Ro­ger Moo­re i gior­ni cor­ti­ne­si del­lo 007

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Fran­ce­sco Chia­mu­le­ra

Il cie­lo del­le Do­lo­mi­ti. Bond, Ja­mes Bond, è Ro­ger Moo­re, a Cor­ti­na d’Am­pez­zo, 1981. È tut­to un evo­car­lo, in que­sti gior­ni in cui il mondo sa­lu­ta la stel­la di Hol­ly­wood.

Una Lo­tus Esprit Tur­bo di un ros­so fiam­man­te, au­da­ce, ol­trag­gio­so, sfrec­cia sul fon­do bian­co del­la Sta­ta­le di Ale­ma­gna. Il Cristallo e il Po­ma­ga­gnon sul­lo sfon­do. La ne­ve. Il cie­lo del­le Do­lo­mi­ti. Bond, Ja­mes Bond, è Ro­ger Moo­re, a Cor­ti­na d’Am­pez­zo, 1981. È tut­to un evo­car­lo, in que­sti gior­ni in cui il mondo sa­lu­ta la stel­la di Hol­ly­wood, per le sce­ne ri­ma­ste im­mor­ta­la­te nel­la me­mo­ria del ci­ne­ma di For Your Eyes On­ly (in ita­lia­no Agen­te 007 - So­lo per i tuoi oc­chi), do­di­ce­si­mo film del­la sa­ga bon­dia­na, re­gia di John Glen, gi­ra­to tra Cor­fù e, ap­pun­to, Cor­ti­na d’Am­pez­zo. Non era la pri­ma vol­ta che Moo­re com­pa­ri­va tra i pae­sag­gi ve­ne­ti: nel ’79 era sta­to pro­ta­go­ni­sta di Moon­ra­ker, gi­ra­to a Ve­ne­zia, con Bond che vo­la­va sul­la ce­le­bre gon­do­la mo­to­riz­za­ta, tra i ca­na­li e le cal­li, che al­log­gia­va al Da­nie­li e che a Mu­ra­no e al­la Ve­ni­ni si fa­ce­va mo­stra­re i ve­tri sof­fia­ti. Poi, nell’81, 007 ar­ri­va a Cor­ti­na: ci­ne­ma­to­gra­fi­ca­men­te sia­mo pri­ma del­la cras­sa sfac­cia­tag­gi­ne di Va­can­ze di Na­ta­le, ma mol­to do­po le sce­ne di amo­re le­zio­so, fi­ne an­ni Ses­san­ta, di Aman­ti, di De Si­ca, ep­pu­re quel­le ri­pre­se re­ste­ran­no par­te in­so­sti­tui­bi­le del mi­to, del rac­con­to che Cor­ti­na co­strui­rà su sé stes­sa nei de­cen­ni a ve­ni­re. Bond/Moo­re che ar­ri­va nel­la ca­me­ra 300 del Mi­ra­mon­ti («In ve­ri­tà l’al­ber­go ser­vì so­prat­tut­to per gli ester­ni, le stan­ze ven­ne­ro ri­pro­dot­te ne­gli stu­di di Lon­dra», spie­ga il su­per-ap­pas­sio­na­to Pie­tro Car­lo Fer­ra­rio), dal cui ter­raz­zi­no si vede la Con­ca cor­ti­ne­se, in­va­sa dal so­le. Moo­re/Bond che si sve­ste e va a far­si un ba­gno, e sul ve­tro ap­pan­na­to leg­ge «To­fa­na 10 AM, To­fa­na alle die­ci del mat­ti­no»: il mes­sag­gio che gli ha la­scia­to il suo uo­mo. La sce­na suc­ces­si­va è una fu­ni­via - bel­lis­si­ma, un’al­tra li­vrea ros­sa ama­ran­to - che sa­le ver­so la ci­ma del­la To­fa­na di Mezzo. Las­sù, a 3.244 me­tri, i due si in­con­tra­no da­van­ti al pa­no­ra­ma del­la val­le del Boi­te: «La ne­ve que­st’an­no è me­glio a Inn­sbruck», è il co­di­ce segreto che il con­tat­to usa per far­si ri­co­no­sce­re. A cui Bond/Moo­re ri­spon­de, pro­ver­bial­men­te: «Ma non a St. Mo­ri­tz». Le ico­ne cor­ti­ne­si si rin­cor­ro­no. La slit­ta che si vede com­pa­ri­re nel­la ne­ve nel film di Glen ri­cor­da quel­la, trai­na­ta da ca­val­li, che ave­va ac­com­pa­gna­to Al­ber­to Sor­di nel «Con­te Max»; le sce­ne dei bor­ghe­si im­pel­lic­cia­ti al so­le, men­tre Moo­re/ Bond par­la coi suoi in­for­ma­to­ri, so­no gi­ra­te nel­lo stes­so bar del­lo Sta­dio del Ghiac­cio do­ve po­chi an­ni do­po Gui­do Ni­che­li, alias Do­na­to­ne nel film di Van­zi­na, esplo­de­rà nel tor­men­to­ne: «So­le, whi­sky, e sei in po­le po­si­tion!» E poi ec­co Cor­so Ita­lia, e so­pra a tut­te la più ce­le­bra­ta del­le im­ma­gi­ni bon­dia­ne in mon­ta­gna: la sce­na dell’in­se­gui­men­to, in cui Bond cioè Moo­re cioè la sua con­tro­fi­gu­ra fug­ge con gli sci ai pie­di e un mo­to­ci­cli­sta alle cal­ca­gna, in mez­za Cor­ti­na: il tram­po­li­no olim­pio­ni­co, le di­ste­se del­lo sci, la pi­sta da bob. Do­ve tro­ve­rà la mor­te, nel­le ri­pre­se, il po­ve­ro stunt­man Pao­lo Ri­gon, vo­la­to fuo­ri dal pri­mo gran­de cur­vo­ne. Ades­so che non c’è più, Bond/Moo­re è la no­stal­gia dell’epo­ca dei ga­lan­tuo­mi­ni del­la Guer­ra Fred­da, in cui ele­gan­za e azio­ne, for­za e in­tel­li­gen­za sta­va­no in un equi­li­brio qua­si mi­ra­co­lo­so, con lo spio­nag­gio co­me uni­co ago­ne pos­si­bi­le, in un mondo co­stret­to dai lac­ci del­la di­plo­ma­zia. L’in­tel­li­gen­ce, in sen­so la­to. Ma la Lo­tus am­pez­za­na e la gon­do­la mo­to­riz­za­ta ve­ne­zia­na di­co­no an­che di un’al­tra sto­ria. So­no lam­pi di un fu­tu­ri­smo che non tor­ne­rà più, l’eb­brez­za del­la ve­lo­ci­tà, gli ul­ti­mi mo­to­ri - e re­la­ti­vi gas di sca­ri­co - sul­le pi­ste, tra au­to­mo­bi­li e mo­to­ci­clet­te. Pri­ma che, co­me ha no­ta­to An­to­nio De Ros­si, si fac­cia stra­da la re­to­ri­ca slow, eco­lo­gi­ca e pas­sa­ti­sta che do­mi­na i no­stri tem­pi. Gli an­ni di Ro­ger Moo­re: co­sì mo­der­ni, co­sì lon­ta­ni.

For Your Eyes On­ly a Cor­ti­na (1981)

sette film. Due di que­sti era­no gi­ra­ti in Ve­ne­to.

Moon­ra­ker a Ve­ne­zia (1979) e

1981 Ro­ger Moo­re du­ran­te le ri­pre­se di «So­lo per i tuoi oc­chi» a Cor­ti­na d’Am­pez­zo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.