Bi­ci, sel­le e scar­pe Tut­to fa bu­si­ness

Non so­lo atle­ti Il Ve­ne­to pa­tria di gran­di azien­de che le­ga­no il pro­prio mar­chio al ci­cli­smo. Dal­la Pi­na­rel­lo al­la Wi­lier sen­za di­men­ti­ca­re Si­di per le cal­za­tu­re e Cam­pa­gno­lo per la tec­no­lo­gia. E i fat­tu­ra­ti so­no da re­cord

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Cento Volte Giro - di Ales­san­dro To­ma­sel­li © RIPRODUZIONE RISERVATA

Le bi­ci Pi­na­rel­lo Ora può con­ta­re sull’ap­pog­gio del fon­do d’in­ve­sti­men­to ame­ri­ca­no L Cat­ter­ton

La Cam­pa­gno­lo Ha 110 mi­lio­ni di fat­tu­ra­to, con l’80% del­la pro­du­zio­ne per il mer­ca­to este­ro

Bi­ci­clet­te, ruo­te, com­po­nen­ti mec­ca­ni­ci, ab­bi­glia­men­to e ac­ces­so­ri co­me ca­schi, oc­chia­li e scar­pe, sen­za di­men­ti­ca­re le sel­le, han­no ori­gi­ne in Ve­ne­to che, sen­za te­ma di smen­ti­ta, può es­se­re con­si­de­ra­to il cuo­re dell’in­du­stria del­le due ruo­te. Nel 2015 in Ita­lia si so­no pro­dot­te 2,7 mi­lio­ni di bi­ci­clet­te, di cui 1,7 mi­lio­ni de­sti­na­ti alle espor­ta­zio­ni, con un mer­ca­to in for­te rin­no­va­men­to, che va­le cir­ca 800 mi­lio­ni di eu­ro e ri­guar­da 250 azien­de. Nel­la fa­scia al­to di gam­ma si tro­va­no le azien­de con for­te con­no­ta­zio­ne ar­ti­gia­na, quel­le na­te co­me bot­te­ghe di ex cor­ri­do­ri, mol­te del­le qua­li han­no ra­di­ci in Ve­ne­to e so­no le azien­de che con la lo­ro ri­cer­ca e svi­lup­po ten­go­no in al­to il Ma­de in Ita­ly nel mondo.

A Tre­vi­so si tro­va la Pi­na­rel­lo, azien­da lea­der nel­la pro­du­zio­ne di bi­ci­clet­te di al­ta gam­ma, sul­le cui due ruo­te il bri­tan­ni­co Ch­ris Froo­me ha do­mi­na­to gli ul­ti­mi due Tour de Fran­ce e che ogni ap­pas­sio­na­to di due ruo­te so­gna un gior­no di pos­se­de­re. Ca­pi­ta­na­ta da Fau­sto Pi­na­rel­lo, fi­glio del fon­da­to­re Gio­van­ni Pi­na­rel­lo, sto­ri­ca ma­glia ne­ra de­gli an­ni ’50, la Pi­na­rel­lo ha un fat­tu­ra­to di ol­tre 50 mi­lio­ni di eu­ro con 48 di­pen­den­ti e da qual­che me­se può con­ta­re sull’ap­pog­gio del fon­do d’in­ve­sti­men­to ame­ri­ca­no L Cat­ter­ton, fon­do di pri­va­te equi­ty del grup­po LVMH, pro­prie­ta­rio di gran­di mar­chi del lus­so co­me Louis Vuitton. «L’ul­ti­mo an­no ab­bia­mo chiu­so con una pro­du­zio­ne di 30mi­la te­lai, il 35% del­la F8 il top di gam­ma del­la col­le­zio­ne, ora af­fian­ca­to dal­la nuo­va na­ta la F10, al de­but­to sul­le stra­de del Gi­ro con il team Sky», rac­con­ta Fau­sto Pi­na­rel­lo. Un gran­de bal­zo per un‘azien­da che nel 2003 fat­tu­ra­va ap­pe­na 8 mi­lio­ni di eu­ro. «I no­stri mer­ca­ti di ri­fe­ri­men­to so­no gli Usa e il Giap­po­ne con una for­te cre­sci­ta di tut­to il Far Ea­st, con ol­tre il 90% di fat­tu­ra­to fat­to all’este­ro».

A Ros­sa­no Ve­ne­to, in pro­vin­cia di Vi­cen­za, si tro­va un al­tro sto­ri­co mar­chio del­le due ruo­te, la Wi­lier trie­sti­na, ca­sa fon­da­ta nel 1906 e ora di­ret­ta dal­la fa­mi­glia Ga­stal­del­lo. Co­no­sciu­ta per le sue bi­ci­clet­te ra­ma­te, Wi­lier non è al­tro che l’acro­ni­mo del mot­to Wi­va l’Ita­lia li­be­ra e re­den­ta, ora è in grup­po al Gi­ro con una squa­dra che por­ta il suo no­me, Wi­lier-Sel­le Ita­lia, con il vi­cen­ti­no Filippo Poz­zat­to co­me atle­ta di pun­ta. «I no­stri atle­ti al Gi­ro di­spon­go­no di 3 bi­ci più una da cro­no­me­tro, Poz­za­to ne ha una per­so­na­liz­za­ta tut­ta ra­ma­ta - sot­to­li­nea Lu­ca Vio­let­to, re­spon­sa­bi­le co­mu­ni­ca­zio­ne dell’azien­da – Wi­lier è pre­sen­te in 45 mer­ca­ti in­ter­na­zio­na­li, con un fat­tu­ra­to di 50 mi­lio­ni di eu­ro e con una pro­du­zio­ne di ol­tre 35mi­la bi­ci­clet­te».

Tra le pro­vin­cia di Tre­vi­so e Vi­cen­za si tro­va­no in­ve­ce le più im­por­tan­ti azien­de pro­dut­tri­ci di sel­le per bi­ci­clet­ta. Sel­le Bas­sa­no, Fi­zik – Sel­le Royal, SMP, e la più gran­de e la più co­no­sciu­ta Sel­le Ita­lia – Sel­le San Mar­co di Giu­sep­pe Bi­go­lin, che pro­prio in que­sti gior­ni fe­steg­gia i 120 an­ni di sto­ria. In pra­ti­ca la qua­si to­ta­li­tà dei ci­cli­sti pre­sen­ti al Gi­ro sie­de su una sel­la pro­dot­ta in Ve­ne­to. «So­no cin­que le squa­dre con le no­stre sel­le - rac­con­ta Bi­go­lin, 76 an­ni e an­co­ra a ca­po dell’azien­da – il 90% del­la no­stra pro­du­zio­ne, ol­tre 1,3 mi­lio­ni di pez­zi è de­sti­na­to all’espor­ta­zio­ne e nell’ul­ti­mo eser­ci­zio ab­bia­mo fat­tu­ra­to più di 20 mi­lio­ni di eu­ro. Le pro­spet­ti­ve? Ro­see».

Ma il Ve­ne­to del­le due ruo­te è an­che ca­schi e oc­chia­li co­me la tre­vi­gia­na Ru­dy Pro­ject, ab­bi­glia­men­to co­me la bel­lu­ne­se Ma­ni­fat­tu­ra di Val­ci­smon che pro­du­ce i mar­chi Ca­stel­li e Sport­full, in­dos­sa­ti tra gli al­tri dal Team Sky e dal­la Na­zio­na­le ita­lia­na. Il Ve­ne­to però è so­prat­tut­to lea­der nel­le pro­du­zio­ne di scar­pe con mar­chi sto­ri­ci co­me Dia­do­ra, DMT, Nor­th­wa­ve, Gaer­ne e so­prat­tut­to Si­di. La no­ta azien­da di Ma­ser nel tre­vi­gia­no, ai pie­di di Ni­ba­li, Poz­za­to, del bri­tan­ni­co Froo­me è pre­sen­te in ben 16 dei 22 team par­te­ci­pan­ti al­la cor­sa ro­sa. Si­di è Di­no Si­gno­ri, che ne­gli an­ni ’60 pro­du­ce le sue pri­me cal­za­tu­re spor­ti­ve da mon­ta­gna e ne­gli an­ni ’70 si lan­cia nel­la pro­du­zio­ne del­le scar­pe da ci­cli­smo e sti­va­li da mo­to ed ora è lea­der in­di­scus­so di un mer­ca­to che de­ve com­pe­te­re con la for­te con­cor­ren­za dei prodotti dell’estre­mo orien­te. L’azien­da tre­vi­gia­na, da la­vo­ro a 70 di­pen­den­ti nel­lo sta­bi­li­men­to di Ma­ser più al­tri 250 nel­lo sta­bi­li­men­to in Ro­ma­nia e tra i tan­ti suc­ces­si può van­ta­re ben 13 Tour de Fran­ce. «Il pri­mo a vin­ce­re fu Fi­gnon, poi ven­ne In­du­rain e in epo­ca più re­cen­te Sa­stre, Con­ta­dor e ora Froo­me– rac­con­ta Si­gno­ri – dif­fi­ci­le quan­ti­fi­ca­re quanto que­sti suc­ces­si por­ti­no in ter­mi­ni di ven­di­te, cer­to è che la vi­si­bi­li­tà che dan­no al no­stro pro­dot­to que­sti atle­ti è enor­me».

La sto­ria del­la bi­ci­clet­ta non può fa­re a me­no di un al­tro mar­chio na­to in Ve­ne­to co­me Cam­pa­gno­lo, pro­dut­to­re di ruo­te e com­po­nen­ti per bi­ci­clet­ta di al­ta gam­ma. L’azien­da vi­cen­ti­na fon­da­ta ne­gli an­ni ’30 da Tul­lio Cam­pa­gno­lo, è sta­ta ar­te­fi­ce di al­cu­ne del­le più im­por­tan­ti in­no­va­zio­ni che han­no fat­to del­le bi­ci­clet­ta un mezzo ad al­ta tec­no­lo­gia. Og­gi Cam­pa­gno­lo e Ful­crum (pro­du­zio­ne di ruo­te) han­no 1.000 di­pen­den­ti sud­di­vi­si tra il si­to di Vi­cen­za e al­tri sta­bi­li­men­ti tutti in Eu­ro­pa, 110 mi­lio­ni di fat­tu­ra­to, con l’80% del­la pro­du­zio­ne per il mer­ca­to este­ro di­stri­bui­ta in più di 60 pae­si.

Azien­de A si­ni­stra, un par­ti­co­la­re di un ne­go­zio Pi­na­rel­lo, azien­da lea­der nel­la co­stru­zio­ne di bi­ci­clet­te. A de­stra, l’in­ter­no del­la Ca­ma­p­gno­lo, lea­der nel­la pro­du­zio­ne di ruo­te e com­po­nen­ti per bi­ci­clet­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.