Le città-sta­to più aper­te de­gli Sta­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Di An­to­nio Gua­da­gni­ni* © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ca­ro di­ret­to­re, ho let­to l’editoriale «Tut­te le pa­trie del 12 mag­gio» e cre­do di do­ver­le di­re con fran­chez­za che la te­si che pro­pu­gna si ba­sa su un gros­so equi­vo­co. Per­se­gui­re l’in­di­pen­den­za non è si­no­ni­mo di chiu­su­ra, an­zi è l’esat­to con­tra­rio. Non bi­so­gna con­fon­de­re i con­fi­ni po­li­ti­co-am­mi­ni­stra­ti­vi con la vo­ca­zio­ne a met­ter­si in re­la­zio­ne col mon­do. Lei stes­so ci­ta la Se­re­nis­si­ma co­me an­te­si­gna­na di ta­le vo­ca­zio­ne. La Se­re­nis­si­ma era una pic­co­la città sta­to, che ha sa­pu­to di­ven­ta­re glo­ba­le an­te-lit­te­ram. Ve­ne­zia nel ‘500 era mol­to più aper­ta che non l’im­men­so im­pe­ro asbur­gi­co. Met­te­re in­sie­me sta­ti na­zio­na­li non è si­no­ni­mo di aper­tu­ra al mon­do. Lo di­mo­stra l’Unio­ne Eu­ro­pea che si tro­va im­pan­ta­na­ta tra le be­ghe dei suoi sta­ti mem­bri, i qua­li so­no mol­to più por­ta­ti a di­fen­de­re i lo­ro in­te­res­si in­ter­ni che non a ce­de­re so­vra­ni­tà per crea­re con­di­vi­sio­ne ed unio­ne politica. È mol­to più glo­ba­le Sin­ga­po­re dell’UE. So­no più glo­ba­li le tan­te città sta­to in gi­ro per il mon­do, ri­spet­to ai vec­chi Sta­ti eu­ro­pei. Di più: mol­te ca­pi­ta­li di sta­ti na­zio­na­li si stan­no tra­sfor­man­do pro­prio in no­di del­la co­sti­tuen­da re­te glo­ba­le, so­vrap­po­nen­do al lo­ro vec­chio e mo­ren­te ruo­lo di ca­pi­ta­li del­le vec­chie na­zio­ni, un in­no­va­ti­vo ruo­lo di in­fra­strut­tu­re glo­ba­li. È or­mai evi­den­te che ta­li aree me­tro­po­li­ta­ne stan­no ad­di­rit­tu­ra im­ple­men­tan­do una nuo­va di­plo­ma­zia tra di lo­ro che si muo­ve in­di­pen­den­te­men­te dal­le tra­di­zio­na­li e muf­fo­se di­plo­ma­zie de­gli sta­ti na­zio­na­li. Non bi­so­gna far­si con­di­zio­na­re da ste­reo­ti­pi del pas­sa­to. Sto gi­ran­do il Ve­ne­to, pre­sen­tan­do un la­vo­ro, «Ve­ne­to glo­ba­le», nel qua­le usan­do con­cet­ti espres­si da au­to­ri qua­li Ke­ni­chi Oh­mae, Pa­rag Khan­na, Sa­skia Sas­sen, o il rap­por­to McKin­sey sul po­te­re eco­no­mi­co del­le città, di­mo­stro con da­ti og­get­ti­vi che lo sce­na­rio che si sta pa­le­san­do a li­vel­lo mon­dia­le è pro­prio quel­lo di una re­te glo­ba­le for­ma­ta da no­di che so­no aree me­tro­po­li­ta­ne for­te­men­te in­te­gra­te, e che ten­de­rà ad emar­gi­na­re sem­pre di più strut­tu­re pe­san­ti e far­ra­gi­no­se co­me gli Sta­ti na­zio­na­li eu­ro­pei. E il Ve­ne­to per po­ter far par­te di que­sto nuo­vo sce­na­rio do­vrà as­su­me­re la fi­sio­no­mia di ta­le aree me­tro­po­li­ta­ne, non ar­roc­car­si a di­fe­sa del­lo sta­tus quo, spe­ran­do in una mi­ra­co­lo­sa con­ver­sio­ne ef­fi­cien­ti­sta di Ro­ma piut­to­sto che di Bru­xel­les. Det­to ciò, de­vo dar­le at­to che il mo­do nel qua­le il Con­si­glio Re­gio­na­le ha ge­sti­to la vi­cen­da del 12 mag­gio pre­sta il fian­co a qual­che fa­ci­le cri­ti­ca...

*Lea­der di Sia­mo Ve­ne­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.