Re­spin­to, la mas­sa­cra a col­tel­la­te

La uc­ci­de nell’au­to vi­ci­no al­la scuo­la in cui la­vo­ra­va co­me cuo­ca. Poi ten­ta il sui­ci­dio

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - An­ge­la Ti­sbe Cio­cio­la © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA L’ha uc­ci­sa in au­to, nel par­cheg­gio vi­ci­na al­la scuo­la. La fu­ria for­se per­chè re­spin­to, una re­la­zio­ne che lei vo­le­va tron­ca­re. Per que­sto Lui­gi, piz­za­io­lo, ha uc­ci­so Na­ta­sha (in fo­to) a col­tel­la­te e poi ha ten­ta­to il sui­ci­dio.

TRE­BA­SE­LE­GHE (PA­DO­VA) Un len­zuo­lo bian­co co­pri­va il ve­tro dell’au­to, a na­scon­de­re il cor­po mar­to­ria­to del­la vit­ti­ma. Il suo san­gue mi­schia­to a quel­lo dell’uo­mo che l’ha uc­ci­sa e che poi ha ten­ta­to di to­glier­si la vi­ta, sen­za pe­rò riu­scir­ci.

Na­ta­sha Bet­tio­lo, 46 an­ni, e Lui­gi Si­bi­lio, di 11 an­ni più gio­va­ne, so­no sta­ti tro­va­ti fian­co a fian­co all’in­ter­no di una Lan­cia Y, in via Fer­mi a Tre­ba­se­le­ghe. Lei, di Mas­san­za­go, con il bu­sto squar­cia­to da quat­tro col­tel­la­te e or­mai mor­ta. Lui, ori­gi­na­rio di Na­po­li ma da an­ni in Ve­ne­to, con una pro­fon­da fe­ri­ta al­lo sto­ma­co, riverso ma an­co­ra vi­vo. È sta­to Si­bi­lio stes­so a col­pir­si, do­po es­ser­si ac­ca­ni­to sul cor­po del­la don­na che non vo­le­va la­scia­re an­da­re.

Era­no da po­co pas­sa­te le 16 quan­do un pas­san­te ha no­ta­to quell’au­to bian­ca par­cheg­gia­ta die­tro l’Isti­tu­to com­pren­si­vo del pae­se, a due pas­si da­gli im­pian­ti spor­ti­vi. Ad at­ti­ra­re la sua at­ten­zio­ne è sta­to il san­gue che ave­va riem­pi­to l’in­te­ro abi­ta­co­lo. L’al­lar­me è sta­to im­me­dia­to. I vi­gi­li del fuo­co, ar­ri­va­ti in­sie­me all’am­bu­lan­za, han­no ca­pi­to su­bi­to che per la don­na non c’era più nul­la da fa­re e han­no con­cen­tra­to le lo­ro at­ten­zio­ni su Si­bi­lio: era mol­to gra­ve, ma re­spi­ra­va an­co­ra. Per lui è sta­to chia­ma­to un eli­cot­te­ro che ha ac­com­pa­gna­to il 35en­ne all’ospe­da­le di Pa­do­va. E men­tre i me­di­ci si af­fan­na­va­no in sa­la ope­ra­to­ria per sal­var­gli la vi­ta, i ca­ra­bi­nie­ri, ar­ri­va­ti sul po­sto, cer­ca­va­no di ri­co­strui­re gli ul­ti­mi, dram­ma­ti­ci mo­men­ti di vi­ta di Na­ta­sha.

Cuo­ca nell’isti­tu­to sco­la­sti­co, ori­gi­na­ria di Noa­le ma re­si­den­te da an­ni a Mas­san­za­go, un ma­tri­mo­nio or­mai fi­ni­to al­le spal­le, Na­ta­sha sem­bra co­no­sces­se be­ne Si­bi­lio, piz­za­io­lo a San­ta Ma­ria di Sa­la, do­ve si era ap­pe­na tra­sfe­ri­to da Lo­reg­gia. Vo­ci di pae­se rac­con­ta­no che i due aves­se­ro avu­to una bre­ve re­la­zio­ne, tron­ca­ta pro­prio dal­la don­na. Ie­ri po­me­rig­gio, al ter­mi­ne di una lun­ga gior­na­ta di la­vo­ro, Na­ta­sha è usci­ta nel par­cheg­gio sul re­tro del­la scuo­la. Lì ha tro­va­to ad aspet­tar­la Si­bi­lio.

Im­pos­si­bi­le di­re, per ora, se i due aves­se­ro un ap­pun­ta­men­to, o se lui si fos­se pre­sen­ta­to di sua vo­lon­tà. Quel­lo che è cer­to è pe­rò che i due so­no sa­li­ti sull’au­to­mo­bi­le di lei, una Lan­cia Y bian­ca, lei se­du­ta al vo­lan­te, lui vi­ci­no, sul se­di­le del pas­seg­ge­ro, e che Si­bi­lio è ar­ri­va­to già ca­ri­co di vio­len­te in­ten­zio­ni. Ad­dos­so, in­fat­ti, ave­va na­sco­sto un col­tel­lo, pre­so pro­ba­bil­men­te dal­la sua cu­ci­na, e con l’ar­ma è en­tra­to in au­to per af­fron­ta­re la di­scus­sio­ne.

Co­sa i due si sia­no det­ti, co­sa i due ab­bia­no gri­da­to in un pro­ba­bi­le cre­scen­do emo­ti­vo, so­no per ora an­co­ra un mi­ste­ro. Lui si è sca­glia­to con­tro il cor­po di Na­ta­sha. Più vol­te le ha tra­fit­to il bu­sto: dal col­lo al ven­tre i ca­ra­bi­nie­ri han­no con­ta­to tra le tre e le quat­tro fe­ri­te, tut­te mol­to pro­fon­de. Poi ha ri­vol­to lo stes­so col­tel­lo ver­so se stes­so, e l’ha af­fon­da­to nel suo sto­ma­co.

Pre­sto, sul po­sto, so­no ini­zia­ti ad ar­ri­va­re i pri­mi cu­rio­si, at­ti­ra­ti pri­ma dal ru­mo­re dell’eli­cot­te­ro, poi dal tam-tam via in­ter­net e dal pas­sa­pa­ro­la in pae­se. Ca­pan­nel­li di per­so­ne han­no ini­zia­to a cir­con­da­re il gran­de par­cheg­gio, te­nu­ti lontani dall’au­to bian­ca di Na­ta­sha so­lo dai na­stri bian­chi e ros­si po­si­zio­na­ti dai ca­ra­bi­nie­ri, e da una de­ci­na di me­tri, per tut­to il po­me­rig­gio, han­no os­ser­va­to il la­vo­ro dei mi­li­ta­ri del­la com­pa­gnia di Cit­ta­del­la, del Nu­cleo in­ve­sti­ga­ti­vo e del­la Scien­ti­fi­ca, coor­di­na­ti dal pub­bli­co mi­ni­ste­ro Ro­ber­to Pic­cio­ne. In un an­go­lo, stret­ti l’uno agli al­tri, i pa­ren­ti di Na­ta­sha, in la­cri­me.

L’ex ma­ri­to e la so­rel­la del­la vit­ti­ma han­no tra­scor­so ore se­du­ti sui mar­cia­pie­di, la te­sta na­sco­sta tra le ma­ni. Vi­ci­no a lo­ro, i ge­ni­to­ri e i più bat­ta­glie­ri fi­gli di Na­ta­sha, Ni­co­la e Andrea. Pian­gen­do, i due gio­va­ni, 29 e 26 an­ni, si so­no sca­glia­ti con­tro ope­ra­to­ri e fo­to­gra­fi del­le di­ver­se te­sta­te, chie­den­do con for­za che si al­lon­ta­nas­se­ro. E men­tre i ca­ra­bi­nie­ri ter­mi­na­va­no i ri­lie­vi e il cor­po di Na­ta­sha ve­ni­va por­ta­to via, a Pa­do­va Lui­gi Si­bi­lio ve­ni­va di­chia­ra­to dai me­di­ci fuo­ri pe­ri­co­lo.

Per lui il ma­gi­stra­to ha di­spo­sto l’unica ac­cu­sa pos­si­bi­le, quel­la di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio, e ha or­di­na­to che il piz­za­io­lo ve­nis­se pian­to­na­to nel­la sua stan­za di ospe­da­le. Non ap­pe­na sa­rà for­te ab­ba­stan­za, i ca­ra­bi­nie­ri lo in­ter­ro­ghe­ran­no e gli chie­de­ran­no con­to del suo ge­sto. Do­vrà con­fes­sa­re i mo­ti­vi che han­no gui­da­to la sua rab­bia omi­ci­da e chia­ri­re l’esat­ta di­na­mi­ca dei fat­ti.

L’ipo­te­si più ac­cre­di­ta­ta, per ora, è che Si­bi­lio, mol­to più gio­va­ne del­la don­na, non ac­cet­tas­se la de­ci­sio­ne di Na­ta­sha di tron­ca­re la re­la­zio­ne. La con­fer­ma, pe­rò, po­trà es­se­re so­lo lui a dar­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.