Da Pi­na­rel­lo a Ca­ro­lo e Lie­vo­re La ma­glia ne­ra è una sto­ria ve­ne­ta

As­se­gna­ta dal 1946 al ‘51 con un’ec­ce­zio­ne nel 1967: ec­co i ri­va­li di Ma­la­broc­ca

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cento Volte Giro -

Vin­ce­re la clas­si­fi­ca al con­tra­rio, quan­do ar­ri­va­re ul­ti­mo può da­re fa­ma, sol­di, in­gag­gi per l’an­no do­po. In­som­ma, non il de­re­lit­to per ec­cel­len­za, non il «fril­lo» do­len­te e tri­ste. Ma uno scon­fit­to co­smi­co, gran­dis­si­mo tan­to più gran­de è il di­stac­co dal pri­mo in clas­si­fi­ca, la ma­glia ro­sa.

È la sto­ria del­la ma­glia ne­ra, l’ul­ti­mo del­la fi­la, il fa­na­li­no di co­da. Una sto­ria bre­ve ma straor­di­na­ria, che ha tra i suoi pro­ta­go­ni­sti al­me­no tre ci­cli­sti ve­ne­ti. La ma­glia ne­ra al Gi­ro fu as­se­gna­ta in so­le sei edi­zio­ni, dal 1946 al 1951, con un’ec­ce­zio­ne nel 1967 in oc­ca­sio­ne del­la cin­quan­te­si­ma edi­zio­ne del­la cor­sa. Fu abo­li­ta nel 1952 e a chie­der­lo fu­ro­no gli stessi cor­ri­do­ri: ri­te­ne­va­no, for­se non a tor­to, che per la sua con­qui­sta ve­nis­se­ro mes­si in at­to espe­dien­ti e fur­bi­zie che po­co ave­va­no a che fa­re con la com­pe­ti­zio­ne spor­ti­va. Tant’è, la sto­ria del­la ma­glia ne­ra re­sta una del­le più vi­vi­de nel­la me­mo­ria col­let­ti­va de­gli spor­ti­vi e de­gli ap­pas­sio­na­ti del­le due ruo­te.

Di­ce­va­mo di tre ve­ne­ti: i pri­mi due so­no gli au­ten­ti­ci pro­ta­go­ni­sti del­la lot­ta per l’ul­ti­mo po­sto e i suoi pre­mi: Gio­van­ni Pi­na­rel­lo e San­te Ca­ro­lo, che bat­ta­glia­ro­no con il pie­mon­te­se Lui­gi Ma­la­broc­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.