VO­TO CASA PER CASA

Dal­la pro­li­fi­ca­zio­ne del­le se­di elet­to­ra­li agli in­con­tri nei bar, se la di­sin­ter­me­dia­zio­ne ri­por­ta in piaz­za i can­di­da­ti. Ca­si, nu­me­ri e ana­li­si. «Si tor­na al con­tat­to fi­si­co». E an­che in­ter­net è già cam­bia­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di Gio­van­ni Via­fo­ra © RIPRODUZIONE RISERVATA

D ice­va­no: che sia di­ven­ta­to mat­to? Lo scor­so 20 mag­gio il can­di­da­to sin­da­co di Ve­ro­na Filippo Gri­go­li­ni, rap­pre­sen­tan­te del «Po­po­lo del­la Fa­mi­glia», il mo­vi­men­to di Ma­rio Adi­nol­fi, si è pre­sen­ta­to in piaz­za Bra so­pra ad un ca­les­se trai­na­to da due ca­val­li: «Noi vo­glia­mo sta­re tra la gen­te», spie­ga­va lui, at­ten­to co­mun­que a non in­fa­sti­di­re le be­stie, ri­vol­to a chi lo in­ter­ro­ga­va sul­la na­tu­ra dell’ini­zia­ti­va. Po­trà sem­bra­re stra­no — e ma­ga­ri que­sto ca­so un po’ lo è dav­ve­ro — ma in real­tà la ma­ni­fe­sta­zio­ne di Gri­go­li­ni in­ter­pre­ta in pie­no quel­la che è una del­le no­vi­tà di que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le: il ri­tor­no dei can­di­da­ti tra la gen­te; in mo­do fi­si­co, di­ret­to, per­so­na­le. È il ri­sul­ta­to di un fe­no­me­no che or­mai ha per­va­so ogni par­te del­la so­cie­tà — la di­sin­ter­me­dia­zio­ne — e che sta cam­bian­do fac­cia an­che a que­ste ele­zio­ni. «L’ele­men­to di cre­di­bi­li­tà del­la Po­li­ti­ca ri­spet­to all’uti­liz­zo di stru­men­ti che ap­pun­to me­dia­va­no la re­la­zio­ne con i cit­ta­di­ni, co­me or­ga­ni di stam­pa, pubblicità, in­ter­net — spie­ga Mar­co Mar­tu­ra­no, fon­da­to­re, pre­si­den­te e am­mi­ni­stra­to­re del­la so­cie­tà di con­su­len­za po­li­ti­ca GM&P, non­ché ve­ro re mi­da del­le cam­pa­gne elet­to­ra­li (è l’uo­mo che ha fat­to vin­ce­re, giu­sto per ci­tar­ne al­cu­ni, Ma­nil­do a Tre­vi­so, la De­stro a Pa­do­va, Cac­cia­ri a Venezia) — è tal­men­te ca­du­to che gli elet­to­ri han­no co­min­cia­to ad ave­re bi­so­gno di nuo­vo del rap­por­to con il can­di­da­to, co­stan­te e ca­pil­la­re. È quel ti­po di cam­pa­gna che in Ita­lia ab­bia­mo chia­ma­to por­ta a por­ta, o ne­gli Usa grass-roo­ts». La de­cli­na­zio­ne di que­sto trend è fa­cil­men­te per­ce­pi­bi­le nel con­cre­to.

Il ri­tor­no al­la piaz­za

Pren­dia­mo co­me pa­ra­dig­ma Pa­do­va, uno dei tre ca­po­luo­ghi di pro­vin­cia al vo­to in Ve­ne­to il pros­si­mo 11 giu­gno. Il pri­mo in­di­ca­to­re è quel­lo che ri­guar­da il fio­ri­re del­le se­di elet­to­ra­li, che coin­vol­ge non so­lo i can­di­da­ti sin­da­ci, ma que­sta vol­ta an­che i «sem­pli­ci» can­di­da­ti in con­si­glio (ve­di la se­de aper­ta in pie­no cen­tro sto­ri­co da Tommaso Tom­ma­si, un gio­va­ne ar­chi­tet­to in liz­za tra le fi­la di Fra­tel­li d’Ita­lia). Un al­tro in­di­ca­to­re in­te­res­san­te è quel­lo che con­cer­ne il pro­li­fi­ca­re dei «mir­co-in­con­tri» sul ter­ri­to­rio: il le­ghi­sta Mas­si­mo Bitonci ha inau­gu­ra­to per esem­pio la se­rie del «tour» nei bar e nei ri­sto­ran­ti (an­che die­ci al gior­no), un mo­del­lo che poi è sta­to su­bi­to imi­ta­to da­gli al­tri. Ci so­no al­tri va­li­di ca­si: dalle «bi­ci­clet­ta­te» di grup­po (ve­di Ser­gio Gior­da­ni, can­di­da­to del cen­tro­si­ni­stra, un al­tro che ha pun­ta­to mol­to sul por­ta a por­ta), ai fla­sh mob (il «ci­vi­co» Lo­ren­zo­ni che as­sie­me a 500 so­ste­ni­to­ri, tut­ti con ma­gliet­ta aran­cio­ne, ab­brac­cia i mo­nu­men­ti del cen­tro sto­ri­co: più fi­si­co di co­sì). «Og­gi, nel­la mo­der­ni­tà e in pie­na era del­la vir­tua­li­tà — sot­to­li­nea an­co­ra Mar­tu­ra­no — il ri­tor­no del­la fi­si­ci­tà del can­di­da­to, se ge­sti­ta in ma-

Do­po aver af­fron­ta­to nel­la pri­ma pun­ta­ta del­la se­rie la «cri­si» dei par­ti­ti — che in Ve­ne­to, in vi­sta del­la pros­si­ma tor­na­ta am­mi­ni­stra­ti­va, si pre­sen­ta­no fram­men­ta­ti, tra­sfor­ma­ti e in al­cu­ni ca­si ri­po­si­zio­na­ti, con una sem­pre più for­te spin­ta del ci­vi­smo — og­gi, nel no­stro se­con­do ap­pro­fon­di­men­to, af­fron­tia­mo il te­ma del cam­bia­men­to del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le. Nuo­vi stru­men­ti, nuo­ve tec­no­lo­gie, ma an­che vec­chi ri­tor­ni.

Que­sto se­con­do ap­pro­fon­di­men­to fa par­te del­la se­rie con cui Il Cor­rie­re del Ve­ne­to vuo­le av­vi­ci­nar­si al vo­to del pros­si­mo 11 giu­gno. Un mo­do per of­fri­re ai let­to­ri un ul­te­rio­re stru­men­to per com­pren­de­re i cam­bia­men­ti e af­fron­ta­re il mo­men­to del vo­to in mo­do più con­sa­pe­vo­le. Nei pros­si­mi gior­ni le nuo­ve pun­ta­te e i nuo­vi viaggi. In fo­to il ca­les­se del can­di­da­to ve­ro­ne­se Gri­go­li­ni. (2-con­ti­nua) nie­ra in­tel­li­gen­te ha un po­ten­zia­le di n0­to­rie­tà e di con­sen­so mag­gio­ri ri­spet­to al vi­ra­li­tà del­la re­te. Nu­me­ri al­la ma­no, uno dei can­di­da­ti che ho se­gui­to, at­tra­ver­so que­sto ti­po di la­vo­ro fat­to in mo­do ana­li­ti­co, stu­dian­do cioè i di­ver­si luo­ghi do­ve por­ta­re il can­di­da­to e le per­so­ne con cui ac­com­pa­gnar­lo, è pas­sa­to dal 3% di no­to­rie­tà di ini­zio mar­zo al 73% di mag­gio».

La guer­ra dei son­dag­gi

È la cam­pa­gna che da ver­ti­ca­le di­ven­ta oriz­zon­ta­le. Teo­ria — co­me ar­go­men­ta Mi­che­le Coc­co, do­cen­te di co­mu­ni­ca­zio­ne po­li­ti­ca all’Uni­ver­si­tà di Pa­do­va, non­ché mem­bro del­lo staff del «Vo­to sotto esa­me» — che è al­la ba­se an­che di un’al­tra del­le no­vi­tà di que­sta tor­na­ta elet­to­ra­le: os­sia la guer­ra dei son­dag­gi, mai co­me og­gi usa­ti co­me ve­ra ar­ma di pro­pa­gan­da. «C’è un fi­lo ros­so che le­ga il ri­tor­no in piaz­za dei can­di­da­ti con tut­ti que­sti ri­le­va­men­ti che ven­go­no spa­ra­ti sui gior­na­li da cia­scu­no di lo­ro — spie­ga Coc­co —. Una vol­ta, co­me det­to, si fa­ce­va­no ma­ni­fe­sti, pubblicità, in­ter­vi­ste, si cer­ca­va in­som­ma di pre­si­dia­re la co­mu­ni­ca­zio­ne ver­ti­ca­le. Ora quel pro­ces­so, co­me vi­sto, non fun­zio­na più per cui è il can­di­da­to che ha bi­so­gno di sa­pe­re co­sa di­co­no di lui gli elet­to­ri. È la co­mu­ni­ca­zio­ne oriz­zon­ta­le. Quel­la co­mu­ni­ca­zio­ne che av­vie­ne nei bar, in fa­mi­glia, a casa: si cer­ca in­som­ma di crea­re un cli­ma di opi­nio­ne fa­vo­re­vo­le al can­di­da­to. Per di­re, i son­dag­gi in cui si di­ce che Gior­da­ni o Lo­ren­zo­ni per­do­no al pri­mo tur­no con Bitonci, ma vin­ce­reb­be­ro con­tro di lui al bal­lot­tag­gio ser­vo­no pro­prio per­ché si ri­pro­du­ca al bar o in fa­mi­glia il gior­no do­po una co­mu­ni­ca­zio­ne oriz­zon­ta­le».

In­ter­net e so­cial

C’è in­fi­ne una ter­za no­vi­tà — sem­pre in qual­che mo­do con­se­guen­za del­la di­sin­ter­me­dia­zio- ne di cui si di­ce­va all’ini­zio — e ri­guar­da l’uso del web. Lo spie­ga be­ne an­co­ra Mar­tu­ra­no: «Il web fi­no a qual­che an­no fa vo­le­va di­re fa­re un gran si­to o un blog. Da lì si par­ti­va. Ora que­sta at­ti­vi­tà è di­ven­ta­ta as­so­lu­ta­men­te mar­gi­na­le, qua­si inu­ti­le. Per­ché ha una scar­sa cre­di­bi­li­tà. Ades­so so­no ri­ma­sti so­lo i so­cial co­me ve­ro mez­zo web, e in par­ti­co­la­re uno: Fa­ce­book». Tut­ti i can­di­da­ti in­fat­ti han­no la lo­ro pa­gi­na; e mol­to si gio­ca là. A Ve­ro­na que­st’an­no im­paz­za­no i «me­me» (vi­deo, fo­to o di­se­gni vi­ra­li) sul­la re­la­zio­ne tra Fla­vio To­si e la sua com­pa­gna, og­gi can­di­da­ta nel­la stes­sa cit­tà, Pa­tri­zia Bi­si­nel­la. Ed è pu­re na­ta una pa­gi­na ge­sti­ta da un ano­ni­mo che si chia­ma Co­se di­ver­ten­ti sul­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, che è tra le più clic­ca­te dai ve­ro­ne­si. Un’agen­zia, in­ve­ce, ha aper­to una pa­gi­na che mo­ni­to­ra tut­ti i gior­ni i can­di­da­ti sui so­cial net­work (che è poi quel­lo che a Pa­do­va fa il team de­gli stu­den­ti del «Vo­to sotto esa­me»). «Su Fa­ce­book c’è sta­ta una fa­se in cui il con­sen­so si ba­sa­va sul­la quan­ti­tà di li­ke o di ami­ci (ri­cor­da­te per al­tro le fi­gu­re fat­te da qual­che can­di­da­to che al­la vi­gi­lia del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le si com­pra­va pac­chet­ti di li­ke?, ndr) — sot­to­li­nea Mar­tu­ra­no — Og­gi non si usa più Fa­ce­book per ar­ri­va­re ad ave­re più ami­ci pos­si­bi­li. Non ci cre­de più nes­su­no. Ma si usa co­me fa­ce­va Oba­ma nel­le sue cam­pa­gna elet­to­ra­li, cioè co­me spe­cia­liz­za­zio­ne del­le co­mu­ni­tà da rag­giun­ge­re». Che poi, se vo­glia­mo, è quel­lo che suc­ce­de­va in pas­sa­to, nel­le piaz­ze e nei vi­co­li. «In real­tà la di­men­sio­ne pros­se­mi­ca del­la po­li­ti­ca non è mai scomparsa — chio­sa Mar­co Al­ma­gi­sti, do­cen­te di Scien­za po­li­ti­ca al Bo —. Il pun­to è che noi ten­dia­mo a fa­re le stes­se co­se in ma­nie­ra di­ver­sa. L’esi­gen­za è sem­pre la stes­sa: rac­co­glie­re la fi­du­cia da­gli elet­to­ri. Quel­lo che cam­bia­no so­no i ca­na­li».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.