«Sia­mo trop­pi» Vo­ci e rab­bia dal­la ca­ser­ma

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ro­ber­ta Po­le­se

«Ab­bia­mo bi­so­gno di es­se­re tra­sfe­ri­ti, sia­mo trop­pi». «Io non me ne va­do, sto qui». Vo­ci dall’ex ca­ser­ma di Co­na. I pro­fu­ghi pro­te­sta­no, an­che per le con­di­zio­ni. «Cor­si di ita­lia­no? Non li fac­cia­mo».

CO­NA (VE­NE­ZIA) Non par­la­no una pa­ro­la di ita­lia­no ma si fan­no ca­pi­re be­nis­si­mo i pro­fu­ghi trin­ce­ra­ti die­tro i can­cel­li del cen­tro di ac­co­glien­za di Co­na: «Ve­ry bad pro­blem. La not­te scor­sa so­no ar­ri­va­ti gli au­to­bus con 100 nuo­ve per­so­ne, vo­le­va­no por­tar­li qui den­tro nel­la ba­se: ab­bia­mo det­to che non sa­reb­be­ro en­tra­ti e non sa­reb­be en­tra­to nes­su­no del per­so­na­le». I pro­fu­ghi bloc­ca­ti nei pull­man a Co­na e ri­spe­di­ti in al­tri cen­tri di ac­co­glien­za del Ve­ne­to non era­no 100 ma 23, ma l’esa­ge­ra­zio­ne è ti­pi­ca di chi è sem­pre più esa­spe­ra­to, co­me gli ospi­ti del cen­tro di ac­co­glien­za di Co­na che so­no ar­ri­va­ti al li­mi­te di sop­por­ta­zio­ne. «Ab­bia­mo bi­so­gno di es­se­re tra­sfe­ri­ti, sia­mo trop­pi. La pre­fet­tu­ra ha det­to che por­te­ran­no da un’al­tra par­te die­ci di noi ogni set­ti­ma­na. Io non me ne va­do, sto qui. Nean­che nei pros­si­mi sei me­si me ne va­do, ci so­no mol­te per­so­ne pri­ma di me, la li­sta è lun­ga. Qui la gen­te sta per mol­to tem­po, c’è chi ci sta da ol­tre un an­no. We need trans­fer». E an­co­ra: «Ie­ri se­ra so­no ri­ma­sto con il piat­to vuo­to in ma­no per un’ora con un cal­do be­stia­le in at­te­sa che mi des­se­ro da man­gia­re, non ho pas­sa­to l’in­fer­no in bar­ca per ar­ri­va­re in Ita­lia e fa­re que­sta vi­ta qui». Ven­go­no dal­la Gui­nea Bis­sau e da al­tre aree mar­to­ria­te dell’Afri­ca i 1400 mi­gran­ti ospi­ti dell’hub ve­ne­zia­no. Gli abi­tan­ti di Co­na pas­sa­no da­van­ti al­la ba­se nean­che tan­to in­cu­rio­si­ti. I pro­fu­ghi esco­no al­la spic­cio­la­ta, c’è chi sfug­ge al­le te­le­ca­me­re, c’è chi in­ve­ce si fer­ma a par­la­re sep­pur con una gran pau­ra di fi­ni­re nei guai. Ga­ran­ten­do l’ano­ni­ma­to qual­che in­for­ma­zio­ne tra­pe­la. Un ra­gaz­zo par­la in cam­bio di una si­ga­ret­ta e di qual­che al­tra che si met­te in ta­sca per pas­sa­re la gior­na­ta. «Sia­mo lì den­tro tut­to il gior­no a far nien­te, po­ten­do la­vo­re­rem­mo vo­len­tie­ri ma ci di­co­no che non ci è per­mes­so, guar­dia­mo po­ca tv, e gio­chia­mo a pal­lo­ne, ma sem­pre me­no per­ché lo spa­zio si ri­du­ce sem­pre di più». In real­tà, la coo­pe­ra­ti­va sta rea­liz­zan­do an­che cam­pi di ba­sket e pal­la­vo­lo, quin­di lo spa­zio per lo sport non man­ca. Dif­fi­ci­le scre­ma­re la ve­ri­tà dall’en­fa­si del­la rab­bia e dall’at­ten­zio­ne che chie­do­no que­ste per­so­ne. Tut­ti gli ospi­ti pe­rò so­no con­cor­di nell’af­fer­ma­re che den­tro al­la ba­se di Co­na il tem­po sem­bra non pas­sa­re mai: «Cor­si di ita­lia­no? non li fac­cia­mo, non li ab­bia­mo mai fat­ti» spie­ga un ra­gaz­zo in fran­ce­se. I cor­si di ita­lia­no pe­rò ci so­no, non so­no ob­bli­ga­to­ri, ma sei in­se­gnan­ti la­vo­ra­no 36 ore la set­ti­ma­na cia­scu­no e se qual­cu­no vuo­le im­pa­ra­re l’ita­lia­no il tem­po c’è. Riu­scia­mo a scam­bia­re il nu­me­ro di cel­lu­la­re con uno dei ra­gaz­zi che nel po­me­rig­gio man­da un vi­deo del­le «ca­me­ra­te», che poi so­no ten­do­ni con sot­to cen­ti­na­ia di let­ti a ca­stel­lo, che mol­to so­mi­glia­no agli al­le­sti­men­ti che c’era­no a Pa­do­va, nel­la ex ca­ser­ma Pran­di­na. Il di­sor­di­ne è quel­lo ti­pi­co di una ca­me­ra­ta di ven­ten­ni co­stret­ti a dor­mi­re tut­ti in­sie­me, nul­la di cla­mo­ro­so tran­ne il cal­do sof­fo­can­te che tut­ti di­co­no di sen­ti­re. Men­tre i gio­va­ni esco­no con la bi­ci­clet­ta giu­sto per spez­za­re la gior­na­ta, qual­che an­zia­no del po­sto si la­men­ta. «So­no qui che non fan­no nien­te tut­to il gior­no, ve­de co­me si ve­sto­no? con la ca­not­tie­ra, le pa­re il mo­do di an­da­re in gi­ro?». Un’obie­zio­ne fa­cil­men­te smon­ta­bi­le vi­sto che di cer­to gli stra­nie­ri non pos­so­no an­da­re a fa­re shop­ping in gi­ro. «Beh, ma non c’è de­co­ro, van­no por­ta­ti in un’iso­la lon­ta­na e la­scia­ti lì, op­pu­re ri­spe­di­ti a ca­sa, qui non li vo­glia­mo». Pa­ro­le che evi­den­zia­no che la mi­su­ra è col­ma per tut­ti. E la con­vi­ven­za di 1500 stra­nie­ri con un pae­si­no di po­che ani­me è sem­pre più dif­fi­ci­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.