«So­no lo sco­pri­to­re del­lo Zon­co­lan: lì Bas­so è sta­to gran­dis­si­mo»

L’intervista 4/ Fran­ce­sco Gui­do­lin

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cento Volte Giro -

Co­me ogni an­no, il Gi­ro d’Ita­lia chia­ma un no­me: Fran­ce­sco Gui­do­lin. Se c’è qual­cu­no che è em­pa­ti­co coi ci­cli­sti, quel­lo è l’al­le­na­to­re tre­vi­gia­no, clas­se ‘55, una vi­ta nel cal­cio da pro­fes­sio­ni­sta e l’al­tra (pa­ral­le­la) nel­la bi­ci, da ci­cloa­ma­to­re pro­vet­to e og­gi an­che ge­ne­ral ma­na­ger del­la Zalf Eu­ro­mo­bil De­si­rèe Fior, la squa­dra del­la sua Ca­stel­fran­co. «Lo sfor­zo li­be­ra la men­te», di­ce­va Gui­do­lin il 24 lu­glio 2009 - all’epo­ca al­le­na­va il Parma - do­po aver sca­la­to lo Stel­vio in 2 ore e 4 mi­nu­ti. Uno che s’è im­mer­so nel­la fa­ti­ca di chi pe­da­la: «Di per­so­na. Ma an­che, ideal­men­te, at­tra­ver­so i gran­di can­to­ri. Da fan di Mon­ta­nel­li, ul­ti­ma­men­te, ho gu­sta­to “In­dro al Gi­ro”, la rac­col­ta dei suoi pez­zi da in­via­to del Cor­rie­re del­la Se­ra».

Le leg­gen­de del Gi­ro: do­ve va il pen­sie­ro, Gui­do­lin?

«Par­to dal 5 giu­gno 1988, la tem­pe­sta di ne­ve sul Ga­via, Van der Vel­de che pas­sa per pri­mo poi nes­su­no ha più no­ti­zie di lui. “Dov’è Van der Vel­de?”. Era an­da­to a chiu­der­si in una ca­sa per ri­scal­dar­si dal­la cri­si di fred­do».

Avan­ti...

«La vit­to­ria di Mo­ser al Gi­ro ‘84 in quel­la splen­di­da cro­no­me­tro Soa­ve-Ve­ro­na».

Chiu­dia­mo

«Il gran­de fran­ce­se Lau­rent Fi­gnon, che tor­na al Gi­ro do­po 5 an­ni e lo vin­ce: 1989».

Gui­do­lin

«Bi­so­gna­va usci­re in stra­da, quan­do pas­sa­va, tutti fuo­ri dal­le clas­si an­che a scuo­la. Un ri­to, per pic­co­le e gran­di co­mu­ni­tà, sen­za di­stin­zio­ni. Con­ti­nuo a usci­re an­ch’io: il tempo si è fer­ma­to ai miei 5-6 an­ni e a Ca­stel­fran­co in fe­sta».

I e il il Gi­ro… suoi amo­ri po­dio? al Gi­ro?

«Pre­mes­sa: pur­trop­po, ero trop­po pic­co­lo, non ri­cor­do i tem­pi di Cop­pi. Det­to questo, ho ado­ra­to Merc­kx, il più for­te in as­so­lu­to, e am­mi­ra­to il co­rag­gio e la ge­ne­ro­si­tà di Mo­ser. Im­pos­si­bi­le non af­fe­zio­nar­si a Fi­gnon. Poi il bel­ga Ro­ger De Vlae­minck. De­gli attuali mi piac­cio­no mol­to Sa­gan e Ni­ba­li. Ma di fat­to…».

Di fat­to?

«Ti­fo per tutti. Per­ché so quanto sia dif­fi­ci­le e du­ro il com­pi­to di un corridore. E guar­do con af­fet­to an­che a quel­li no­mi­na­ti po­co».

Ad esem­pio?

«Fac­cio il no­me di un ci­cli­sta ve­ne­to: cre­do nes­su­no sap­pia che Mar­co Mar­ca­to, nel­le clas­si­che del Nord, si piaz­za sem­pre tra i pri­mi 20, il che vuol di­re an­da­re for­tis­si­mo…».

Torniamo al Gi­ro: Zon­co­lan, Grap­pa, Stel­vio, da un la­to c’è lei che sca­la quel­le mon­ta­gne nel­le pau­se dal cal­cio e dall’al­tro ci so­no i ci­cli­sti che vi han­no co­strui­to im­pre­se…

«Ri­cor­do Ivan Bas­so, lo Zon­co­lan nel 2010, ero di lì quel gior­no. Al­lo Zon­co­lan ci so­no mol­to le­ga­to: cre­do di aver­lo “sco­per­to” e se­gna­la­to agli ad­det­ti per pri­mo. Nel 2007 l’ho sca­la­to in 56 mi­nu­ti: per un 50en­ne non è sta­ta una pre­sta­zio­ne da po­co».

Il Grap­pa?

«Lì ne ab­bia­mo vi­ste tan­te, di bel­le. È la mia pa­le­stra: quan­do il tempo è cle­men­te so­no sul­la sa­li­ta di Cam­po Cro­ce a gu­star­mi fa­ti­ca e pae­sag­gio».

E lo Stel­vio?

«In tan­ti, al Gi­ro, l’han­no sca­la­to tra due mu­ri di ne­ve. Io l’ho fat­to 3-4 vol­te: tra le mon­ta­gne più bel­le e im­pe­gna­ti­ve».

Co­sa si­gni­fi­ca, per lei, toc­ca­re con ma­no e ma­nu­brio le mon­ta­gne del Gi­ro?

«Si­gni­fi­ca sfor­zo. ». co­no­sce­re quel­lo

Gio­van­ni Ra­na Pri­ma vol­ta al Gi­ro d’Ita­lia nel 1950: a Mon­ta­gna­na ci an­dai in bi­ci­clet­ta e vi­di Bar­ta­li

Zon­co­lan «L’ho sco­per­to io e Bas­so lì ha vin­to», di­ce Fran­ce­sco Gui­do­lin

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.