Il giu­di­ce scar­ce­ra i due pi­ra­ti ko­so­va­ri L’ira della fa­mi­glia

«Non c’è pro­va della ga­ra». La rabbia dei fa­mi­glia­ri: «Non ci sen­tia­mo ri­spet­ta­ti»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Zor­zi

VE­NE­ZIA Sono sta­ti scar­ce­ra­ti Ka­j­taz Ku­ki­qi e Ed­mon Ba­laj, i due ko­so­va­ri ac­cu­sa­ti di es­se­re i re­spon­sa­bi­li dell’in­ci­den­te co­sta­to la vita gio­ve­dì scor­so a Giu­lia­no Bab­bo, ope­ra­io 53en­ne di Era­clea, e poi fug­gi­ti. Ku­ki­qi, che era al­la guida dell’Au­di fi­ni­ta con­tro il ve­ne­zia­no, è ai do­mi­ci­lia­ri con l’ac­cu­sa di omi­ci­dio stra­da­le. L’ami­co è libero. Se­con­do il giu­di­ce: «Non c’è pro­va della ga­ra d’au­to». L’ira della fa­mi­glia della vit­ti­ma.

VE­NE­ZIA Ka­j­taz Ku­ki­qi, il 21en­ne che con la sua Au­di A3 ha sban­da­to e si è schian­ta­to con­tro la Ford Fie­sta del 53en­ne Giu­sep­pe Bab­bo, uc­ci­den­do­lo, è usci­to di cella ed è an­da­to agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri nel­la ca­sa dei suoi ge­ni­to­ri a Ces­sal­to. Il cu­gi­no Ed­mon Ba­laj, 26 anni, che se­con­do l’ac­cu­sa, a bor­do della sua Al­fa 147, sa­reb­be sta­to pro­ta­go­ni­sta con Ku­ki­qi di una ga­ra di ve­lo­ci­tà per le stra­de di San Do­nà di Pia­ve, con­clu­sa in tra­ge­dia, da ie­ri è tor­na­to a Sal­ga­re­da da uo­mo libero. En­tram­bi i gio­va­ni ko­so­va­ri, ar­re­sta­ti gio­ve­dì not­te, ie­ri sono sta­ti scar­ce­ra­ti dal gip di Ve­ne­zia Gil­ber­to Sti­glia­no Mes­su­ti.

Una de­ci­sio­ne ar­ri­va­ta do­po un’udien­za lam­po (en­tram­bi non han­no ri­spo­sto al­le do­man­de, an­che se Ba­laj ha ri­chia­ma­to le di­chia­ra­zio­ni fat­te la not­te della tra­ge­dia, quan­do ven­ne ar­re­sta­to dai ca­ra­bi­nie­ri a ca­sa) e una lun­ga ca­me­ra di con­si­glio, vi­sta la de­li­ca­tez­za del ca­so. Se­con­do il giu­di­ce, in­fat­ti, al­lo sta­to de­gli at­ti non c’è al­cu­na pro­va di quel­la «ga­ra». C’è un uo­mo che af­fer­ma di es­se­re sta­to su­pe­ra­to a folle ve­lo­ci­tà («cre­do in­tor­no ai 120 chi­lo­me­tri ora­ri», ha sti­ma­to) dal­le due au­to, così co­me una don­na che le ha vi­ste sfrec­cia­re. Ma nes­su­no avreb­be ri­fe­ri­to chia­ra­men­te que­gli «zig-zag» con­te­sta­ti dal pm Car­lot­ta Fran­ce­schet­ti nel­la sua ri­chie­sta di ap­pli­ca­zio­ne della mi­su­ra cau­te­la­re. Se­con­do il gip, dun­que, non c’è dub­bio che Ku­ki­qi sia re­spon­sa­bi­le di omi­ci­dio stra­da­le, con l’ag­gra­van­te della fu­ga, e di omis­sio­ne di soc­cor­so, ma que­gli stes­si rea­ti, a suo di­re, non si pos­so­no ap­pli­ca­re an­che al cu­gi­no. Non ci sa­reb­be sta­ta – se­con­do il ma­gi­stra­to – al­cu­na in­ci­den­za di Ba­laj nell’in­ci­den­te av­ve­nu­to a cau­sa della sban­da­ta di Ku­ki­qi, che tra l’al­tro non ave­va la pa­ten­te. «Man­ca­no i gra­vi in­di­zi di col­pe­vo­lez­za», scri­ve il ma­gi­stra­to. Quan­to agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri, a chie­der­li era sta­to l’av­vo­ca­to Ales­san­dra Na­va, sot­to­li­nean­do la gio­va­ne età, lo sta­to di in­cen­su­ra­to, il fat­to di ave­re una fa­mi­glia sta­bi­le. «Il giu­di­ce ha ap­pli­ca­to la leg­ge in ma­nie­ra per­fet­ta - com­men­ta il le­ga­le que­sto emer­ge­va da­gli at­ti. E’ sta­to un in­ci­den­te ter­ri­bi­le, ma senza que­sta ipo­te­si della ga­ra e senza che si par­las­se di due ko­so­va­ri non ci sa­reb­be sta­to tutto que­sto cla­mo­re». Al mas­si­mo, scri­ve tra le righe il giu­di­ce, si po­te­va con­te­sta­re a Ba­laj il fa­vo­reg­gia­men­to, per aver por­ta­to il cu­gi­no all’ospe­da­le di Trie­ste, in mo­do da «co­prir­lo», ma la scel­ta spet­te­rà all’ac­cu­sa. «Ba­laj non è scap­pa­to, an­zi, quan­do gli han­no det­to che c’era­no i ca­ra­bi­nie­ri a ca­sa è tor­na­to e ha spie­ga­to tutto - con­ti­nua il le­ga­le - Quan­to al­la ga­ra, lui non ha mai det­to di es­se­re sta­to al­la guida dell’Al­fa 147 e nes­su­no l’ha iden­ti­fi­ca­ta con pre­ci­sio­ne». Pm e i ca­ra­bi­nie­ri con­ti­nua­no le in­da­gi­ni e lunedì ver­rà in­ca­ri­ca­to il con­su­len­te Ago­sti­no Chi­nel­lo per ri­co­strui­re la di­na­mi­ca dell’in­ci­den­te.

Un esi­to che scon­ten­ta i ge­ni­to­ri e la so­rel­la di Bab­bo. «Sia­mo con­sa­pe­vo­li che que­sta è so­lo una fa­se e poi ci sa­rà un pro­ces­so – di­co­no - Ma tan­to va­le­va li­be­rar­li il gior­no suc­ces­si­vo all’in­ci­den­te. In que­sto non ci sen­tia­mo ri­spet­ta­ti». «La de­ci­sio­ne del gip si po­te­va pre­ve­de­re, per­ché non è fa­ci­le di­mo­stra­re la ga­ra au­to­mo­bi­li­sti­ca di­ce l’av­vo­ca­to dei fa­mi­glia­ri, Franco Zor­zet­to - Bab­bo non è riu­sci­to a tor­na­re a ca­sa per­ché una per­so­na che cor­re­va for­te ha in­va­so la sua cor­sia ed è fug­gi­ta, an­dan­do a far­si me­di­ca­re all’ospe­da­le di Trie­ste so­ste­nen­do di es­se­re ca­du­ta dal­le sca­le». Ba­laj e Ku­ki­qi han­no rag­giun­to il pron­to soc­cor­so del ca­po­luo­go in mezz’ora.

Gio­ve­dì al­le 15.30 nel­la chiesa di Brian di Era­clea sa­rà ce­le­bra­to l’ul­ti­mo sa­lu­to a Bab­bo, che quel­la sera sta­va rien­tran­do dall’azien­da in cui la­vo­ra­va co­me ope­ra­io, la «3B Spa» di Sal­ga­re­da. Al­cu­ni col­le­ghi nei gior­ni scor­si han­no avu­to un bot­ta e ri­spo­sta su Fa­ce­book con gli ami­ci dei due ko­so­va­ri, do­po che su en­tram­bi i pro­fi­li era­no sta­te pub­bli­ca­te del­le mi­nac­ce di mor­te. Domenica la pa­gi­na per­so­na­le di Ku­ki­qi è sta­ta di­sat­ti­va­ta, ma quel­la di Ba­laj ie­ri era an­co­ra at­ti­va. Con tan­to di in­sul­ti. E an­che l’av­vo­ca­to Na­va ha ri­ce­vu­to del­le mi­nac­ce: «Sto rac­co­glien­do tutto il ma­te­ria­le per pre­sen­ta­re de­nun­cia, è una co­sa inac­cet­ta­bi­le», spie­ga. Il fra­tel­lo di Ba­laj, Edon, sa­ba­to scor­so si era fat­to por­ta­vo­ce e ave­va chie­sto scu­sa ai fa­mi­lia­ri della vit­ti­ma. In pae­se, a Era­clea, e su Fa­ce­book ie­ri non si par­la­va d’al­tro. «La giu­sti­zia fa­rà il suo cor­so, ma re­sta lo scon­cer­to», di­ce il sin­da­co Mirco Me­stre.

Il cu­gi­no Ed­mond Ba­laj, ko­so­va­ro di 26 anni, vie­ne ar­re­sta­to gio­ve­dì in­sie­me a Ku­ki­qi per con­cor­so in omi­ci­dio stra­da­le e omis­sio­ne di soc­cor­so. Ie­ri è sta­to li­be­ra­to: non ci sa­reb­be­ro le pro­ve che ac­cer­ta­no la ga­ra clan­de­sti­na dei due cu­gi­ni.

Al vo­lan­te Ka­j­taz Ku­ki­qi, ko­so­va­ro di 21 anni. Gio­ve­dì 25 mag­gio do­po una folle corsa, per­de il controllo della sua Au­di A3 e si schian­ta con­tro l’au­to di Giu­lia­no Mas­si­mo Bab­bo. Do­po l’in­ci­den­te è sta­to ar­re­sta­to, ma il giu­di­ce non ha con­va­li­da­to il prov­ve­di­men­to

La vit­ti­ma Giu­lia­no Mas­si­mo Bab­bo, ope­ra­io di 53 anni, è mor­to in se­gui­to al­lo schian­to fron­ta­le con l’au­to di Ka­j­taz Ku­ki­qi. Nel­la not­te di gio­ve­dì sta­va tor­nan­do a ca­sa, ad Era­clea, do­po il tur­no di la­vo­ro. A ca­sa lo at­ten­de­va­no i ge­ni­to­ri e la so­rel­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.