L’an­sia dei cor­ren­ti­sti agli spor­tel­li: «Or­mai vi­via­mo in apnea»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­drea Alba

VI­CEN­ZA «Qua­rant’an­ni fa è sta­to Ghed­da­fi a por­tar­mi via tut­to, quan­do con mio pa­dre ero in Li­bia. Ades­so la se­con­da ba­to­sta me l’ha da­ta la Po­po­la­re di Vi­cen­za». Ema­nue­le, ex pic­co­lo im­pren­di­to­re oggi in pen­sio­ne, ar­ri­va tra­fe­la­to in bi­ci­clet­ta al­la fi­lia­le nu­me­ro 5 di Bp­vi a Vi­cen­za. «Que­sta mat­ti­na ho let­to di quel­lo che chie­de l’Eu­ro­pa. So­no ve­nu­to a chie­de­re in ban­ca, mi de­vo­no da­re ras­si­cu­ra­zio­ni: io qui ho già per­so 92mi­la eu­ro. Mil­le e cin­que­cen­to azio­ni, ades­so so­no pez­zi di car­ta sen­za va­lo­re». Le sue pre­oc­cu­pa­zio­ni so­no quel­le di tan­ti.

Quel­la di via­le Trie­ste è una fi­lia­le im­por­tan­te, lì han­no i con­ti mol­ti so­ci e azio­ni­sti del ca­po­luo­go. L’ex co­los­so ban­ca­rio a Vi­cen­za è an­co­ra l’«isti­tu­to» del­la cit­tà, qui il ri­cor­do di quan­do le ce­do­le del­le azio­ni ar­ri­va­va­no re­go­la­ri ce l’han­no in tan­ti e non è an­co­ra sbia­di­to. Ma è un ri­cor­do, ap­pun­to: nel­la mat­ti­na­ta di gio­ve­dì, quan­do i gior­na­li pub­bli­ca­no i dub­bi e la «fu­ma­ta ne­ra» che da Bru­xel­les ri­schia di in­ca­glia­re la ri­ca­pi­ta­liz­za­zio­ne e la fu­sio­ne con Ve­ne­to Ban­ca, c’è più di un cor­ren­ti­sta che cor­re a chie­de­re spie­ga­zio­ni in fi­lia­le. «Ho il con­to con Bp­vi dal 1970, ho la­vo­ra­to una vi­ta per ri­co­strui­re quel­lo che ave­va­mo per­du­to in Li­bia. Ma in que­sti an­ni, con le azio­ni, è sta­ta una de­lu­sio­ne enor­me – in­cal­za l’ex im­pren­di­to­re – ho an­co­ra i miei sol­di e quel­li dei miei fi­gli nel con­to, se mi le­va­no pu­re que­sti per me va a fi­ni­re ma­le. Non ne avrò più nean­che per man­gia­re: ora va­do den­tro e gli chie­do co­me va. Tan­to so­no si­cu­ro che la ri­spo­sta sa­rà “è tut­to a posto”». Men­tre sfi­du­cia­to l’ita­lo-li­bi­co en­tra nel­la bus­so­la, dal­la fi­lia­le esce un ses­san­ten­ne vi­cen­ti­no. «La ve­ri­tà è che da quan­do c’è sta­to il tra­col­lo con Gian­ni Zo­nin que­sta ban­ca non si è più ri­pre­sa. E’ un’apnea con­ti­nua e non se ne ve­de la fi­ne» com­men­ta al­lar­gan­do le brac­cia.

«Può scri­ve­re che non so­no tan­to pre­oc­cu­pa­to per il con­to, non va­do al­tro­ve – pre­ci­sa - in fon­do lì ho so­lo 20mi­la eu­ro. Pe­rò ne ho ol­tre cen­to­mi­la in ob­bli­ga­zio­ni, quel­lo mi dà pa­rec­chio da pen­sa­re». Cor­ren­ti­sta da­gli an­ni ‘80, il vi­cen­ti­no rac­con­ta la cre­scen­te de­lu­sio­ne dell’ul­ti­mo trien­nio. «Sia­mo sta­ti toc­ca­ti an­che noi, mia so­rel­la era di­pen­den­te del­la ban­ca e una de­ci­na di an­ni fa ha do­vu­to com­pra­re pu­re lei un pac­chet­to di azio­ni da 15mi­la eu­ro. Una scel­ta di fat­to ob­bli­ga­ta — di­ce il ses­san­ten­ne con una smor­fia — era quan­do han­no ini­zia­to i gran­di au­men­ti di ca­pi­ta­le. Io per for­tu­na ne so­no ri­ma­sto fuo­ri: pur da pro­fa­no mi so­no sem­pre chie­sto che sen­so aves­se­ro del­le azio­ni non ne­go­zia­bi­li». In fon­do è tut­ta una que­stio­ne di sol­di. Chi non ne ha mol­ti si sen­te al si­cu­ro: «Se mi fi­do? Non ho ca­pi­ta­li in­ve­sti­ti, nel con­to cor­ren­te en­tra so­lo il mio sti­pen­dio – sor­ri­de De­bo­ra, qua­ran­ten­ne vi­cen­ti­na – sa­rei mol­to più pre­oc­cu­pa­ta se aves­si Bot o azio­ni. Ma io ho il con­to qui da vent’an­ni, da quan­do ho ini­zia­to a la­vo­ra­re. Pen­so di ri­ma­ne­re: so qua­li so­no le mie spe­se, co­sa en­tra e co­sa esce, con­trol­lo spes­so». Ma­ri­li­sa – ot­tant’an­ni ben por­ta­ti, cor­ren­ti­sta in una fi­lia­le del­la pro­vin­cia – en­tran­do in ban­ca ha un’aria che pro­met­te tem­pe­sta. Spen­de so­lo due pa­ro­le per de­scri­ve­re la sua si­tua­zio­ne: «Sì sì, il con­to lo ten­go. Tan­to, i sol­di so­no già sfu­ma­ti: mio ma­ri­to ave­va in­ve­sti­to la sua li­qui­da­zio­ne nel­le azio­ni del­la Po­po­la­re. Sia­mo in cau­sa con un’as­so­cia­zio­ne di con­su­ma­to­ri».

L’uni­ca che ac­cet­ta di ren­de­re pub­bli­co il ve­ro no­me, for­se non a ca­so, non è né vi­cen­ti­na né ita­lia­na. «Io con la Po­po­la­re ho so­lo una car­ta pre­pa­ga­ta – spie­ga Sla­vi­ca Mi­lo­va­no­vic – ho sen­ti­to che ci so­no dei pro­ble­mi, ma in fon­do non pen­so ci sia da pre­oc­cu­par­si fin che met­to den­tro po­chi sol­di». Men­tre par­la esce Ema­nue­le, il pen­sio­na­to ita­lo-li­bi­co. Ri­pe­te quan­to ha sen­ti­to al­lo spor­tel­lo: «Mi han­no det­to “aspet­tia­mo”, che è “inu­ti­le agi­tar­si”. Spe­ria­mo be­ne...».

Il li­bi­co Qua­ran­ta an­ni fa fu Ghed­da­fi a por­tar­mi via tut­to, ora è la mia ban­ca Ma­ri­li­sa Mio ma­ri­to ave­va in­ve­sti­to la li­qui­da­zion e nel­la Po­po­la­re, ab­bia­mo già per­so tut­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.