Za­ia: «Ban­che, go­ver­no col­pe­vo­le»

Il pre­si­den­te si chia­ma fuo­ri: «Noi re­gi­sti del sal­va­tag­gio? Le com­pe­ten­ze so­no sta­ta­li»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Bo­net

VE­NE­ZIA «L’Eu­ro­pa? O non con­tia­mo nul­la a Bru­xel­les o sta di­ven­tan­do un ali­bi: il go­ver­no non sta fa­cen­do nul­la per le ex po­po­la­ri, qua­si do­ves­se­ro scon­ta­re un pec­ca­to ori­gi­na­le, quel­lo di es­se­re ve­ne­te». Il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia at­tac­ca, chie­de al­lo Sta­to di en­tra­re nel ca­pi­ta­le di Po­po­la­re Vicenza e Ve­ne­to Ban­ca e lan­cia l’al­lar­me sui cre­di­ti de­te­rio­ra­ti: «Do­po i sol­di, per­de­re­mo ca­se e azien­de».

Pre­si­den­te Lu­ca Za­ia, in­te­res­sa a qual­cu­no sal­va­re le ban­che ve­ne­te?

«È la do­man­da del­le do­man­de, a cui io ne ag­giun­go un’al­tra, al­tret­tan­to “esi­sten­zia­le”: ha un sen­so sal­var­le?».

Ce l’ha?

«Guar­dia­mo in fac­cia la real­tà, sen­za in­na­mo­ra­men­ti per que­sta o quel­la so­lu­zio­ne, sen­za pre­con­cet­ti e pre­giu­di­zi. Se le ex po­po­la­ri del Ve­ne­to fal­lis­se­ro le con­se­guen­ze sa­reb­be­ro tre. Uno: gli azio­ni­sti, quel­li che ci han­no sem­pre cre­du­to, per lo più pic­co­li ri­spar­mia­to­ri, si ri­tro­ve­reb­be­ro con un pu­gno di mo­sche in ma­no, sen­za al­cu­na spe­ran­za di rien­tra­re, sep­pur in mi­ni­ma par­te, dei lo­ro sol­di. Fi­ne dei gio­chi. Due: sa­reb­be il disastro fi­nan­zia­rio per il ter­ri­to­rio, per­ché Po­po­la­re di Vicenza e Ve­ne­to Ban­ca era­no e re­sta­no per noi due “ban­che si­ste­mi­che”. Ver­reb­be­ro ri­dot­te in pez­zi e spol­pa­te, a co­min­cia­re dai cac­cia­to­ri di Npl (i non per­for­ming loans, os­sia i cre­di­ti de­te­rio­ra­ti, quel­li da cui l’isti­tu­to ri­tie­ne di non po­ter rien­tra­re, ndr). Tre: i la­vo­ra­to­ri. Par­lia­mo di 11 mi­la per­so­ne. Dun­que, pre­mes­so che qui nes­su­no vuol giu­sti­fi­ca­re la ma­la ge­stio che c’è sta­ta e su cui fa­rà chia­rez­za la ma­gi­stra­tu­ra, la ri­spo­sta è sì, ha un sen­so sal­va­re le ban­che ve­ne­te. E de­ve in­te­res­sa­re a tut­ti noi riu­scir­ci».

Ce la si fa­rà, ora che l’Ue ha chie­sto di re­pe­ri­re un mi­liar­do più del pre­vi­sto tra i pri­va­ti?

«La si­tua­zio­ne sta as­su­men­do con­tor­ni dram­ma­ti­ci e se non c’è il do­lo, di si­cu­ro c’è la col­pa gra­ve. Che fi­ne ha fat­to il go­ver­no? Dov’è Ban­ki­ta­lia? Se que­ste ban­che fos­se­ro sta­te ro­ma­ne, sa­rem­mo ar­ri­va­ti a que­sto pun­to? Ci trat­ta­no co­me la pe­ri­fe­ria dell’im­pe­ro e peg­gio, pa­re qua­si che Po­po­la­re di Vicenza e Ve­ne­to Ban­ca deb­ba­no scon­ta­re un pec­ca­to ori­gi­na­le, quel­lo di es­se­re ve­ne­te».

È sem­pre col­pa di Ro­ma cat­ti­va, in­som­ma.

«Stia­mo ai fat­ti. Quan­ti sol­di so­no sta­ti ri­ver­sa­ti su Mps? Si so­no usa­ti due pe­si e due mi­su­re: lì era “emer­gen­za”, qui è il di­sin­te­res­se to­ta­le. O Ali­ta­lia: un ca­da­ve­re ec­cel­len­te un’ago­nia sen­za fi­ne, ep­pu­re lì si so­no ti­ra­ti fuo­ri 600 mi­lio­ni co­me nien­te».

Nel no­stro ca­so lo Sta­to era pron­to a sbor­sa­re 4,7 mi­liar­di sui 6,4 ne­ces­sa­ri. È l’Eu­ro­pa che ha det­to stop.

«So­no sta­to mi­ni­stro, so co­me fun­zio­na­no cer­te co­se. Del­le due, l’una: o l’Ita­lia non con­ta più nul­la in Eu­ro­pa, sia­mo po­li­ti­ca­men­te as­sen­ti, fuo­ri dai ta­vo­li che con­ta­no, op­pu­re l’Eu­ro­pa è di­ven­ta­ta l’ali­bi per non muo­ve­re un di­to, fa co­mo­do a qual­cu­no a Ro­ma che vuo­le star lì a guar­dar­ci men­tre an­dia­mo a fon­do. Pos­si­bi­le non si rie­sca a in­ter­lo­qui­re con la Bce, gui­da­ta da un ita­lia­no?».

Il sot­to­se­gre­ta­rio all’Eco­no­mia Ba­ret­ta ha chia­ma­to gli im­pren­di­to­ri ve­ne­ti. Ri­spon­de­ran­no: «Pre­sen­te»?

«An­co­ra non ho ca­pi­to be­ne la ra­tio di que­sta mos­sa dell’Ue, se è sta­ta fat­ta per son­da­re il mer­ca­to... Io pen­so che i sol­di sul ter­ri­to­rio ci sia­no ma sia­mo one­sti, qua­le im­pren­di­to­re, con tut­ti gli af­fa­ri che si pos­so­no fa­re in gi­ro in que­sto mo­men­to, met­te­reb­be in gio­co i suoi ca­pi­ta­li su un ta­vo­lo del ge­ne­re, con in­ter­lo­cu­to­ri inaf­fi­da­bi­li che cam­bia­no le re­go­le da mat­ti­na a se­ra».

Toc­ca bus­sa­re di nuo­vo al­la por­ta di Atlan­te e spe­ra­re che apra.

«Atlan­te, che poi so­no le al­tre ban­che, ha già mes­so 3,5 mi­liar­di, sfu­ma­ti. Gli isti­tu­ti di cre­di­to de­vo­no so­ste­ne­re pu­re il fon­do in­ter­ban­ca­rio e in­som­ma, la co­per­ta è cor­ta, non è che pos­sia­mo spo­sta­re i sol­di di qua e di là... È un ca­ne che si mor­de la co­da».

Quin­di na­zio­na­liz­za­zio­ne.

«So­no con­tra­rio a qua­lun­que for­ma di na­zio­na­liz­za­zio­ne o col­let­ti­viz­za­zio­ne. Io chie­do al­lo Sta­to di en­tra­re nel ca­pi­ta­le, ri­sa­na­re e poi usci­re. Esat­ta­men­te co­me ha fat­to la Fe­de­ral Re­ser­ve con le ban­che de­gli Sta­ti Uni­ti. Se ci dan­no una ma­no, e pen­so pos­sa­no far­lo vi­sto che ogni an­no gli la­scia­no 21 mi­liar­di di tas­se, pos­sia­mo ri­par­ti­re».

Un pia­no B esi­ste?

«No. L’al­ter­na­ti­va è l’ar­ri­vo dei cai­ma­ni dei fon­di stra­nie­ri o il bail-in. C’è poi un pun­to che sta pas­san­do sot­to si­len­zio ed è in­ve­ce un’au­ten­ti­ca tra­ge­dia: la sven­di­ta de­gli Npl. Par­lia­mo di cre­di­ti ven­du­ti al 5-10% del lo­ro va­lo­re, le due ban­che per­do­no ric­chez­za e ci ri­tro­via­mo con esat­to­ri ve­nu­ti da chis­sà do­ve che in­fe­sta­no il ter­ri­to­rio, gua­da­gnan­do tre vol­te quel che han­no spe­so tra mer­can­teg­gia­men­ti con i cit­ta­di­ni ed ese­cu­zio­ni im­mo­bi­lia­ri. I ve­ne­ti, do­po le azio­ni, ri­schia­no di per­de­re an­che la ca­sa e l’azien­da».

La re­gia Le com­pe­ten­ze, so­no tut­te sta­ta­li. Da Mps ad Ali­ta­lia, al­tro­ve i sol­di li han­no tro­va­ti

In tut­to que­sto lei non cre­de che la Re­gio­ne deb­ba svol­ge­re un ruo­lo, pro­va­re ad es­se­re re­gi­sta del cam­bia­men­to?

«Mi vien da pian­ge­re quan­do ve­do cer­ti per­so­nag­gi sa­li­re da Ro­ma e di­re: “fa­te il ta­vo­lo, fa­te i re­gi­sti”, per­ché lo­ro do­po aver com­bi­na­to di­sa­stri non san­no più che pe­sci pi­glia­re. Le com­pe­ten­ze in que­sto set­to­re so­no tut­te sta­ta­li, dun­que lor si­gno­ri fac­cia­no ciò per cui so­no sta­ti vo­ta­ti. Per il re­sto ci ve­dia­mo al re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre».

J’ac­cu­se Il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia in­ter­vie­ne in un’as­sem­blea di Ve­ne­to Ban­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.