«L’in­for­tu­nio mi ha re­so più for­te La gen­te è con me»

La pri­ma in­ter­vi­sta di Gior­da­ni do­po l’ische­mia: «Ho ri­schia­to di mo­ri­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Da­vi­de D’At­ti­no

Ho ri­schia­to di mo­ri­re, ora sto mol­to me­glio, nuo­va­men­te in cor­sa. Sen­to la gen­te vi­vi­na e sen­to che vin­ce­rò io». Co­sì Ser­gio Gior­da­ni, lo sfi­dan­te di Bi­ton­ci a Padova, nel­la pri­ma in­ter­vi­sta do­po il ma­lo­re.

PADOVA «Ce­rot­ti, si­ga­ret­te elet­tro­ni­che, gom­me al­la ni­co­ti­na. Per smet­te­re di fu­ma­re, le ho pro­va­te tut­te. Ma non ci so­no mai riu­sci­to. Ades­so pe­rò, do­po que­st’in­for­tu­nio, mi sa che ce la fac­cio». Ie­ri po­me­rig­gio. Ho­tel Eu­ro­pa, cen­tro di Padova. Un’ora di chiac­chie­ra­ta con Ser­gio Gior­da­ni. A di­stan­za di se­di­ci gior­ni dall’at­tac­co ische­mi­co (so­lo un «in­for­tu­nio», per dir­la con il suo ger­go spor­ti­vo) che l’ha col­pi­to la se­ra del 4 mag­gio scor­so du­ran­te un in­con­tro con al­cu­ni mi­li­tan­ti de­mo­cra­ti­ci a Vol­ta­ba­roz­zo, il can­di­da­to sin­da­co del Pd, e di una va­sta al­lean­za che guar­da sia al cen­tro che a de­stra, sem­bra in net­ta ri­pre­sa. «Se quel­la se­ra fos­si sta­to più lon­ta­no dall’ospe­da­le e, so­prat­tut­to, non aves­si avu­to la for­tu­na di ave­re in sa­la un neu­ro­lo­go (Mar­co Zoc­ca­ra­to, ndr) – am­met­te l’ex pre­si­den­te dell’In­ter­por­to non­ché pa­tron dell’ul­ti­mo Cal­cio Padova pro­mos­so in se­rie A nel 1994 – ci avrei la­scia­to le pen­ne». Gior­da­ni, gra­zie al­la tem­pe­sti­va trom­bo­li­si al­la qua­le è sta­to sot­to­po­sto nel­la Stro­ke Unit del­la Cli­ni­ca Neu­ro­lo­gi­ca di via Giu­sti­nia­ni (dov’è ri­ma­sto ri­co­ve­ra­to per una set­ti­ma­na), ha re­cu­pe­ra­to qua­si al­la per­fe­zio­ne la mo­bi­li­tà di brac­cia e gam­be. E pian pia­no, me­ri­to del­le quat­tro ore al gior­no di lo­go­pe­dia, sta riac­qui­stan­do an­che il com­ple­to uso del­la pa­ro­la. «Di quel­la se­ra, mi ri­cor­do tut­to – di­ce l’im­pren­di­to­re 64en­ne, ti­to­la­re dei ne­go­zi Non So­lo Sport, che ha de­ci­so di re­sta­re in cam­po in vi­sta del­le ele­zio­ni cit­ta­di­ne dell’11 giu­gno – E, ri­pe­to, nel­la sfor­tu­na so­no sta­to mol­to for­tu­na­to».

Co­me si è ma­ni­fe­sta­to il ma­lo­re?

«Ave­vo ap­pe­na ter­mi­na­to il mio di­scor­so e mi ero se­du­to per ascol­ta­re gli in­ter­ven­ti del pub­bli­co e ri­spon­de­re al­le do­man­de. All’im­prov­vi­so, ho av­ver­ti­to un fa­sti­dio pri­ma a un brac­cio e poi al­lo sto­ma­co. Gra­zie a Dio, co­me le ho già det­to, in sa­la c’era un neu­ro­lo­go, che ha im­me­dia­ta­men­te ca­pi­to la gra­vi­tà del­la co­sa, mi ha fat­to sten­de­re a ter­ra e ha chia­ma­to l’am­bu­lan­za».

E la pri­ma not­te in ospe­da­le?

«C’era­no mia mo­glie Lu­cia e i miei fi­gli An­to­nio e Pao­la, di­spe­ra­ti. E poi c’ero io che ho pro­va­to a lan­cia­re un ur­lo di rab­bia e non ci so­no riu­sci­to. In quel mo­men­to, mi so­no ac­cor­to che non ce la fa­ce­vo a par­la­re. E, co­me può im­ma­gi­na­re, non è sta­to bel­lis­si­mo. Pe­rò c’è un’al­tra co­sa, di quel­la not­te, che vor­rei rac­con­tar­le...».

Qua­le?

«La mat­ti­na do­po, quan­do mi so­no sve­glia­to, ho vi­sto che c’era pu­re Flavio Za­no­na­to (già sin­da­co di Padova per se­di­ci an­ni, di re­cen­te pas­sa­to dal Pd a Mdp, ndr). Mi han­no det­to che è sta­to tut­ta la not­te sve­glio fuo­ri dal­la mia stan­za. È un ami­co e, ov­via­men­te, l’ho già rin­gra­zia­to in pri­va­to. Ma ora vo­glio far­lo an­che pub­bli­ca­men­te».

Quan­do ha co­min­cia­to a

«Su­bi­to do­po la trom­bo­li­si. Tan­to che ho vo­lu­to im­me­dia­ta­men­te par­la­re con Die­go, Mas­si­mo e Bar­ba­ra». (Il ri­fe­ri­men­to è all’av­vo­ca­to Bo­na­vi­na, al se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le del Pd Bet­tin e al sot­to­se­gre­ta­rio di Ap Bar­ba­ra De­ga­ni).

Co­sa vi sie­te det­ti?

«Io ho det­to che vo­le­vo con­ti­nua­re a cor­re­re da sin­da­co. Ma che, se a lo­ro av­vi­so quell’in­for­tu­nio aves­se po­tu­to pe­na­liz­za­re la mia can­di­da­tu­ra, mi sa­rei fat­to da par­te sen­za pro­ble­mi».

E lo­ro?

«Di­cia­mo che ci han­no pen­sa­to su mez­za giornata. E poi, ben sa­pen­do di ave­re a che fa­re con

Il sor­ri­so

Ser­gio Gior­da­ni in giac­ca blu e ca­mi­cia bian­ca, ie­ri du­ran­te il col­lo­quio con il Cor­rie­re del

Ve­ne­to all’Ho­tel Eu­ro­pa, in cen­tro a Padova. (fo­to Mar­co Ber­ga­ma­schi)

sen­tir­si me­glio?

una per­so­na che dif­fi­cil­men­te si ar­ren­de, mi han­no ri­ba­di­to il lo­ro as­so­lu­to so­ste­gno».

E i suoi fa­mi­lia­ri co­me han­no rea­gi­to?

«Non le na­scon­do che quat­tro me­si fa, quan­do ho de­ci­so di im­pe­gnar­mi in po­li­ti­ca, mia mo­glie e i miei fi­gli non era­no mol­to d’ac­cor­do. Pe­rò so­no sta­ti lo­ro, in ospe­da­le, a dir­mi: “Ser­gio, non mol­la­re. Vai avan­ti. E vin­ci”».

A pro­po­si­to, qual è la sua po­si­zio­ne sul nuo­vo ospe­da­le?

«Stan­do lì den­tro una set­ti­ma­na e toc­can­do con ma­no l’ec­cel­len­za di tut­ti gli ope­ra­to­ri sa­ni­ta­ri, le ri­spon­do che l’ospe­da­le sta be­ne lì dov’è og­gi».

Quin­di, nuo­vo su vec­chio?

«Ne­gli ul­ti­mi an­ni, il 25% del com­ples­so è sta­to com­ple­ta­men­te ri­fat­to. E a bre­ve, con una spe­sa di 50 mi­lio­ni di eu­ro, ver­rà co­strui­ta la nuo­va Pe­dia­tria. Che sen­so avreb­be, do­po ta­li in­ter­ven­ti, spo­sta­re tut­to da un’al­tra par­te?».

Za­no­na­to mi ha ve­glia­to tut­ta la not­te, io cer­ca­vo di ur­la­re di rab­bia ma non ci riu­sci­vo. Mi so­no ac­cor­to che non par­la­vo

L’ospe­da­le Stan­do den­tro una set­ti­ma­na ho toc­ca­to con ma­no l’ec­cel­len­za

Cre­do che stia be­ne lì dov’è. Non ha sen­so ri­far­lo da un’al­tra par­te

Il cal­cio L’ad­dio ai playoff? Spe­ro ora che i due so­ci non mol­li­no

In­tan­to, do­me­ni­ca scor­sa, il suo Padova è sta­to eli­mi­na­to al pri­mo tur­no dei play off per tor­na­re in B...

«Mi di­spia­ce mol­to. Ades­so pe­rò bi­so­gna man­te­ne­re i ner­vi sal­di. E spe­ro che nes­su­no dei due so­ci (Giu­sep­pe Ber­ga­min e Ro­ber­to Bo­net­to, ndr) de­ci­da di mol­la­re».

Re­sta sem­pre con­tra­rio al­la ri­strut­tu­ra­zio­ne del­lo sta­dio Ple­bi­sci­to e al tra­sfe­ri­men­to lì del cal­cio?

«Ben ven­ga la ri­strut­tu­ra­zio­ne del Ple­bi­sci­to. Ma l’im­pian­to è na­to per il rug­by e de­ve ri­ma­ne­re un im­pian­to per il rug­by. Il cal­cio in­ve­ce sta be­nis­si­mo all’Eu­ga­neo, al qua­le ma­ga­ri si po­treb­be met­te­re ma­no, per ren­der­lo più cal­do, con l’aiu­to dei pri­va­ti. E non coi sol­di pub­bli­ci».

Ben ven­ga la ri­strut­tu­ra­zio­ne del Ple­bi­sci­to, ma re­sta un cam­po da rug­by

Tor­nan­do al­la po­li­ti­ca, tut­ti i suoi avversari han­no di­mo­stra­to un cer­to fair play nei suoi con­fron­ti...

«È co­sì. Tut­ti mi han­no te­le­fo­na­to o man­da­to un mes­sag­gio. E so che qual­cu­no ha pro­va­to a ve­ni­re a tro­var­mi in ospe­da­le. Gra­zie».

I can­di­da­ti I miei avversari? So­no sta­ti tut­ti quan­ti corretti c on me

Cre­de che que­st’«in­for­tu­nio» la dan­neg­gi o la age­vo­li in vi­sta del­le ele­zio­ni?

«La mia po­po­la­ri­tà è cer­ta­men­te au­men­ta­ta. E ri­ten­go an­che il con­sen­so at­tor­no al­le pro­po­ste mie e del­la gran­de squa­dra che mi ap­pog­gia».

I son­dag­gi pre­ve­do­no che lei an­drà al bal­lot­tag­gio con­tro l’ex sin­da­co le­ghi­sta Mas­si­mo Bi­ton­ci...

«Que­sto è si­cu­ro. Lui, al pri­mo tur­no, ar­ri­ve­rà in van­tag­gio di cin­que-set­te pun­ti. Poi pe­rò, due set­ti­ma­ne do­po, vin­ce­rò io».

Cre­do che al bal­lot­tag­gio ar­ri­ve­re­mo io e Bi­ton­ci, poi pe­rò vin­ce­rò io

Quan­do si ri­pre­sen­te­rà in pub­bli­co?

«Gio­ve­dì o ve­ner­dì del­la pros­si­ma set­ti­ma­na, fa­rò un gran­de ba­gno di fol­la nel­la mia se­de elet­to­ra­le di piaz­za dei Frut­ti. E poi, dal gior­no do­po, sa­rò pron­to per ri­par­ti­re».

Il ma­lo­re Gior­da­ni a Vol­ta­ba­roz­zo: è la se­ra del 4 mag­gio, po­chi mi­nu­ti do­po lo scat­to si sen­ti­rà ma­le

Il lan­cio del­la can­di­da­tu­ra È il 25 gen­na­io, Gior­da­ni dal caf­fè Pe­droc­chi si pre­sen­ta agli elet­to­ri

L’usci­ta dall’ospe­da­le Il 12 mag­gio il can­di­da­to del Pd la­scia la cli­ni­ca Neu­ro­lo­gi­ca as­sie­me al­la mo­glie

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.