Tuf­fi dai pon­ti­li dram­ma per due ra­gaz­zi a Je­so­lo e a Va­leg­gio

Uno an­ne­ga in un ca­na­le a Va­leg­gio, l’al­tro ri­schia la pa­ra­li­si do­po il sal­to da un pon­ti­le di Je­so­lo

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Bi­ral

VE­NE­ZIA Dram­ma per due ra­gaz­zi, nel­lo stes­so gior­no, in due lo­ca­li­tà di­ver­se del ve­ne­to. Il mo­ti­vo: tuf­fi pe­ri­co­lo­si. Uno è mor­to nel Ve­ro­ne­se e un al­tro è ri­ma­sto fe­ri­to nel Ve­ne­zia­no, en­tram­bi vit­ti­me del ten­ta­ti­vo di sfug­gi­re all’afa. A per­de­re la vita, a Va­leg­gio, è sta­to un se­ne­ga­le­se di 17 anni. A Je­so­lo un bo­snia­co di di­ciot­to anni si è tuf­fa­to da un pon­ti­le senza ac­cor­ger­si che l’acqua era trop­po bas­sa.

VE­NE­ZIA Tuf­fi pe­ri­co­lo­si, a vol­te per­fi­no le­ta­li. Un ra­gaz­zo è mor­to in pro­vin­cia Ve­ro­na e un al­tro è ri­ma­sto fe­ri­to nel Ve­ne­zia­no, en­tram­bi vit­ti­me del ten­ta­ti­vo di sfug­gi­re all’afa di que­sti gior­ni.

A per­de­re la vita è sta­to un se­ne­ga­le­se di 17 anni. «Si è tol­to la ma­gliet­ta, si è tuf­fa­to, lo ab­bia­mo vi­sto per qual­che me­tro e poi è scom­par­so», han­no rac­con­ta­to ai ca­ra­bi­nie­ri i suoi ami­ci. Il cor­po se l’è por­ta­to via il ca­na­le Vir­gi­lio, a Bor­ghet­to sul Min­cio, pro­fon­do me­no di 4 me­tri, che nel po­me­rig­gio è di­ven­ta­to pro­ba­bil­men­te la tom­ba li­qui­da di quel ra­gaz­zi­no.

All’al­tez­za del pon­te vi­scon­teo a Va­leg­gio, in­tor­no al­le 16 gli ami­ci l’han­no vi­sto spa­ri­re sot­to il pe­lo dell’acqua. Sul po­sto sono ar­ri­va­ti i vi­gi­li del fuo­co, i sub, e l’eli­cot­te­ro. Tut­ti a cer­ca­re vi­ci­no al­le ri­ve di quel ca­na­le di cal­ce­struz­zo, spe­ran­do di tro­var­lo ap­pi­glia­to a qual­co­sa. Ma fi­no al­le 20, quan­do le ricerche sono sta­te so­spe­se per il buio, del mi­no­ren­ne an­co­ra nes­su­na trac­cia.

Sce­na si­mi­le è av­ve­nu­ta domenica a Je­so­lo. Un bo­snia­co di di­ciot­to anni si è tuf­fa­to da un pon­ti­le senza ac­cor­ger­si che l’acqua era trop­po bas­sa. Ha bat­tu­to la te­sta e ri­schia la pa­ra­li­si: ha su­bì­to un trau­ma cer­vi­ca­le e, dal col­lo in giù, for­se non riu­sci­rà più a muo­ver­si. Ma non è tutto: al­tri dan­ni po­treb­be­ro ma­ni­fe­star­si a li­vel­lo neu­ro­lo­gi­co.

I me­di­ci dell’ospe­da­le dell’An­ge­lo di Me­stre, do­ve il gio­va­ne è ri­co­ve­ra­to in ria­ni­ma­zio­ne sot­to co­stan­te os­ser­va­zio­ne, non si sono an­co­ra espres­si e stan­no aspet­tan­do l’evo­lu­zio­ne del qua­dro clinico. L’in­ci­den­te ri­sa­le al po­me­rig­gio: il di­ciot­ten­ne ha per­cor­so uno dei pon­ti­li della spiag­gia vi­ci­na al fa­ro, in cor­ri­spon­den­za della tor­ret­ta due. «In ogni pon­ti­le è pre­sen­te al­me­no un car­tel­lo, in qual­che ca­so ce ne sono ad­di­rit­tu­ra due: all’ini­zio e al­la fi­ne – spie­ga il sin­da­co di Je­so­lo, Va­le­rio Zog­gia -. C’è un chia­ro di­vie­to di tuf­far­si».

Ne­gli anni scor­si la «Je­so­lo Tu­ri­smo», che si oc­cu­pa di buo­na par­te del ser­vi­zio di sal­va­tag­gio sull’are­ni­le, ave­va lan­cia­to una cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne sul te­ma, se­gui­ta da un’ini­zia­ti­va dell’Usl lo­ca­le dal ti­to­lo «Se ti but­ti dal pon­ti­le but­ti la tua vita». Era­no sta­ti stam­pa­ti dei vo­lan­ti­ni che ve­ni­va­no di­stri­bui­ti ai ba­gnan­ti sot­to l’om­brel­lo­ne e il pro­get­to era par­ti­to do­po che nel 2012 un ra­gaz­zi­no di 12 anni ave­va ri­schia­to di ri­ma­ne­re pa­ra­liz­za­to. Ogni anno, pe­rò, qual­cu­no, so­prat­tut­to all’ini­zio della sta­gio­ne, in­fran­ge i di­vie­ti e pro­va a tuf­far­si. Co­me il di­ciot­ten­ne che domenica ha ri­por­ta­to la le­sio­ne a una ver­te­bra cer­vi­ca­le.

E, in uno dei pri­mi fi­ne set­ti­ma­na della sta­gio­ne or­mai ai na­stri di par­ten­za, non è sta­to l’uni­co a far­si mol­to ma­le. Un 29en­ne vi­cen­ti­no, men­tre ten­ta­va un sal­to a ca­prio­la, è ca­du­to ed è fi­ni­to al pron­to soc­cor­so. Il gio­va­ne ha ten­ta­to il sal­to a po­chi me­tri dal­la bat­ti­gia, do­ve l’acqua era mol­to bas­sa. Un’acro­ba­zia che non è an­da­ta co­me pre­vi­sto: non è riu­sci­to a com­ple­ta­re il sal­to e ha sbat­tu­to vio­len­te­men­te a ter­ra. An­che lui ha ri­por­ta­to un trau­ma cer­vi­ca­le ma, se all’ini­zio le sue con­di­zio­ni sem­bra­va­no cri­ti­che, con il pas­sa­re del­le ore la si­tua­zio­ne si è ri­di­men­sio­na­ta e ie­ri po­me­rig­gio è sta­to di­mes­so dall’ospe­da­le di Je­so­lo.

«Invito so­prat­tut­to i ra­gaz­zi a non ec­ce­de­re – di­ce il sin­da­co Zog­gia -. Ci si può di­ver­ti­re an­che senza tuf­far­si».

In­fi­ne ie­ri, al Li­do di Ve­ne­zia si è con­su­ma­ta un’al­tra di­sgra­zia: un tu­ri­sta bri­tan­ni­co di 80 anni, men­tre fa­ce­va il ba­gno è sta­to col­to da un ma­lo­re. No­no­stan­te i ten­ta­ti­vi di ria­ni­mar­lo, an­che con l’uso del de­fi­bril­la­to­re, non c’è sta­to nul­la da fare.

Sul pon­ti­le Ra­gaz­zi a Je­so­lo, i pon­ti­li sono usa­ti co­me spiag­gia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.