Pre­ca­ri, la Cgil apre il sin­da­ca­to del­le partite Iva

IL LA­VO­RO CHE CAM­BIA «O la apri o con noi non la­vo­ri»: ri­cat­ti e sfrut­ta­men­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ma­diot­to

TRE­VI­SO Dal fac­chi­no, al mu­ra­to­re, al co­mu­ni­ca­to­re. Sono partite Iva ati­pi­che per­ché spes­so la­vo­ra­no per un so­lo ti­to­la­re, il lo­ro da­to­re di la­vo­ro a tut­ti gli ef­fet­ti, ma da col­la­bo­ra­to­ri ester­ni. Per que­sta nuo­va forma di pre­ca­ria­to la Cgil apre un nuo­vo sin­da­ca­to.

Una vol­ta la par­ti­ta Iva era iden­ti­fi­ca­ta con l’ar­ti­gia­no, il con­su­len­te azien­da­le, il me­di­co libero pro­fes­sio­ni­sta. Ora ci sono an­che il fac­chi­no, il mu­ra­to­re, il co­mu­ni­ca­to­re. Sono partite Iva ati­pi­che per­ché spes­so la­vo­ra­no per un so­lo ti­to­la­re, il lo­ro da­to­re di la­vo­ro a tut­ti gli ef­fet­ti, ma da col­la­bo­ra­to­ri ester­ni, per­ché «o ti re­gi­stri o nien­te». Co­me un ul­ti­ma­tum. Una nuo­va forma di pre­ca­ria­to, in po­che pa­ro­le, che con­vie­ne all’im­pren­di­to­re e non sem­pre al pro­fes­sio­ni­sta. È per dare rap­pre­sen­tan­za ai lavoratori au­to­no­mi che la Cgil apre Up!, «Unio­ne dei Pro­fes­sio­ni­sti», un nuo­vo di­par­ti­men­to della si­gla Ni­dil ri­vol­to a free­lan­ce e lavoratori co­gni­ti­vi, au­to-or­ga­niz­za­ti e senza di­pen­den­ti: nel­la so­la Mar­ca tre­vi­gia­na la sti­ma è che sia­no 25 mi­la e che con­tri­bui­sca­no al Pil per cir­ca il 13%. Nu­me­ri im­por­tan­ti ma sog­get­ti mar­gi­na­li.

«Vo­glia­mo por­ta­re la vo­ce del­le partite Iva e dei li­be­ri pro­fes­sio­ni­sti, di chi ha un or­di­ne pro­fes­sio­na­le e chi non ce l’ha - spie­ga Lui­gi­no Ta­si­na­to, se­gre­ta­rio Ni­dil Tre­vi­so e Ve­ne­to –. Mol­ti sono gio­va­ni al­la pri­ma at­ti­vi­tà e non co­no­sco­no i lo­ro di­rit­ti. Ab­bia­mo pre­sen­ta­to Up! an­che al sin­da­ca­to re­gio­na­le per­ché sia un pro­get­to pi­lo­ta in ma­te­ria.

Nel­la Mar­ca, ter­ra di pic­co­le e me­die im­pre­se, è il sin­da­ca­to «ros­so» ad af­fron­ta­re per pri­mo que­sta mu­ta­zio­ne an­tro­po­lo­gi­ca del mon­do del la­vo­ro in­di­pen­den­te, per­ché chi una vol­ta po­te­va am­bi­re a uno sti­pen­dio fis­so e tu­te­le con­trat­tua­li ora ne è sprov­vi­sto o non sa co­me bar­ca­me­nar­si in una so­cie­tà più flui­da e fles­si­bi­le. «So­prat­tut­to ne­gli ul­ti­mi anni l’obiettivo dei da­to­ri è ri­dur­re il co­sto del la­vo­ro – ag­giun­ge Ta­si­na­to -. Nel rap­por­to con una par­ti­ta Iva non c’è un cor­ri­spet­ti­vo mi­ni­mo, si pa­ga per la pre­sta­zio­ne, è un rap­por­to fa­ci­le da av­via­re e da chiu­de­re. È una con­di­zio­ne in co­stan­te au­men­to e non per­ché va­lo­riz­za la pro­fes­sio­na­li­tà, ma per­ché ha lo stes­so sco­po dei voucher».

All’ini­zio fu il pa­dron­ci­no a ser­vi­zio del­le im­pre­se, poi un po’ al­la vol­ta la vi­cen­da si è fat­ta più grossa: agli spor­tel­li rac­con­ta­no di aver ac­col­to un fac­chi­no mes­so al bi­vio per­ché «se non fai la par­ti­ta Iva non ti pos­sia­mo te­ne­re». Una vol­ta è en­tra­to an­che un mu­ra­to­re, cose mai vi­ste da que­ste la­ti­tu­di­ni do­ve l’edi­li­zia (pre-cri­si) sem­bra­va un set­to­re di ine­sau­ri­bi­le vi­ta­li­tà. Da­to che l’evo­lu­zio­ne si è com­piu­ta, bi­so­gna ade­guar­si ai tem­pi e al­la so­cie­tà: «Il sin­da­ca­to sta cam­bian­do e lo di­mo­stra con que­sta spe­ri­men­ta­zio­ne – af­fer­ma il se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le della Cgil di Tre­vi­so Gia­co­mo Ven­dra­me -. Ci mi­su­ria­mo con i cam­bia­men­ti e co­struia­mo per­cor­si per le nuo­ve fi­gu­re del mer­ca­to del la­vo­ro. È un fe­no­me­no pro­fon­do, le partite Iva in buo­na par­te ra­gio­na­no in gran­de e han­no red­di­ti ele­va­ti, ma c’è un sot­to­bo­sco che fa­ti­ca a tro­va­re una col­lo­ca­zio­ne».

Da af­fron­ta­re ci sono con­trat­ti ca­pe­stro, pat­ti di non con­cor­ren­za, ap­pal­ti per ser­vi­zi che non met­to­no il la­vo­ra­to­re nel­le con­di­zio­ni mi­glio­ri. «Sono clien­ti per fin­ta – sot­to­li­nea il coor­di­na­to­re Ales­san­dro Squiz­za­to -. Sono da­to­ri di la­vo­ro». L’obiettivo di Up! è quin­di crea­re una forma di ag­gre­ga­zio­ne, so­ste­gno e rap­pre­sen­tan­za. Il pro­get­to è spe­ri­men­ta­le e in evo­lu­zio­ne, pre­ve­de an­che la co­stru­zio­ne di una re­te per av­via­re for­me di col­la­bo­ra­zio­ne e co­wor­king, por­tan­do una vo­ce uni­ta­ria, per ar­ri­va­re lì do­ve l’Or­di­ne non ar­ri­va. Le ri­chie­ste di que­sta fet­ta così am­pia di lavoratori ri­guar­da­no la re­go­la­men­ta­zio­ne col­let­ti­va, le tu­te­le in ca­so di di­soc­cu­pa­zio­ne, ma­ter­ni­tà e ma­lat­tia, l’equo com­pen­so. Quan­do un pa­ga­men­to è in ri­tar­do, l’Up! ri­nun­cia al­la fat­tu­ra per­ché le lun­gag­gi­ni pro­ces­sua­li sono sco­rag­gian­ti e apri­re uno scon­tro po­treb­be con­fi­gu­ra­re la dif­fi­col­tà di tro­va­re clien­ti in fu­tu­ro. An­che qui in­ter­vie­ne il sin­da­ca­to col re­cu­pe­ro cre­di­ti e con­su­len­ze fi­sca­li.

Fra i tanti esem­pi che po­te­va por­ta­re a cam­pio­ne, la Cgil tre­vi­gia­na ha scel­to Al­ber­ta Xo­do, psi­co­lo­ga, che si de­fi­ni­sce una «par­ti­ta Iva fe­li­ce»: «Lo sono di­ven­ta­ta quan­do ho smes­so di ac­con­ten­tar­mi e di sur­fa­re fra un pro­get­to e l’al­tro in as­sen­za di di­rit­ti – rac­con­ta -. Mi da­va­no tut­ti l’aut-aut, o ti fai la par­ti­ta Iva o qui non la­vo­ri. Que­sto ave­va in­ci­so mol­to sul­la mia qua­li­tà della vita, ogni gior­no pensavo so­lo a co­me tro­va­re un al­tro in­ca­ri­co o che scon­tri­ni sca­ri­ca­re, io ero la mia par­ti­ta Iva. Poi ho ca­pi­to che pos­sia­mo es­se­re aiu­ta­ti e che ab­bia­mo dei di­rit­ti. Sia­mo in tanti e pos­sia­mo ot­te­ne­re di più».

Ta­si­na­to Mol­ti sono gio­va­ni al­la pri­ma at­ti­vi­tà e non co­no­sco­no i lo­ro di­rit­ti. Pro­get­to pi­lo­ta

Il sin­da­ca­to La Cgil vuo­le apri­re il nuo­vo fron­te del­le pro­fes­sio­ni par­ten­do da Tre­vi­so

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.