Gob­bo: «Gen­ty? Mai con­tro la sua Le­ga»

L’ex sin­da­co smor­za le ten­sio­ni con lo Sce­rif­fo. «Be­naz­zi can­di­da­to nel ‘18? Sta be­ne dov’è»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO «Non cre­do che Gen­ti­li­ni pos­sa pen­sa­re di cor­re­re con una li­sta con­tro di noi nel 2018. Lui è un pro­dot­to della Le­ga, non lo fa­rà mai». In pri­ma fi­la Gian Pao­lo Gob­bo c’è sem­pre, quan­do con­ta. Lo era pu­re domenica, al con­gres­so pro­vin­cia­le che ha con­fer­ma­to Di­mi­tri Coin al­la guida del Car­roc­cio tre­vi­gia­no, e nel qua­le il con­vi­ta­to di pie­tra ave­va le fat­tez­ze del­lo Sce­rif­fo. Do­po l’iso­la­men­to or­di­na­to del se­gre­ta­rio per le ac­cu­se di «pol­tro­ni­fi­cio» lan­cia­te dall’ex sin­da­co, nes­su­no in ef­fet­ti si aspet­ta­va di ve­de­re Gen­ti­li­ni al Bhr. Nem­me­no Gob­bo, emi­nen­za gri­gia di un par­ti­to in ri­pre­sa che si tro­va pe­rò a do­ver ge­sti­re la pa­ta­ta bol­len­te in vi­sta della corsa a Ca’ Su­ga­na del pros­si­mo anno. Coin ha te­so la ma­no: «Per Gian­car­lo c’è un po­sto da ca­po­li­sta, ma nel­la Le­ga. Basta con le li­ste per­so­na­li». Ri­spo­sta da ca­sa: «Me ne fre­go. Pren­do in con­si­de­ra­zio­ne sol­tan­to pro­po­ste da Sal­vi­ni o Za­ia».

Chi Gen­ti­li­ni si van­ta di aver­lo «crea­to» non si fa­scia pe­rò la te­sta pri­ma che sia rot­ta. «Co­no­scia­mo tut­ti il suo ca­rat­te­re – spie­ga Gob­bo – ma non dan­neg­ge­rà mai la Le­ga. Cer­to, ha sba­glia­to con le sue di­chia­ra­zio­ni e de­ve ca­pi­re che pri­ma di tutto vie­ne il par­ti­to, poi le per­so­ne». Co­me di­re, non è più at­tor­no a Gen­ti­li­ni che ruo­ta il Car­roc­cio a Tre­vi­so. «Sono sod­di­sfat­to della guida di Coin – con­fer­ma Gob­bo - mi sem­bra di ri­ve­de­re il grup­po com­pat­to di qual­che anno fa, pri­ma del­le epu­ra­zio­ni to­sia­ne». Dun­que la mis­sio­ne Ca’ Su­ga­na è fat­ti­bi­le? «Si può vin­ce­re. Co­me fa­cem­mo nel 1994 sor­pren­den­do tut­ti».

Man­co a dir­lo, una vit­to­riaex­ploit tar­ga­ta Gen­ty. Il re­gi­sta di quel film fu pe­rò pro­prio Gob­bo, lo stes­so che con i ver­ti­ci at­tua­li ten­ta di ri­sol­ve­re il re­bus can­di­da­to. A Gia­nan­to­nio Da Re pia­ce la fi­gu­ra del Dg dell’Usl 2 Fran­ce­sco Be­naz­zi, sul­le boc­che da me­si, ed è con­vin­to che po­treb­be ren­de­re le cose più fa­ci­li. Ma non con­vin­ce Gob­bo: «E’ sta­to scel­to dal­la Re­gio­ne per un im­por­tan­te com­pi­to e lo sta svol­gen­do ot­ti­ma­men­te. Sta be­ne al suo po­sto». (n.z.)

Al­tri tem­pi Gian­car­lo Gen­ti­li­ni e Gian Pao­lo Gob­bo quan­do go­ver­na­va­no la cit­tà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.