Quel vi­deo del­lo stu­den­te fe­ri­to al Giorgi «Ag­gre­di­to in clas­se con una per­fo­ra­tri­ce» Ma lui ne­ga: «Mi so­no fat­to ma­le da so­lo»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO Ag­gre­di­to dai coe­ta­nei o sci­vo­la­to ac­ci­den­tal­men­te sbat­ten­do la fron­te? La ci­ca­tri­ce si vede an­co­ra sul vol­to del 19en­ne stu­den­te dell’isti­tu­to pro­fes­sio­na­le Giorgi di Tre­vi­so che, se­con­do al­cu­ni ami­ci, sa­reb­be per­se­gui­ta­to da un grup­pet­to di com­pa­gni al pun­to da ar­ri­va­re a far­gli ma­le fi­si­ca­men­te. La scuo­la ne­ga tut­to, an­zi con­trat­tac­ca per difendere il buon no­me dell’isti­tu­to, e lui stes­so cer­ca di can­cel­la­re que­sta im­prov­vi­sa e sgra­di­ta no­to­rie­tà: «Era una sem­pli­ce caduta, per rac­co­glie­re una pen­na ho sbat­tu­to su una se­dia – ha rac­con­ta­to -. La no­ti­zia è sta­ta in­gi­gan­ti­ta per nien­te da qual­cu­no che for­se ha problemi con i do­cen­ti o al­tri ra­gaz­zi. Noi sia­mo una clas­se pic­co­la e sia­mo mol­to uni­ti».

Il suo uni­co pro­ble­ma og­gi, di­ce, è af­fron­ta­re l’esa­me di ma­tu­ri­tà: «E spe­ro che do­ma­ni mat­ti­na que­sta sto­ria sia fi­ni­ta».

L’epi­so­dio con­te­sta­to ri­sa­le all’ini­zio di feb­bra­io. Il ra­gaz­zo san­gui­na­va vi­sto­sa­men­te da un so­prac­ci­glio, tan­to da do­ver cor­re­re in ba­gno per sciac­qua­re il vi­so; non è ba­sta­to, è do­vu­to an­da­re al pron­to soc­cor­so per far­si met­te­re dei pun­ti e chiu­de­re la fe­ri­ta. «Sta­vo rac­co­glien­do una pen­na», ha ri­fe­ri­to su­bi­to a chi lo ha me­di­ca­to. Ma qual­cu­no non gli cre­de. Di­co­no che in quel mo­men­to in clas­se non ci fos­se­ro in­se­gnan­ti e che al­cu­ni ra­gaz­zi, che lo pren­do­no di mi­ra in mo­do in­si­sten­te da tempo, l’ab­bia­no col­pi­to con una mac­chi­net­ta di me­tal­lo, una per­fo­ra­tri­ce di quel­le che si usa­no du­ran­te le le­zio­ni pro­fes­sio­na­li.

A scuo­la è gi­ra­to un vi­deo: lui è in ba­gno, san­gui­nan­te, si sciac­qua il vi­so e il la­van­di­no si tin­ge di ros­so. Il fat­to è già suc­ces­so, l’ag­gres­sio­ne non si vede, nem­me­no la caduta. «Non sa­pe­vo di questo vi­deo», ri­fe­ri­sce lui, il pro­ta­go­ni­sta, che non ha mai de­nun­cia­to l’ac­ca­du­to. I suoi ami­ci di­co­no per pau­ra di ri­tor­sio­ni, lui per­ché «non c’è nien­te di ve­ro, mi so­no fat­to ma­le da so­lo».

An­che la scuo­la smen­ti­sce, do­po aver par­la­to col ra­gaz­zo. «Questo pre­sun­to at­to di bul­li­smo è pu­ra in­ven­zio­ne – spie­ga la vi­ce­pre­si­de Ma­ria Tran­quil­lin -. Non si è mai ve­ri­fi­ca­to. La fe­ri­ta è do­vu­ta a un incidente ca­sua­le. Ci pre­oc­cu­pa di più, in­ve­ce, l’at­ten­zio­ne me­dia­ti­ca su un ra­gaz­zo che sta per af­fron­ta­re l’esa­me di ma­tu­ri­tà, uno dei no­stri mi­glio­ri stu­den­ti. È mag­gio­ren­ne, non ha cer­ca­to di na­scon­de­re un’ag­gres­sio­ne. Sia il ra­gaz­zo che la scuo­la so­no sta­ti dan­neg­gia­ti da que­ste sup­po­si­zio­ni».

Lui ha in­ten­zio­ne di chiu­de­re qui la sto­ria, il Giorgi for­se no, «ne par­le­re­mo, ab­bia­mo su­bi­to un dan­no d’im­ma­gi­ne». La scuo­la è in pos­ses­so del re­fer­to me­di­co: fe­ri­ta ac­ci­den­ta­le. Al pun­to che la fa­mi­glia, es­sen­do il ra­gaz­zo mag­gio­ren­ne, non era sta­ta in­te­res­sa­ta.

Mat­teo Za­nus­so, rap­pre­sen­tan­te d’isti­tu­to, si è det­to col­to di sor­pre­sa dal­la vi­cen­da: «Io e tutti gli al­tri. Non ne ab­bia­mo mai sen­ti­to par­la­re a scuo­la. Quan­do al­tri epi­so­di era­no emer­si, so­no sta­ti fer­ma­ti sul na­sce­re e non so­no ar­ri­va­ti ad ag­gra­var­si al pun­to da de­sta­re pre­oc­cu­pa­zio­ne. Per la pre­si­de e la vi­ce­pre­si­de questo del bul­li­smo è un ar­go­men­to im­por­tan­te e ne ab­bia­mo sem­pre par­la­to. Com­bat­te­re le pre­va­ri­ca­zio­ni è fon­da­men­ta­le in una scuo­la con 600 stu­den­ti co­me la no­stra. È un te­ma mol­to sen­ti­to e al mi­ni­mo se­gna­le, co­me è suc­ces­so in al­tri ca­si, ab­bia­mo bloc­ca­to il fe­no­me­no col dia­lo­go, c’è sta­ta mol­ta par­te­ci­pa­zio­ne».

Ora però, con le due ver­sio­ni che con­flig­go­no, il dub­bio c’è e Mat­teo non vuo­le che la que­stio­ne sia ab­ban­do­na­ta: «In ogni scuo­la ci so­no le me­le mar­ce ma a tutti noi sta il com­pi­to di fer­mar­le – com­men­ta il rap­pre­sen­tan­te del Giorgi -. Cre­do fer­ma­men­te che non si pos­sa la­sciar cor­re­re e che la que­stio­ne va­da ap­pro­fon­di­ta, so­no si­cu­ro che ver­ran­no av­via­ti dei per­cor­si e, con la di­spo­ni­bi­li­tà del­la pre­si­de e del­la vi­ce­pre­si­de, ne di­scu­te­re­mo. Se è suc­ces­so ve­ra­men­te un epi­so­dio si­mi­le, non può ri­ma­ne­re un ge­sto im­pu­ni­to».

Co­sì la cer­tez­za di ciò che è ca­pi­ta­to tre me­si fa ri­ma­ne av­vol­ta nel mi­ste­ro, smen­ti­to dal pro­ta­go­ni­sta ma con­fer­ma­to da chi è pre­oc­cu­pa­to per lui. Un fra­me del vi­deo gi­ra­to (di na­sco­sto) nei ba­gni dell’isti­tu­to, do­po che lo stu­den­te del quin­to an­no si è fe­ri­to

L’in­for­tu­nio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.