Bol­za­no chiu­de il Pas­so Sel­la Fe­de­ral­ber­ghi in ri­vol­ta

Il pre­si­den­te De Cas­san: «Al­toa­te­si­ni ta­le­ba­ni, at­to uni­la­te­ra­le»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - Mar­co de’ Fran­ce­sco © RIPRODUZIONE RISERVATA

LIVINALLONGO DEL COL DI LANA «Gli al­toa­te­si­ni fac­cia­no i ta­le­ba­ni a ca­sa lo­ro». Senza, cioè, coin­vol­ge­re gli al­tri nel­le pro­prie scel­te. Lo di­ce con for­za Wal­ter De Cas­san, il pre­si­den­te pro­vin­cia­le di Fe­de­ral­ber­ghi. La ma­te­ria scot­tan­te è quel­la del­la chiu­su­ra del Pas­so Sel­la. Ogni mer­co­le­dì, tra lu­glio e ago­sto, la stra­da del pas­so ri­mar­rà chiu­sa al­le au­to dal­le 9 al­le 16. Il tran­si­to sa­rà con­sen­ti­to so­lo a mez­zi di tra­spor­to pub­bli­co lo­ca­le, a quel­li elet­tri­ci, a bi­ci e a pe­do­ni.

Og­gi si «ce­le­bra» il pri­mo gior­no di chiu­su­ra. Una li­be­ra­zio­ne dal­lo smog, per Bol­za­no. Un at­to uni­la­te­ra­le e in­sen­sa­to per gli al­ber­ga­to­ri bel­lu­ne­si. «Nel­la vi­ta ho ca­pi­to una co­sa con­ti­nua De Cas­san - che l’in­te­gra­li­smo non por­ta da nes­su­na par­te. Ora, se ci fos­se sta­to un ac­cor­do tra le par­ti, tra Bol­za­no e Bel­lu­no, per in­di­vi­dua­re per­cor­si al­ter­na­ti­vi, chi sa­reb­be con­tra­rio? Fer­ma­re una stra­da e ba­sta, senza pre­ve­de­re un’al­ter­na­ti­va, non è una co­sa in­tel­li­gen­te. I più pe­na­liz­za­ti, pe­ral­tro, so­no quel­li che abi­ta­no sul­la stra­da».

Non è te­ne­ro, sta­vol­ta, il lea­der del­la Fe­de­ral­ber­ghi bel­lu­ne­se e ag­giun­ge: «Si è ar­ri­va­ti a que­ste mi­su­re uni­la­te­ral­men­te, con una for­za­tu­ra: Bol­za­no è an­da­ta avan­ti da so­la, senza sen­ti­re Bel­lu­no. E mi­nac­cia di chiu­de­re tut­ti i passi do­lo­mi­ti­ci. C’è pe­rò da chie­der­si: per­ché non lo fanno d’in­ver­no? Per­ché d’in­ver­no, chiu­den­do i passi, per­de­reb­be­ro il tu­ri­smo ita­lia­no. La ve­ri­tà è che Bol­za­no ha pen­sa­to a sé».

Di chiu­su­ra dei passi do­lo­mi­ti­ci si par­la al­me­no dal 2010. Un po’ da Tren­to, un po’ da Bol­za­no, la ri­chie­sta di in­ter­rom­pe­re il flus­so di vei­co­li in gior­ni de­ter­mi­na­ti è sta­ta espres­sa più vol­te e sem­pre ha in­con­tra­to il no di Bel­lu­no.

Sta­vol­ta gli al­toa­te­si­ni han­no fat­to da so­li. Se­con­do gli as­ses­so­ri al­toa­te­si­ni Ri­chard Thei­ner e Flo­rian Mus­sner, l’ope­ra­zio­ne con­sen­ti­rà di ab­bat­te­re le emis­sio­ni in­qui­nan­ti del 20%. L’ini­zia­ti­va è ac­com­pa­gna­ta da un pro­gram­ma di spet­ta­co­li e ga­stro­no­mia in lo­co, sul­la stra­da.

Sto­ri­ca­men­te, dal­la par­te del Bel­lu­ne­se, la soluzione al traf­fi­co ec­ces­si­vo sui passi mon­ta­ni è sem­pre sta­ta rav­vi­sa­ta nei tic­ket. Ma, sul pun­to, non si è mai tro­va­to un ac­cor­do. «An­ch’io la pen­so co­sì - ave­va af­fer­ma­to il sin­da­co di Livinallongo, Lean­dro Gro­nes, coin­vol­to dal­la chiu­su­ra - far pa­ga­re un pe­dag­gio (da non ap­pli­ca­re ai re­si­den­ti, Ndr) si­gni­fi­ca pun­ta­re su un tu­ri­smo di qua­li­tà. Che è poi ciò di cui ab­bia­mo bi­so­gno. Quan­to al­la qua­li­tà dell’aria, non è che il Pas­so Sel­la sia il cen­tro di Milano. Si po­te­va in­ta­vo­la­re un di­scor­so se­rio, è in­ve­ce si è scel­ta la stra­da dell’uni­la­te­ra­li­tà. Che dob­bia­mo di­re? Ne pren­dia­mo at­to».

Ora, pe­rò, Gro­nes ha cam­bia­to to­no e con­clu­de: «Bi­so­gne­reb­be pen­sa­re a una al­ter­na­ti­va, ma non c’è. Inim­ma­gi­na­bi­le fa­re un tun­nel di ot­to chi­lo­me­tri da una par­te all’al­tra. La chiu­su­ra la chie­do­no gli ap­pas­sio­na­ti di bi­ci, ma la via­bi­li­tà tra val­li è quel­la prin­ci­pa­le, da que­ste par­ti. Dif­fi­ci­le tro­va­re un equi­li­brio».

Og­gi de­but­to Pri­mo gior­no senz’au­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.