Il ses­so, la mor­te, il cor­po nel fiu­me Fred­dy rac­con­ta la ma­le­det­ta not­te

Cin­que pa­gi­ne scrit­te in cel­la Il ses­so estre­mo, la mor­te im­prov­vi­sa e il «truc­co» del giub­bi­no. Ma per l’ac­cu­sa l’omi­ci­da è la so­rel­la De­bo­ra

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Nicola Mu­na­ro

PA­DO­VA Al pro­ces­so per l’omi­ci­dio di Isa­bel­la No­ven­ta, Fred­dy Sor­ga­to in un me­mo­ria­le rac­con­ta la sua ve­ri­tà su quel­la ma­le­det­ta not­te. «È mor­ta du­ran­te un gio­co ero­ti­co. Fui as­sa­li­to dal pa­ni­co».

PA­DO­VA Do­po un an­no e due me­si di si­len­zio, Fred­dy Sor­ga­to de­ci­de di rac­chiu­de­re in cin­que pa­gi­ne scrit­te a pen­na nel­la sua cel­la del car­ce­re Due Pa­laz­zi di Pa­do­va tut­to quel­lo che ha da di­re su Isa­bel­la No­ven­ta, la sua ex fi­dan­za­ta uc­ci­sa e fat­ta spa­ri­re nel buio del­la not­te tra il 15 e il 16 gen­na­io 2016 do­po una piz­za all’Est Est Est di Lion di Al­bi­gna­se­go (a po­chi chi­lo­me­tri da do­ve lei abi­ta­va) e – di­ce lui – do­po una not­te di ses­so estre­mo nel­la sua ca­sa di No­ven­ta Pa­do­va­na. Una se­ra­ta che non avreb­be do­vu­to es­se­re poi tan­to di­ver­sa da quel so­li­to co­pio­ne fat­to di ses­so estre­mo che i due ave­va­no ini­zia­to a re­ci­ta­re al­cu­ni me­si pri­ma. Gio­chi ero­ti­ci che a det­ta di Fred­dy era­no un de­si­de­rio di Isa­bel­la: era sta­ta lei a chie­der­gli di di­ven­ta­re il suo «ami­co di let­to sen­za pre­te­se» do­po aver­lo in­con­tra­to di nuo­vo, e per ca­so, du­ran­te una sa­gra. Ini­zia­no co­sì i cin­que fo­gli pie­ni zep­pi del­la sua ve­ri­tà, per­mea­ti del rap­por­to tra lui e lei, la don­na con cui ave­va una re­la­zio­ne e per cui ora ri­schia l’er­ga­sto­lo.

Quel­lo che ie­ri è di­ven­ta­to a tut­ti gli ef­fet­ti il me­mo­ria­le di Fred­dy, è ades­so nel fa­sci­co­lo del giu­di­ce Te­cla Ce­sa­ro: si trat­ta di una spie­ga­zio­ne più det­ta­glia­ta di quel­la fra­se sus­sur­ra­ta a den­ti stret­ti il 18 feb­bra­io dell’an­no scor­so du­ran­te l’udien­za di con­va­li­da dell’ar­re­sto, quan­do ave­va pro­va­to a giu­sti­fi­car­si dell’ac­cu­sa am­met­ten­do che Isa­bel­la era «mor­ta du­ran­te un gio­co ero­ti­co» e il suo cor­po era fi­ni­to nel Bren­ta «per­ché ero spa­ven­ta­to». Ades­so il ca­mio­ni­sta che ama­va tra­ve­stir­si e par­te­ci­pa­re a fe­ste in ma­sche­ra sem­pre cir­con­da­to da don­ne, va ol­tre par­ten­do dal prin­ci­pio del­la sua sto­ria con Isa­bel­la. Do­po aver mes­so ne­ro su bian­co che era Isa­bel­la a vo­le­re i gio­chi ero­ti­ci, chie­den­do­gli di tro­var­si ogni die­ci gior­ni per con­su­ma­re l’ac­cor­do sti­pu­la­to a lu­glio 2015, Fred­dy ri­cor­da co­me lui e Isa­bel­la si fos­se­ro co­no­sciu­ti du­ran­te una se­ra­ta di bal­lo nel 2013.

I due, si leg­ge an­co­ra nel me­mo­ria­le, si era­no su­bi­to tro­va­ti in sin­to­nia e in for­te sim­pa­tia no­no­stan­te Isa­bel­la fos­se una don­na mol­to ge­lo­sa e con­ti­nui era­no i bat­ti­bec­chi tra i due. Con­tra­sti che – scri­ve an­co­ra Sor­ga­to – li ave­va­no por­ta­ti a li­ti­ga­re spes­so e che era­no sta­ti la cau­sa prin­ci­pa­le di un par­zia­le al­lon­ta­na­men­to che Fred­dy, con­fes­sa, più vol­te ave­va ten­ta­to di re­cu­pe­ra­re sen­za suc­ces­so. Co­sì do­po po­co tempo il rap­por­to tra i due era nau­fra­ga­to fi­no a lu­glio 2015 (sei me­si pri­ma dell’omi­ci­dio) quan­do Isa­bel­la e Fred­dy si tro­va­no per ca­so ad una sa­gra.

È lì che Fred­dy si ac­cor­ge di un cam­bia­men­to in Isa­bel­la: il ca­mio­ni­sta af­fi­da al me­mo­ria­le l’im­pres­sio­ne di aver tro­va­to una don­na com­ple­ta­men­te cam­bia­ta, una si­gno­ra più di­si­ni­bi­ta che gli ha chie­sto sen­za tanti mez­zi ter­mi­ni di di­ven­ta­re il suo «ami­co di let­to sen­za pre­te­se». Un ac­cor­do che fa ri­pren­de­re i con­tat­ti tra i due che più o me­no ogni die­ci gior­ni si tro­va­no a man­gia­re una piz­za per poi pas­sa­re una not­te di ses­so (estre­mo, è scrit­to nel me­mo­ria­le)a ca­sa di uno o dell’al­tra. Il pic­co di que­sta nuo­va in­fa­tua­zio­ne Fred­dy lo col­lo­ca in un viag­gio che i due han­no fat­to a set­tem­bre 2015 ma che non è ser­vi­to a da­re il sal­to di qua­li­tà al rap­por­to. Che è con­ti­nua­to «sen­za pre­te­se» per l’au­tun­no e l’in­ver­no del 2015.

Co­sì do­ve­va es­se­re an­che la se­ra del 15 gen­na­io 2016. Una se­ra che in­ve­ce se­gne­rà l’ini­zio del­la fi­ne. Fred­dy e Isa­bel­la – con­ti­nua il re­so­con­to – si sen­to­no al­la mat­ti­na per met­ter­si d’ac­cor­do sul pro­gram­ma del­la se­ra­ta: lui le di­ce che sa­reb­be pas­sa­to a pren­der­la al­le 20.30 per an­da­re in piz­ze­ria e poi avreb­be­ro fat­to ses­so. Tut­to be­ne fin­ché Fred­dy non vie­ne col­to da un for­te ca­po­gi­ro che lo spin­ge a tor­na­re a ca­sa sua e pren­de­re una pa­sti­glia. Ar­ri­va­ti in ca­sa di Fred­dy, in via Sab­bio­ni a No­ven­ta Pa­do­va­na, lui e Isa­bel­la de­ci­do­no di fa­re ses­so e du­ran­te «que­sto gio­co ero­ti­co lei si ac­ca­scia sen­za da­re se­gno al­cu­no, se­non­ché (co­sì sul fi­ni­re del­le cin­que pa­gi­ne mes­se nel­le ma­ni del giu­di­ce) mi ap­pre­sta­vo im­me­dia­ta­men­te a dar­le soc­cor­so. Lei pe­rò era iner­me».

Fred­dy a quel pun­to am­met­te di es­se­re col­to dal pa­ni­co e spa­ven­ta­to, do­po aver ca­pi­to che Isa­bel­la era mor­ta, de­ci­de di far­si una doc­cia per pen­sa­re co­sa fa­re. Quel cor­po mes­so in un sac­co in­fat­ti «rap­pre­sen­ta­va una gra­ve minaccia» per la sua vi­ta. «Fin­ché ero in doc­cia – ri­co­strui­sce an­co­ra lui – mi suo­na la por­ta». A chie­de­re di en­tra­re è Ma­nue­la Cac­co (igna­ra di tut­to) che do­ve­va an­da­re a una fe­sta a Pa­do­va. Fred­dy al­lo­ra si ri­cor­da che Isa­bel­la gli ave­va par­la­to di un suo ap­pun­ta­men­to con un’ami­ca in piaz­za In­sur­re­zio­ne a Pa­do­va: è in quel mo­men­to che lui de­ci­de di far in­dos­sa­re all’al­lo­ra aman­te il giub­bi­no bian­co di Isa­bel­la e por­tar­la in cen­tro per ve­de­re se qual­cu­no la po­tes­se ri­co­no­sce­re. «Nei gior­ni se­guen­ti – chiu­de il me­mo­ria­le – con­ti­nue­rà a im­per­ver­sa­re in me la pau­ra di quel­la not­te». «E’ l’en­ne­si­mo fan­go get­ta­to sul no­me e sul­la me­mo­ria di mia so­rel­la», ha commentato Pao­lo No­ven­ta, fra­tel­lo del­la vit­ti­ma do­po aver co­no­sciu­to il con­te­nu­to del­le cin­que pa­gi­ne scrit­te a ma­no. Pa­gi­ne che pe­rò sem­bra­no non ri­sol­ve­re i la­ti oscu­ri del­la vi­cen­da: Fred­dy non chia­ri­sce che fi­ne ab­bia fat­to il cor­po di Isa­bel­la, che re­sta un pun­to oscu­ro nel suo rac­con­to. Co­me na­sco­sto è an­che il ruo­lo del­la so­rel­la De­bo­ra: lui non la ci­ta mai. Ma per l’ac­cu­sa è lei (che ie­ri ha an­nun­cia­to di vo­ler fa­re di­chia­ra­zio­ni pri­ma del­la chiu­su­ra) ad aver ucciso Isa­bel­la No­ven­ta.

Fred­dy Sor­ga­to Du­ran­te que­sto gio­co ero­ti­co lei si ac­ca­scia sen­za da­re se­gno al­cu­no, se­non­ché mi ap­pre­sta­vo im­me­dia­ta­men­te a dar­le soc­cor­so. Lei pe­rò era iner­me... Ero spa­ven­ta­to, quel cor­po era una minaccia per me...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.