Toc­ca­ta quo­ta 150 mi­la, og­gi rad­dop­pia­no Pro­te­ste per i ru­mo­ri, stop ad al­tri tra­bic­co­li

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - S.Ma. © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO Nel tar­do po­me­rig­gio so­no ar­ri­va­ti a fiu­mi. Al­pi­ni e al­pi­ne, fa­mi­glie e ac­com­pa­gna­to­ri, si so­no ri­ver­sa­ti in cen­tro sto­ri­co a mi­glia­ia, per­cor­ren­do a pie­di le gran­di stra­de di­ven­ta­te se­mi-pe­do­na­li del­la città: è qua­si sor­pren­den­te ve­de­re via­le Mon­te­grap­pa pe­do­na­liz­za­to, con stand e ban­ca­rel­le, lo stes­so va­le per via­le Vittorio Ve­ne­to e via­le IV No­vem­bre.

Non ser­vi­va con­ta­re le te­ste in pas­seg­gia­ta: si per­ce­pi­va chia­ra­men­te che ie­ri po­me­rig­gio l’Adu­na­ta del Pia­ve è en­tra­ta uf­fi­cial­men­te nel vi­vo. L’Ana ha sti­ma­to in cen­tro sto­ri­co a me­tà gior­na­ta 150 mi­la per­so­ne; in se­ra­ta con i vi­si­ta­to­ri not­tur­ni il ri­sul­ta­to è sta­to si­cu­ra­men­te su­pe­ra­to; ne­gli ac­cam­pa­men­ti so­no già ar­ri­va­ti in 30 mi­la (fra ten­de, cam­per e pa­le­stre) e man­ca­no so­lo i «ri­tar­da­ta­ri giu­sti­fi­ca­ti», co­lo­ro che per im­pe­gni per­so­na­li o di la­vo­ro rag­giun­ge­ran­no Tre­vi­so so­la­men­te og­gi.

Men­tre den­tro le mu­ra lo spazio è tut­to per la fe­sta, in pe­ri­fe­ria il no­do da scio­glie­re è quel­lo del­la via­bi­li­tà, gran­de e pic­co­la. Dal co­man­do del­la po­li­zia lo­ca­le as­si­cu­ra­no che tut­to è sot­to con­trol­lo e che gli in­di­riz­zi era­no ri­go­re e fles­si­bi­li­tà: ri­go­re nel far ri­spet­ta­re i di­vie­ti del­la gran­de ztl ester­na, fles­si­bi­li­tà per i re­si­den­ti e gli ope­ra­to­ri del­la zo­na che ne­ces­si­ta­no di muo­ver­si nei quar­tie­ri.

Il da­to fon­da­men­ta­le è che i tre­vi­gia­ni han­no scel­to mez­zi al­ter­na­ti­vi, so­prat­tut­to la bi­ci­clet­ta. Cu­rio­so è sta­to ve­de­re gen­te che in grup­pi an­che di am­pie di­men­sio­ni per­cor­re­va a pie­di stra­de so­li­ta­men­te ad al­to scor­ri­men­to di au­to, in par­ti­co­la­re dal­la zo­na sud del ca­po­luo­go in di­re­zio­ne cen­tro.

«Ge­stio­ne straor­di­na­ria ma flus­si di traf­fi­co po­co più so­ste­nu­ti del nor­ma­le fuo­ri dal cen­tro», que­sto il re­port del­la po­li­zia lo­ca­le. La Stra­da Ove­st era la gran­de in­co­gni­ta ma an­che lì non ci so­no sta­ti pro­ble­mi per tut­ta la gior­na­ta, fi­no a quan­do a se­ra l’in­ten­si­tà de­gli ar­ri­vi è cre­sciu­ta, ma te­nu­ta sot­to con­trol­lo. I mez­zi di tra­spor­to pub­bli­co so­no sta­ti uti­liz­za­ti so­prat­tut­to dai la­vo­ra­to­ri del cen­tro città, au­to­bus Mom e tre­ni in sup­por­to al tra­di­zio­na­le ser­vi­zio gior­na­lie­ro han­no ga­ran­ti­to, a chi non vo­le­va ri­schia­re di fa­re chi­lo­me­tri a pie­di, un pas­sag­gio co­mo­do.

Le la­men­te­le dei re­si­den­ti so­no ar­ri­va­te pun­tua­li co­me le lan­cet­te di un oro­lo­gio: la fe­sta al­pi­na è du­ra­ta tut­ta la not­te fra gio­ve­dì e ve­ner­dì e mol­ti avreb­be­ro pre­fe­ri­to dor­mi­re (quel­li che an­co­ra non han­no la­scia­to la città). Le te­le­fo­na­te ar­ri­va­te al­la po­li­zia lo­ca­le di Tre­vi­so ri­guar­da­va­no qua­si so­la­men­te ru­mo­ri, suo­ni e co­ri eter­ni. «Mia mo­glie è in­cin­ta, non si può con­ti­nua­re con que­sto bac­ca­no», «Sia­mo an­zia­ni, non si rie­sce a ri­po­sa­re, fa­te­li smet­te­re». È l’ine­vi­ta­bi­le con­se­guen­za di una fe­sta di di­men­sio­ni estre­me per la bom­bo­nie­ra Tre­vi­so, che ri­cor­da­va i ba­gor­di del 1994 ma che ora as­si­ste a un’in­va­sio­ne sen­za pre­ce­den­ti. Di una co­sa an­co­ra nes­su­no pe­rò si è la­men­ta­to, la pu­li­zia del­la città: no­no­stan­te le not­ta­te di bic­chie­ri a ter­ra, to­va­glio­li che vo­la­no e pran­zi all’aper­to, i la­vo­ri di rior­di­no not­tur­ni di Con­ta­ri­na con­sen­to­no una sve­glia de­co­ro­sa a Tre­vi­so e ai suoi abi­tan­ti.

Fra i va­ri in­ter­ven­ti del­la po­li­zia lo­ca­le, ci so­no quel­li che ri­guar­da­no i tra­bic­co­li, i mez­zi fol­clo­ri­sti­ci de­gli al­pi­ni che non so­no omo­lo­ga­ti e quin­di non han­no al­cu­na ti­to­la­ri­tà al tran­si­to.

Al­tri due so­no sta­ti se­que­stra­ti dal co­man­do tre­vi­gia­no. In cen­tro pe­rò se ne so­no vi­sti di ogni for­ma e di­men­sio­ne, co­lo­ra­ti di bian­co ros­so e ver­de e ca­ri­chi di per­so­ne fe­stan­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.