Bcc, Fe­der­ve­ne­to spac­ca­ta in due

Sì in as­sem­blea al­lo sta­tu­to con il cda a 24, ma le ban­che pro Tren­to di­ser­ta­no

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Gian­ni Fa­ve­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA La Fe­de­ra­zio­ne Bcc del Ve­ne­to cam­bia sta­tu­to e al­lar­ga il cda a 24 mem­bri, cioè uno per cia­scu­na ban­ca. Ma il prov­ve­di­men­to è pas­sa­to ie­ri con il vo­to dei de­le­ga­ti di 13 ban­che per­ché tut­ti gli al­tri era­no as­sen­ti. E a non pren­de­re par­te all’as­sem­blea, in bloc­co, sono sta­ti i rap­pre­sen­tan­ti del­le Bcc che han­no ade­ri­to a Cas­sa cen­tra­le ban­ca, che man­da­no a di­re che non ac­cet­te­ran­no in ogni ca­so po­sti in con­si­glio. L’or­ga­no di­ret­ti­vo fun­zio­ne­rà lo stes­so per­ché lo Sta­tu­to ap­pro­va­to pre­ve­de una for­bi­ce di va­li­di­tà com­pre­sa fra 10 e 24 mem­bri; ma un Aven­ti­no così pe­san­te non è un bel ve­de­re, spe­cie se si con­si­de­ra che in nes­su­na al­tra re­gio­ne ita­lia­na, nep­pu­re al­la lon­ta­na, si è vi­sta una scis­sio­ne fra ade­ren­ti ad Ic­crea o a Ccb così sim­me­tri­ca.

E non pos­so­no star tran­quil­li i cir­ca 150 di­pen­den­ti del­le so­cie­tà-pro­dot­to della Fe­de­ra­zio­ne, da Ce­sve, l’in­se­gna che ge­sti­sce il si­ste­ma in­for­ma­ti­co (di­ver­so da quel­lo di Phoe­nix, si­gla di cui in­ve­ce si ser­ve il si­ste­ma tren­ti­no) o As­si­cra, agen­zia del­le as­si­cu­ra­zio­ni di ri­fe­ri­men­to del­le Bcc che ap­pa­re ri­don­dan­te ri­spet­to al si­ste­ma di cui si ser­ve Ic­crea su ba­se na­zio­na­le. Ad aver in­dot­to gli isti­tu­ti in quo­ta Ccb a non pren­de­re par­te all’as­sem­blea, è la­scia­to in­ten­de­re, non è il per­de­re la mag­gio­ran­za che de­te­ne­va­no nel board pre­ce­den­te. Il pro­ble­ma sta nei mo­di. Fos­se sta­ta rin­via­ta la se­du­ta ad una con­vo­ca­zio­ne suc­ces­si­va, di­co­no, ci sa­reb­be sta­to il mo­do di in­ta­vo­la­re al­me­no i cri­te­ri con cui di­scu­te­re sul­la ri­par­ti­zio­ne fra i due grup­pi na­zio­na­li del­le quo­te che la Fe­de­ra­zio­ne pos­sie­de nel­le so­cie­tà stru­men­ta­li. E così, so­sten­go­no an­che i fi­lo tren­ti­ni, co­min­cia­re a trac­cia­re un fu­tu­ro per i lavoratori del­le stes­se, vi­sto l’in­te­res­se che Ccb ri­po­ne­va su al­cu­ni dei ser­vi­zi da es­se for­ni­ti.

Ma un colpo di mag­gio­ran­za di que­sto ti­po, con il quo­rum mi­ni­mo gio­ca­to sull’uni­tà in più o in me­no, è vis­su­to co­me una sfi­da. «È an­da­ta be­ne ma pre­fe­ri­sco non ri­la­scia­re di­chia­ra­zio­ni», è l’uni­co mes­sag­gio che spe­di­sce Ila­rio No­vel­la, pre­si­den­te della Fe­de­ra­zio­ne. Si­gni­fi­ca che po­te­va an­dar peg­gio, con­si­de­ra­to che all’ap­pel­lo man­ca an­che il vo­to di una ban­ca in quo­ta Ic­crea. La ve­ro­ne­se Ce­reaBan­ca, an­che se qui pa­re ab­bia in­flui­to una que­stio­ne tec­ni­ca di in­com­pa­ti­bi­li­tà con l’in­ca­ri­co nel col­le­gio sin­da­ca­le della Fe­de­ra­zio­ne di Pao­lo Ma­ste­na, che di Ce­rea è pre­si­den­te e che dun­que, con la ri­for­ma del­lo Sta­tu­to, a Pa­do­va sa­reb­be fi­ni­to an­che fra i con­si­glie­ri.

Ila­rio No­vel­la, pre­si­den­te di Fe­der­ve­ne­to Bcc, e, sot­to, Car­lo An­ti­ga, con­fer­ma­to pre­si­den­te di Bcc Preal­pi, vi­ce­pre­si­den­te della tren­ti­na Cas­sa cen­tra­le ban­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.