Ter­ra­glio Est ostag­gio di un ca­vo da rial­za­re «Tem­po fi­no a ot­to­bre»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - © RIPRODUZIONE RISERVATA

TREVISO Un elet­tro­dot­to trop­po bas­so ri­spet­to al man­to d’asfal­to per po­ter con­sen­ti­re l’inau­gu­ra­zio­ne del­la stra­da, e que­sto per­ché chi do­ve­va sol­le­va­re la li­nea (Ter­na) l’ha fat­to da una par­te so­la , non prov­ve­den­do an­che al tra­lic­cio sul la­to op­po­sto. La stra­da in que­stio­ne è il Ter­ra­glio Est, 800 me­tri di pro­prie­tà di Ve­ne­to Stra­de, che in mol­ti si at­ten­de­va­no fos­se aper­ta a gior­ni.

Al Co­mu­ne di Casier par­la­no di uno «slit­ta­men­to», in at­te­sa si spie­ga­zio­ni uf­fi­cia­li. Per il sin­da­co, Mi­riam Giu­ria­ti, se sa­rà ac­cer­ta­to che a ge­ne­ra­re il ri­tar­do è sta­ta la li­nea elet­tri­ca non ade­gua­ta, si trat­ta di una cir­co­stan­za «ver­go­gno­sa. Il trat­to di stra­da che do­vreb­be col­le­ga­re la zo­na in­du­stria­le di Dos­son al rac­cor­do di Pre­gan­ziol, per en­tra­re nel Pas­san­te, è at­te­so da una ven­ti­na d’an­ni, ci so­no in­du­stria­li po­ten­zial­men­te in­te­res­sa­ti a in­se­diar­si in quel­la zo­na ma che pri­ma vo­glio­no sa­pe­re da me a che pun­to sia­mo con il Ter­ra­glio Est». E il pun­to è che la stra­da è lì, pron­ta, con se­gna­li e ope­re com­ple­men­ta­ri con­clu­se ma con un ca­vo ad al­ta ten­sio­ne, che la sca­val­la di sbi­len­co e che sta un me­tro e mez­zo più in bas­so ri­spet­to al li­mi­te di leg­ge. Una stra­da per la qua­le si era spe­so con ener­gia an­che l’ex as­ses­so­re re­gio­na­le Re­na­to Chis­so, nel 2013, il qua­le in­con­trò Unin­du­stria Treviso in oc­ca­sio­ne di una fiac­co­la­ta pro­mos­sa pro­prio da­gli im­pren­di­to­ri per sol­le­ci­tar­ne la con­clu­sio­ne. Unin­du­stria Treviso, og­gi, par­la di «scon­cer­to» per l’ul­te­rio­re ri­tar­do ma è l’Ad di Ve­ne­to Stra­de, Sil­va­no Ver­niz­zi, a in­vi­ta­re tut­ti al­la cal­ma: «La sca­den­za con­trat­tua­le dei la­vo­ri è il pros­si­mo ot­to­bre – ha spie­ga­to – e per­ciò man­ca­no an­co­ra 5 me­si pri­ma di po­ter di­re che sia­mo in ri­tar­do. Nes­su­no ha mai pro­mes­so che il ta­glio del na­stro sa­reb­be av­ve­nu­to nei pros­si­mi gior­ni e nep­pu­re si può an­co­ra di­re, per quan­to una pri­ma quo­ta a Ter­na sia sta­ta pa­ga­ta nel di­cem­bre del 2015, di­re che la so­cie­tà sia ina­dem­pien­te. Cer­to, se la pren­do­no co­mo­da – con­clu­de Ver­niz­zi – ma pri­ma di ot­to­bre non si può con­te­sta­re nul­la». (g.f.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.