­sti­tui­sca qual­co­sa». Il suo de­si­de­rio prin­ci­pa­le, in que­sti tre me­si e mez­zo di cam­pa­gna, è sta­to quel­lo di sta­re in mez­zo al­la gen­te. Di far­si co­no­sce­re e ap­prez­za­re. Per­ché, a suo di­re, do­ve­va col­ma­re un de­fi­cit di po­po­la­ri­tà ri­spet­to a Bi­ton­ci. E, dan­do ret­ta ai tan­ti uo­mi­ni del suo staff, ci sta­va riu­scen­do. E pu­re be­ne. Ma Gior­da­ni, negli ul­ti­mi 100 gior­ni vis­su­ti con l’ac­ce­le­ra­to­re co­stan­te­men­te pi­gia­to, ha do­vu­to smus­sa­re an­che i com­ples­si an­go­li del­la po­li­ti­ca, me­dian­do in con­ti­nua­zio­ne con le va­rie for­ze, par­ti­ti­che e ci­vi­che, che com­pon­go­no il suo schie­ra­men­to. «Io non mol­lo», ha pub­bli­ca­men­te scan­di­to l’al­tra mat­ti­na, die­ci ore pri­ma di sen­tir­si ma­le, du­ran­te la pre­sen­ta­zio­ne del suo pro­gram­ma. For­se qual­cu­no, aven­do­lo vi­sto più stan­co e stres­sa­to del so­li­to, gli ave­va sug­ge­ri­to di ral­len­ta­re. Pe­rò lui, è fat­to co­sì, ha ti­ra­to drit­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.