«Io, la pri­ma don­na in cu­ra con la can­na­bis»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Prian­te

VI­CEN­ZA Ha 41 anni, spo­sa­ta con un fi­glio, ap­par­te­nen­te al­la for­ze dell’or­di­ne, la pri­ma don­na in cu­ra con la can­na­bis ita­lia­na. «Con­tro la scia­tal­gia le ho pro­va­te tut­te - di­ce - vi racconto la mia lotta con­tro ma­lat­tia e pregiudizi».

VI­CEN­ZA Da gen­na­io è in ven­di­ta la pri­ma can­na­bis te­ra­peu­ti­ca Ma­de in Ita­ly. Si chia­ma Fm-2 e vie­ne pro­dot­ta nel­lo sta­bi­li­men­to chi­mi­co mi­li­ta­re di Firenze, do­ve lo scor­so anno era­no sta­te tra­sfe­ri­te – tra ec­ce­zio­na­li mi­su­re di si­cu­rez­za - le ta­lee for­ni­te dal Centro ricerche per le col­tu­re in­du­stria­li di Ro­vi­go, do­ve si spe­ri­men­ta la col­ti­va­zio­ne della ca­na­pa.

La pri­ma in Ita­lia a ven­de­re il pro­dot­to, è sta­ta la far­ma­cia «Cam­pel­lo» di Vi­cen­za. I pro­prie­ta­ri ave­va­no ri­chie­sto l’Fm-2 per ve­ni­re in­con­tro al­la ri­chie­sta di una lo­ro clien­te che già uti­liz­za­va il Be­tro­can, un far­ma­co ana­lo­go che esi­ste da di­ver­si anni ed è pro­dot­to in Olan­da. È sta­ta una pa­zien­te vi­cen­ti­na, quin­di, la pri­ma ad as­su­me­re la can­na­bis te­ra­peu­ti­ca pro­dot­ta nel no­stro Pae­se.

Ha 41 anni, è spo­sa­ta con un ap­par­te­nen­te al­le for­ze dell’or­di­ne e ha un fi­glio. Ac­cet­ta di rac­con­ta­re la sua sto­ria a pat­to di re­sta­re ano­ni­ma per­ché – as­si­cu­ra – «ci sono an­co­ra mol­ti pre­con­cet­ti nei con­fron­ti di chi usa que­sto ge­ne­re di far­ma­co». Di­ver­si stu­di di­mo­stra­no che l’Fm-2 rie­sce a le­ni­re la sof­fe­ren­za dei ma­la­ti di Sla e Par­kin­son, ma an­che a ri­dur­re gli spa­smi. Nel suo ca­so, in­ve­ce, ser­ve ad at­te­nua­re gli ef­fet­ti di una fa­sti­dio­sa in­fiam­ma­zio­ne al ner­vo scia­ti­co. «È ini­zia­to tutto con la pri­ma gra­vi­dan­za, una de­ci­na d’anni fa. Era un do­lo­re con­ti­nuo, sfi­nen­te. A cau­sa della scia­tal­gia non po­te­vo a te­ne­re in brac­cio mio fi­glio, c’era­no gior­na­te in cui a ma­la­pe­na riu­sci­vo ad al­zar­mi dal let­to».

Le ha pro­va­te tut­te, per gua­ri­re. «As­su­me­vo an­ti­do­lo­ri­fi­ci sem­pre più po­ten­ti e nel 2013 mi sono sot­to­po­sta a un’ope­ra­zio­ne chi­rur­gi­ca. Non è ser­vi­ta. Nel 2015 ho sen­ti­to di­re che al­cu­ni ma­la­ti pro­va­va­no dei be­ne­fi­ci dall’uso della ma­ri­jua­na. Mi sono do­cu­men­ta­ta e ne ho di­scus­so con il me­di­co. Da­to che nes­sun’al­tra cu­ra sem­bra­va fun­zio­na­re, ab­bia­mo de­ci­so di ten­ta­re an­che que­sta stra­da».

Ha ini­zia­to con l’ac­qui­sto di una con­fe­zio­ne di Be­tro­can: 60 eu­ro per un ba­rat­to­lo con­te­nen­te tren­ta «do­si» da 75 mil­li­gram­mi cia­scu­na. «Ne immergo un po’ nell’acqua bol­len­te e la be­vo, co­me fos­se un de­cot­to», spie­ga.

Il me­to­do fun­zio­na: «Ri­las­sa la mu­sco­la­tu­ra e di con­se­guen­za la scia­tal­gia è me­no do­lo­ro­sa. Ma i co­sti sono ele­va­ti: lo scor­so anno la mia fa­mi­glia ha do­vu­to af­fron­ta­re 3.500 eu­ro di spe­se me­di­che. Cu­rar­si co­sta pa­rec­chio e la can­na­bis te­ra­peu­ti­ca è piut­to­sto ca­ra».

È an­che per ab­bas­sa­re il prez­zo - ve­nen­do così in­con­tro al­le esi­gen­ze dei ma­la­ti - che l’Ita­lia ha da­to il via al­la pro­du­zio­ne dell’Fm-2: la stes­sa quan­ti­tà del Be­tro­can, in far­ma­cia co­sta «ap­pe­na» 35 eu­ro. «Ma l’ef­fi­ca­cia pur­trop­po non è la stes­sa», as­si­cu­ra la pa­zien­te vi­cen­ti­na. «La per­cen­tua­le di prin­ci­pio at­ti­vo della can­na­bis Ma­de in Ita­ly è un ter­zo di quel­la del me­di­ci­na­le im­por­ta­to dall’este­ro. Il ri­sul­ta­to è che, per

Con­tro la scia­tal­gia le ho pro­va­te tut­te, ma fun­zio­na­no so­lo i de­cot­ti a ba­se di can­na­bis

al­lon­ta­na­re il do­lo­re, sono co­stret­ta ad al­ter­na­re il pro­dot­to italiano a quel­lo olan­de­se».

Il Ve­ne­to era sta­ta tra le pri­me re­gio­ni a dare at­tua­zio­ne al «de­cre­to Tur­co» del 2007 che ave­va ri­co­no­sciu­to l’uti­liz­zo te­ra­peu­ti­co della can­na­bis. Ma da al­lo­ra, no­no­stan­te l’ar­ri­vo sul mer­ca­to dei me­di­ci­na­li im­por­ta­ti dall’este­ro e, da ul­ti­mo, quel­lo pro­dot­to a Firenze, i pa­zien­ti con­ti­nua­no a tro­va­re mol­te re­si­sten­ze an­che da par­te di me­di­ci che sten­ta­no a pre­scri­ve­re que­sto ge­ne­re di far­ma­ci. «Il ri­sul­ta­to - con­clu­de - è che c’è chi si ri­vol­ge al mer­ca­to ne­ro, do­ve la ma­ri­jua­na co­sta me­no: gente ma­la­ta, spes­so an­zia­na, co­stret­ta a fre­quen­ta­re i quar­tie­ri mal­fa­ma­ti al­la ri­cer­ca di spac­cia­to­ri. Io non l’ho mai fat­to, per ri­spet­to della di­vi­sa che in­dos­sa mio ma­ri­to e per­ché po­treb­be es­se­re me­sco­la­ta con so­stan­ze pericolose. Ma è ter­ri­bi­le che lo Sta­to non im­pe­di­sca que­ste stor­tu­re: tut­ti do­vreb­be­ro es­se­re mes­si nel­le con­di­zio­ni di ac­ce­de­re al­la cu­ra più ef­fi­ca­ce. E la can­na­bis, piac­cia o me­no, può rap­pre­sen­ta­re l’uni­co sol­lie­vo per mi­glia­ia di ma­la­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.