Imo­co, ec­co il do­po Maz­zan­ti La pan­chi­na al vi­ce San­ta­rel­li

Ma­schio: «Cre­dia­mo in lui». A giu­gno noz­ze con Mo­ni­ca De Gen­na­ro

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Sport - Mat­teo Va­len­te © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

CO­NE­GLIA­NO È ar­ri­va­ta la fu­ma­ta bian­ca: sa­rà Da­nie­le San­ta­rel­li, 36 an­ni, di Fo­li­gno, il nuo­vo al­le­na­to­re dell’Imo­co Co­ne­glia­no. Do­po le vo­ci di cor­ri­do­io ie­ri il club gial­lo­blù ha uf­fi­cia­liz­za­to il pas­sag­gio di con­se­gne da Da­vi­de Maz­zan­ti al suo vi­ce. Una scel­ta mi­ra­ta al­la con­ti­nui­tà di un pro­get­to tec­ni­co che ha por­ta­to Co­ne­glia­no a gio­car­si tanti tro­fei nel­le ul­ti­me due sta­gio­ni.

«È una scel­ta che mi­ra a da­re una con­ti­nui­tà di la­vo­ro e im­po­sta­zio­ne di gio­co, che non sa­rà si­cu­ra­men­te iden­ti­ca, ma si­mi­la­re a quel­la che ab­bia­mo avu­to fi­no ad ades­so — di­ce il co-pre­si­den­te Pie­tro Ma­schio — sap­pia­mo che è una per­so­na pre­pa­ra­ta, un gran la­vo­ra­to­re, ha di­mo­stra­to una gran­de ca­pa­ci­tà di ge­stio­ne, co­sì co­me sia­mo con­sci che pec­chi di espe­rien­za. Pe­rò ri­te­nia­mo che sia­mo ab­ba­stan­za ma­tu­ri e strut­tu­ra­ti per dar­gli il sup­por­to di cui ha bi­so­gno». Per San­ta­rel­li in­fat­ti quel­la all’Imo­co sa­rà la pri­ma av­ven­tu­ra da ca­po al­le­na­to­re, do­po quel­le da as­si­sten­te a Pe­sa­ro, Ur­bi­no, Ca­sal­mag­gio­re e ne­gli ul­ti­mi due an­ni ap­pun­to a Co­ne­glia­no. Una pro­mo­zio­ne me­ri­ta­ta sul cam­po dal coa­ch um­bro che si è fat­to ap­prez­za­re per la se­rie­tà del la­vo­ro e le sue idee, che ave­va­no af­fa­sci­na­to an­che lo stes­so Maz­zan­ti, suo pri­mo «ti­fo­so» per que­sta pro­mo­zio­ne. Già in que­sta sta­gio­ne, a cau­sa di un ma­les­se­re nel pre­par­ti­ta di Maz­zan­ti, Da­nie­le San­ta­rel­li ave­va pro­va­to il «bat­te­si­mo del fuo­co», con­du­cen­do le Pan­te­re a una bel­la vit­to­ria con il Club Ita­lia (3-0) al Pa­la­ver­de il 27 no­vem­bre.

«È giu­sto dar­gli un’oc­ca­sio­ne per­ché è un bra­vo al­le­na­to­re — con­ti­nua Ma­schio — noi cre­dia­mo in lui in­di­pen­den­te­men­te dal­la sua età. Non ab­bia­mo fat­to ra­gio­na­men­ti sull’espe­rien­za o sull’età, che ma­ga­ri in pas­sa­to ab­bia­mo fat­to. Qui ab­bia­mo ra­gio­na­to su quel­lo che ab­bia­mo vi­sto e che pen­sia­mo sia giu­sto. Ri­pe­to è una per­so­na pre­pa­ra­ta e ca­pa­ce e ab­bia­mo pun­ta­to su quel­lo». È co­mun­que al­tret­tan­to evi­den­te co­me la scel­ta di San­ta­rel­li sia co­mun­que una scom­mes­sa, per il club, ma an­che per il tec­ni­co stes­so, chia­ma­to a gui­da­re una so­cie­tà dal­le gran­di am­bi­zio­ni. «Non è si­cu­ra­men­te una cer­tez­za, per­ché non ab­bia­mo uno sto­ri­co al­la ba­se, ma vo­glia­mo of­frir­gli una buo­na ba­se di la­vo­ro e di tran­quil­li­tà, co­me ave­va­mo fat­to con Maz­zan­ti — con­ti­nua Ma­schio — ri­cor­dia­mo­ci che il pri­mo an­no ab­bia­mo in­cas­sa­to l’eli­mi­na­zio­ne dai quar­ti di Cop­pa Ita­lia pur con un tec­ni­co vin­cen­te ed esper­to in pan­chi­na. Può suc­ce­de­re a tut­ti di sba­glia­re: se sba­glia­no gli al­le­na­to­ri con espe­rien­za, per­ché non da­re a lui la stes­sa op­por­tu­ni­tà? Io cre­do mol­to nel la­vo­ro che si por­ta avan­ti».

Per San­ta­rel­li dun­que, que­sto 2017 sa­rà un an­no da in­cor­ni­cia­re: la no­mi­na a ca­po al­le­na­to­re dell’Imo­co e tra un me­se e mez­zo il ma­tri­mo­nio con Mo­ni­ca De Gen­na­ro, libero gial­lo­blù. I due in­fat­ti con­vo­le­ran­no a noz­ze il 24 giu­gno in Cam­pa­nia. E per la ter­za sta­gio­ne di fi­la, dun­que, l’Imo­co Volley avrà coa­ch e gio­ca­tri­ce che sa­ran­no an­che ma­ri­to e mo­glie, do­po la cop­pia Maz­zan­ti-Or­to­la­ni. E pro­prio da Mo­ki De Gen­na­ro ruo­te­rà il nuo­vo ro­ster che ora po­trà es­se­re com­ple­ta­to.

Imo­co Coa­ch Da­nie­le San­ta­rel­li rac­co­glie il te­sti­mo­ne da Da­vi­de Maz­zan­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.