La vicenda

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno -

Ie­ri l’Unio­ne de­gli av­vo­ca­ti del Tri­ve­ne­to si è riu­ni­ta in as­sem­blea a Bel­lu­no, uno dei pro­ble­mi più se­ri emer­si nell’as­sem­blea è l’abo­li­zio­ne del giu­di­ce ta­vo­la­re che sa­rà so­sti­tui­to dal giu­di­ce di pa­ce

Gli av­vo­ca­ti te­mo­no an­che per il fu­tu­ro del tri­bu­na­le di Bel­lu­no, la pau­ra è che il go­ver­no, ri­for­man­do la giu­sti­zia, sop­pri­ma tra quat­tro o cin­que an­ni gli uf­fi­ci del ca­po­luo­go BEL­LU­NO Bye bye giu­di­ce ta­vo­la­re a Cor­ti­na d’Ampezzo, lo so­sti­tui­rà il giu­di­ce di pa­ce. Ma gli av­vo­ca­ti del Tri­ve­ne­to, ie­ri in as­sem­blea a Bel­lu­no, vo­glio­no un die­tro­front del go­ver­no e, so­prat­tut­to, vor­reb­be­ro po­ter­si coor­di­na­re con Ro­ma sul­le scel­te, po­li­ti­che, che in­ci­do­no sul­la pro­fes­sio­ne fo­ren­se. Tra gli av­vo­ca­ti spun­ta il ti­mo­re di un de­po­ten­zia­men­to del Tri­bu­na­le di Bel­lu­no.

L’esem­pio più re­cen­te è quel­lo di as­se­gna­re al giu­di­ce di pa­ce la ma­te­ria ta­vo­la­re, pri­ma di com­pe­ten­za esclu­si­va del giu­di­ce or­di­na­rio. Il si­ste­ma ta­vo­la­re è un ti­po di or­di­na­men­to ca­ta­sta­le che fu in uso nell’im­pe­ro au­stro-un­ga­ri­co, si dif­fe­ren­zia dal ca­ta­sto or­di­na­rio, ol­tre che per le ori­gi­ni storiche, per la mo­da­li­tà di con­ser­va­zio­ne e per il di­ver­so ri­lie­vo giu­ri­di­co del­le sue ri­sul­tan­ze, che han­no ef­fi­ca­cia co­sti­tu­ti­va, ol­tre che pro­ba­to­ria, per i tra­sfe­ri­men­ti im­mo­bi­lia­ri.

Og­gi esi­ste in Ita­lia nei ter­ri­to­ri an­nes­si al ter­mi­ne del­la Pri­ma guer­ra mon­dia­le, va­le a di­re le at­tua­li pro­vin­ce di Trie­ste, Go­ri­zia, Tren­to, Bol­za­no, in al­cu­ni co­mu­ni del­la pro­vin­cia di Udi­ne, nei co­mu­ni di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.