Dall’as­sal­to al cam­pa­ni­le al re­fe­ren­dum: co­sa è ri­ma­sto e cos’è cam­bia­to 20 an­ni do­po

Za­ia: il fi­lo del­la Sto­ria uni­sce quel gior­no al re­fe­ren­dum di ot­to­bre Bet­tin: la si­ni­stra sia pro­ta­go­ni­sta

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mar­co Bo­net

Il Ve­ne­to di og­gi, che an­co­ra ane­la all’au­to­no­mia e si pre­pa­ra al re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre pros­si­mo, è an­che figlio dei Se­re­nis­si­mi che l’8 mag­gio del 1997 as­sal­ta­ro­no il cam­pa­ni­le di San Mar­co? Co­sa è ri­ma­sto e cos’è cam­bia­to vent’an­ni do­po.

VE­NE­ZIA Co­sa re­sta, vent’an­ni do­po, di quell’as­sal­to al Cam­pa­ni­le? Che si­gni­fi­ca­to ha avu­to, col sen­no di poi, quel ge­sto che i suoi idea­to­ri avreb­be­ro vo­lu­to ri­vo­lu­zio­na­rio, per la giu­sti­zia ita­lia­na è sta­to cri­mi­na­le e per mol­ti al­tri non è an­da­to ol­tre la mo­na­da pa­ne-e-salame? Il Ve­ne­to di og­gi, che gri­da all’au­to­no­mia e si pre­pa­ra con fer­men­to al re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre, è for­se an­che un po’ figlio dei Se­re­nis­si­mi che la not­te tra l’8 e il 9 mag­gio 1997 sbar­ca­ro­no in piaz­za San Mar­co a bor­do del fa­mi­ge­ra­to «tan­ko»? In­som­ma, quel­la not­te fi­ni­ta in di­ret­ta glo­ba­le sul­la Cnn ha dav­ve­ro con­tri­bui­to ad in­ca­na­la­re in un sen­so, piut­to­sto che in un al­tro, la Sto­ria del­la no­stra re­gio­ne?

Mas­si­mo Cac­cia­ri, all’epo­ca sin­da­co di Ve­ne­zia, è con­vin­to di no: «Di quel­la not­te lì non è ri­ma­sto nien­te». Clic. Ep­pu­re sia­mo an­co­ra qui a par­la­re del «re­fe­ren­dum di Za­ia» e del con­si­glio re­gio­na­le che ve­ner­dì si riu­ni­rà a Pa­laz­zo Fer­ro Fi­ni, ideal­men­te li­sta­to a lut­to, per ri­cor­da­re la ca­du­ta del­la Re­pub­bli­ca di San Mar­co il 12 mag­gio del 1797. An­co­ra at­ten­dia­mo di sa­pe­re co­me fi­ni­rà il pro­ces­so ai «nuo­vi Se­re­nis­si­mi» ac­cu­sa­ti dal­la pro­cu­ra di Bre­scia di as­so­cia­zio­ne con fi­na­li­tà ter­ro­ri­sti­che, men­tre quel­lo a ca­ri­co del­le Ca­mi­cie ver­di, che pu­re a que­ste la­ti­tu­di­ni af­fon­da le sue ra­di­ci nell’in­di­pen­den­ti­smo li­ghi­sta, si è con­clu­so sol­tan­to una set­ti­ma­na fa, do­po vent’an­ni, con in più la bef­fa per lo Sta­to di un ri­sar­ci­men­to di 7.360 eu­ro a fa­vo­re de­gli ac­cu­sa­ti. Cer­to ai Se­re­nis­si­mi che as­sal­ta­ro­no in ar­mi il Cam­pa­ni­le si so­no so­sti­tui­ti il «do­ge» Al­bert Gar­din ed il suo «ri­co­sti­tui­to Mag­gior Con­si­glio» che in­va­do­no Pa­laz­zo Du­ca­le do­po aver pa­ga­to al­lo «Sta­to ita­lia­no oc­cu­pan­te» re­go­la­re bi­gliet­to all’in­gres­so vi­si­ta­to­ri, ed è pur ve­ro che i par­ti­ti in­di­pen­den­ti­sti, ogni vol­ta che si so­no pre­sen­ta­ti al­le ele­zio­ni, non so­no mai an­da­ti ol­tre il 3%. Ma que­sto 3% va­le pur sem­pre 50 mi­la per­so­ne (e al­le ul­ti­me Re­gio­na­li i par­ti­ti era­no due sic­ché il to­ta­le fa 100 mi­la) co­me so­no cen­ti­na­ia le per­so­ne che ogni 25 apri­le in­va­do­no piaz­za San Mar­co al gri­do «Ve­ne­to libero!» e mol­te mi­glia­ia quel­le che non lo di­co­no ma col lo­ro «vo­to uti­le» a Za­ia in fon­do in fon­do un po’ ci spe­ra­no. In­som­ma, qui in Ve­ne­to pas­sa­no gli an­ni, ma la sto­ria non sem­bra mai riu­sci­re a far­si Sto­ria, la cro­na­ca sta sem­pre lì, due pas­si più avan­ti, a far­si in­se­gui­re.

«Non so­no pen­ti­to di ciò che ho fat­to – di­ce Lui­gi Fac­cia, uno de­gli ot­to Se­re­nis­si­mi, con­dan­na­to dal­la Cor­te d’ap­pel­lo di Ve­ne­zia a 3 an­ni e 5 me­si – ed an­zi, pen­so che og­gi più che mai ser­vi­reb­be un mo­vi­men­to in­di­pen­den­ti­sta for­te. Nel 1997 la Sto­ria re­ma­va con­tro di noi: il Ve­ne­to era ric­co, si sta­va be­ne, per­ché com­bat­te­re una guer­ra di li­be­ra­zio­ne? Ora, in­ve­ce, il ven­to sof­fie­reb­be a fa­vo­re: sia­mo vit­ti­me di una glo­ba­liz­za­zio­ne apo­ca­lit­ti­ca che ci sta di­strug­gen­do, dell’Eu­ro­pa che già all’epo­ca noi in­di­ca­va­mo co­me ma­tri­gna, dell’in­va­sio­ne dall’Afri­ca». Si tor­na sul Cam­pa­ni­le, dun­que? «Il pas­sa­to è pas­sa­to e non tor­na più. Ab­bia­mo avu­to il me­ri­to di ri­sve­glia­re le co­scien­ze, mai con­tro qual­cu­no, non ti­ram­mo man­co una sber­la, sem­pre e so­lo per il Ve­ne­to, e do­po di noi so­no na­te mol­te ini­zia­ti­ve cul­tu­ra­li e iden­ti­ta­rie vi­ve sul ter­ri­to­rio. Sul fron­te po­li­ti­co, in­ve­ce, c’è an­co­ra tan­to da fa­re ma vab­bè, si pren­de quel­lo che vie­ne. E il re­fe­ren­dum di Za­ia è sem­pre me­glio di nien­te».

Il giu­di­zio dei Se­re­nis­si­mi sul­la chia­ma­ta al vo­to del 22 ot­to­bre non è uni­vo­co (per Fla­vio Con­tin, «pa­trio­ta an­co­ra in lot­ta» e per que­sto sot­to pro­ces­so a Bre­scia, è ad esem­pio «un fal­li­men­to an­nun­cia­to») ep­pu­re per il governatore Lu­ca Za­ia un fi­lo idea­le uni­sce quel­la not­te del 1997 al­la sua «chia­ma­ta di po­po­lo» con­tro Roma, «il fi­lo del­la Sto­ria». L’as­sal­to a San Mar­co, se­con­do Za­ia, «eb­be il me­ri­to di por­ta­re la Que­stio­ne Ve­ne­ta al cen­tro del di­bat­ti­to po­li­ti­co e lo stes­so ac­ca­drà col re­fe­ren­dum. Ora co­me al­lo­ra il Ve­ne­to, do­po, non sa­rà più quel­lo di pri­ma. Non è un ca­so che pro­prio do­po quell’epi­so­dio si sia ac­ce­le­ra­to in par­la­men­to sul­la ri­for­ma del Ti­to­lo V del­la Co­sti­tu­zio­ne, poi con­clu­sa nel 2001, che per pri­ma ha ab­boz­za­to una qual­che for­ma di au­to­no­mia». E pe­rò per il governatore c’è una dif­fe­ren­za so­stan­zia­le tra ie­ri e og­gi: «Nel 1997 era una pic­co­la par­te del­la po­po­la­zio­ne a cre­de­re nel so­gno au­to­no­mi­sta-in­di­pen­den­ti­sta, di­rei un’éli­te. Og­gi, in­ve­ce, la con­sa­pe­vo­lez­za è dif­fu­sa, tra­sver­sa­le ai ce­ti so­cia­li e al­le ideo­lo­gie, coin­vol­ge an­che i “nuo­vi ve­ne­ti” e que­sto è un pas­sag­gio stra­te­gi­co, che ci fa pas­sa­re dall’amar­cord e le no­stal­gie all’at­tua­li­tà di una bat­ta­glia che guar­da al fu­tu­ro del no­stro ter­ri­to­rio. Di que­sto va da­to me­ri­to ai Se­re­nis­si­mi ma an­che al­la Le­ga che ha fat­to dell’iden­ti­tà un car­di­ne del­la sua at­ti­vi­tà po­li­ti­ca e di go­ver­no».

Il ca­po­grup­po del Pd, Ste­fa­no Fra­cas­so, ha par­la­to di «ve­ne­ti­smo pas­sa­ti­sta fuo­ri luo­go e fuo­ri tempo», lon­ta­no dal sen­ti­re del­le pic­co­le e me­die im­pre­se che so­no il ner­bo del Ve­ne­to e «più dell’in­di­pen­den­za chie­do­no in­ter­di­pen­den­za e più Eu­ro­pa». In ef­fet­ti, co­me un gia­no bi­fron­te la no­stra re­gio­ne è al­lo stes­so tempo tra le più an­co­ra­te al­le pro­prie ra­di­ci e tra le più pro­iet­ta­te nel­la glo­ba­liz­za­zio­ne che tan­to spa­ven­ta Fac­cia (che poi, sia­mo si­cu­ri che l’in­di­pen­den­ti­smo de­gli im­pren­di­to­ri sia iden­ti­ta­rio, mar­cia­no e Se­re­nis­si­mo e non piut­to­sto sem­pli­ce­men­te - li­ber­ta­rio, an­ti Sta­to e an­ti tas­se?) in un con­ti­nuo gio­co di con­trad­di­zio­ni che met­te in di­scus­sio­ne an­che la Si­ni­stra. Co­me fa no­ta­re il so­cio­lo­go Gian­fran­co Bet­tin, pro­sin­da­co di Ve­ne­zia nel 1997 che pur te­men­do una «de­ri­va da neo-sta­ta­li­smo re­gio­na­li­sta» al re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre vo­te­rà Sì: «Ca­pi­sco che Za­ia e la Le­ga sia­no al­la ri­cer­ca di mi­ti fon­da­ti­vi ma fa­reb­be­ro un tor­to a lo­ro stes­si nel so­ste­ne­re che so­no sta­ti i Se­re­nis­si­mi ad im­por­re nell’agenda po­li­ti­ca, an­che at­tua­le, te­mi co­me il fe­de­ra­li­smo o l’au­to­no­mia, col­pe­vol­men­te ab­ban­do­na­ti dal­la Si­ni­stra e dal cat­to­li­ce­si­mo po­po­la­re cui pu­re ap­par­te­ne­va­no, ba­sti ri­cor­da­re il “li­be­ra­re e fe­de­ra­re” di Silvio Tren­tin. Cre­do che Mi­glio e Bos­si ab­bia­no me­ri­ti as­sai mag­gio­ri dei Se­re­nis­si­mi, la cui ca­ri­ca di idea­li­tà va si­cu­ra­men­te ri­co­no­sciu­ta ma che con il lo­ro ge­sto fuo­ri dall’oriz­zon­te del­la Sto­ria han­no fat­to più ma­le che be­ne al­la cau­sa ve­ne­ti­sta, au­to­cri­mi­na­liz­zan­do­la e fi­nen­do per but­tar­la in pa­ro­dia e in mac­chiet­ta». (1 - con­ti­nua)

Il «se­re­nis­si­mo» Fau­sto Fac­cia Non so­no pen­ti­to, ri­sve­gliam­mo le co­scien­ze. Og­gi più che al­lo­ra ser­vi­reb­be un mo­vi­men­to ve­ne­to for­te ma il pas­sa­to è pas­sa­to e non tor­na più

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.