Il Ca­si­nò co­me l’Ali­ta­lia tra sti­pen­di da na­bab­bi e cri­si del gio­co d’az­zar­do Ora i la­vo­ra­to­ri ri­schia­no

Il Co­mu­ne di Ve­ne­zia minaccia di chiu­de­re la se­de sto­ri­ca e li­cen­zia­re 150 per­so­ne. I sin­da­ca­ti: scio­pe­ro a ol­tran­za

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Al­ber­to Zor­zi © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA Una gal­li­na. Dal­le uo­va d’oro, quan­do nel 2006 in­cas­sa­va 214 mi­lio­ni di eu­ro e ne ver­sa­va più di cen­to nel­le cas­se del Co­mu­ne di Ve­ne­zia. «Ora non le fa più d’oro, ma­ga­ri so­no di bron­zo, ma non per que­sto bi­so­gna am­maz­zar­la o spen­nar­la un po’ al­la vol­ta!», af­fer­ma un sin­da­ca­li­sta. La cri­si del Ca­si­nò di Ve­ne­zia vi­ve og­gi il suo mo­men­to più dram­ma­ti­co, ad­di­rit­tu­ra con lo spet­tro di chiu­de­re la se­de sto­ri­ca di Ca’ Ven­dra­min Ca­ler­gi sul Ca­nal Gran­de dall’1 gen­na­io 2018 e di li­cen­zia­re 150 la­vo­ra­to­ri. Sa­rà an­che un «pia­no B», se non si riu­sci­rà a tro­va­re l’equi­li­brio eco­no­mi­co nei con­ti del­la ca­sa da gio­co, ma da lu­ne­dì è scrit­to ne­ro su bian­co su una de­li­be­ra ap­pro­va­ta dal­la giun­ta di Lui­gi Bru­gna­ro e fir­ma­ta dall’as­ses­so­re al­le Azien­de par­te­ci­pa­te, Mi­che­le Zuin, che ha con­dot­to le trat­ta­ti­ve in pri­ma per­so­na e che di con­ti se ne in­ten­de, vi­sto che di la­vo­ro fa il com­mer­cia­li­sta. La de­li­be­ra an­drà in con­si­glio co­mu­na­le per il vo­to il 18 mag­gio: ci so­no an­co­ra ot­to gior­ni per trat­ta­re, pri­ma di ri­schia­re che la ca­sa da gio­co di­ven­ti una sor­ta di Ali­ta­lia in sal­sa la­gu­na­re, con la tra­gi­ca rot­tu­ra tra pro­prie­tà (che è al 100% di Ca’ Far­set­ti) e di­pen­den­ti. «Ma quel­lo che stia­mo fa­cen­do è pro­prio evi­ta­re che il Ca­si­nò fal­li­sca ed è per que­sto che non si può tor­na­re in­die­tro», spie­ga Zuin.

L’on­da lun­ga del­la cri­si par­te ap­pun­to da­gli an­ni d’oro, or­mai un de­cen­nio fa. C’era­no enor­mi spe­se per ospi­ta­re i gran­di gio­ca­to­ri nel­le due se­di – ol­tre a Ca’ Ven­dra­min c’è quel­la di Ca’ No­ghe­ra, nell’ex di­sco­te­ca Ran­ch – e so­prat­tut­to un co­sto del la­vo­ro che non ave­va egua­li in nes­su­na par­te­ci­pa­ta, con una me­dia di sti­pen­di lor­da su­pe­rio­re ai 100 mi­la eu­ro per gli ol­tre sei­cen­to di­pen­den­ti. Ma da al­lo­ra nes­su­no è mai riu­sci­to a met­te­re ma­no in ma­nie­ra de­ci­si­va ai co­sti, tan­to più che nei frat­tem­po la cri­si mon­dia­le del gio­co d’az­zar­do e la cri­si eco­no­mi­ca mar­to­ria­va­no i ri­ca­vi: dai 214 mi­lio­ni del 2006 si è pas­sa­ti ai 168 del 2010, fi­no al ba­ra­tro dei 100 nel 2015 e a una leg­ge­ra ri­sa­li­ta a 102 l’an­no scor­so (che si è pe­rò con­clu­so con un ros­so di ol­tre due mi­lio­ni e mez­zo). E se an­che è ve­ro – co­me ri­cor­da­no i sin­da­ca­ti – che i di­pen­den­ti dal 2010 a og­gi so­no pas­sa­ti da 614 a 535 e che, a cau­sa del ca­lo di in­cas­si e man­ce (vo­ce che ne­gli an­ni d’oro con­sen­ti­va qua­si di rad­dop­pia­re il già lau­to sti­pen­dio), c’è chi ha per­so in bu­sta paga tra il 25 e il 40%, ora sia­mo di nuo­vo all’an­no ze­ro. E la ten­sio­ne su­pe­ra quel­la che, a par­ti­re dal 2011, vi­de Co­mu­ne e la­vo­ra­to­ri bat­ta­glia­re sul pro­get­to dell’al­lo­ra sin­da­co Gior­gio Or­so­ni di «pri­va­tiz­za­re» (o me­glio di af­fi­da­re in sub­con­ces­sio­ne la ge­stio­ne) la ca­sa da gio­co.

Con Bru­gna­ro e Zuin i rap­por­ti so­no tor­na­ti ro­ven­ti. Un an­no fa il Co­mu­ne ave­va già mes­so una pri­ma pez­za sui con­ti, con 1,8 mi­lio­ni di eu­ro. A feb­bra­io il Co­mu­ne ha pre­sen­ta­to un pia­no in­du­stria­le che pun­ta sul ri­lan­cio e su­gli in­ve­sti­men­ti, in par­ti­co­la­re sul­la se­de di ter­ra­fer­ma, aper­ta nel 1999 e da al­me­no un de­cen­nio «prov­vi­so­ria» in vi­sta di una fan­to­ma­ti­ca nuo­va strut­tu­ra che ga­reg­gi con i ca­si­nò slo­ve­ni. Nel­la de­li­be­ra si par­la di un nuo­vo in­ve­sti­men­to da par­te di Ca’ Far­set­ti per un to­ta­le di 7 mi­lio­ni di eu­ro: 2 mi­lio­ni e 750 mi­la eu­ro per az­ze­ra­re le per­di­te del­lo scor­so an­no, gli al­tri 4 mi­lio­ni e 250 mi­la, ap­pun­to, per il re­sty­ling di Ca’ No­ghe­ra, che nel si­ste­ma «bi­po­la­re» del Ca­si­nò ha già l’80% de­gli in­cas­si.

Per­ché que­sto pia­no stia in pie­di – e qui si ar­ri­va all’og­get­to del con­ten­de­re – se­con­do il Co­mu­ne ser­ve una for­te sfor­bi­cia­ta non so­lo al co­sto del la­vo­ro, ma a tut­ti quei lacci e lac­ciuo­li che de­ri­va­no dal pas­sa­to e che ren­de­reb­be­ro im­pos­si­bi­le una ge­stio­ne ma­na­ge­ria­le. Ec­co che quin­di da mar­zo le con­tro­par­ti si so­no se­du­te al ta­vo­lo per trat­ta­re il pia­no co­mu­na­le, che pre­ve­de l’az­ze­ra­men­to del con­trat­to azien­da­le (e con es­so an­che il fat­to che ogni de­ci­sio­ne deb­ba es­se­re con­cor­da­ta con i sin­da­ca­ti), più fles­si­bi­li­tà e me­ri­to­cra­zia e un ta­glio al­le spe­se di 5,8 mi­lio­ni di eu­ro, frut­to di un nuo­vo si­ste­ma di pre­mi. Pro­po­sta a cui i sin­da­ca­ti han­no re­pli­ca­to con un pia­no che pre­ve­de in­ve­ce 2,8 mi­lio­ni di ri­spar­mi, con un ta­glio li­mi­ta­to agli sti­pen­di, più fles­si­bi­li­tà e un au­men­to dell’ora­rio di la­vo­ro di 2 o 3 ore, a se­con­da del­le fi­gu­re.

Lu­ne­dì se­ra l’as­sem­blea con tre­cen­to la­vo­ra­to­ri, mol­to pre­oc­cu­pa­ti per il fu­tu­ro, ha det­to chia­ra­men­te ai de­le­ga­ti che ol­tre quel­la ci­fra non si va. Se il Co­mu­ne an­drà avan­ti so­no pron­ti al­lo scio­pe­ro a ol­tran­za e a fa­re cau­sa al giu­di­ce del la­vo­ro. Di­co­no che non ci stan­no a pa­ga­re per l’en­ne­si­ma vol­ta gli er­ro­ri dei ma­na­ger e chie­do­no una mo­di­fi­ca del­la con­ven­zio­ne tra Co­mu­ne e Ca­si­nò che pre­ve­da che il pri­mo in­ca­me­ri una quo­ta de­gli uti­li, non de­gli in­cas­si, co­sì da evi­ta­re ogni an­no di tro­var­si in que­sta si­tua­zio­ne. C’è vo­glia di trat­ta­re, ma Zuin re­pli­ca gelido: «Al­lar­go le brac­cia e ten­go sem­pre le por­te aper­te - ta­glia cor­to - ma noi an­dia­mo avan­ti per la no­stra stra­da. O si fa co­sì o il Ca­si­nò va in li­qui­da­zio­ne». E ri­schia di es­se­re la fi­ne di una sto­ria ini­zia­ta, co­me di­ce lo slo­gan, «sin­ce 1638».

Ta­vo­lo al ver­de La rou­let­te al Ca’ No­ghe­ra, la se­de di ter­ra­fer­ma del­la ca­sa da gio­co Quel­la sto­ri­ca sul Ca­nal Gran­de, Ca’ Ven­dra­min Ca­ler­gi, ri­schia di es­se­re chiu­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.