Cas­sa­no ri­co­min­cia dall’Hel­las, ri­na­sce la cop­pia d’oro con Paz­zi­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mat­teo Fon­ta­na

Da ie­ri An­to­nio Cas­sa­no è un gio­ca­to­re dell’Hel­las Ve­ro­na. Il fan­ta­si­sta, ex Samp e Real Ma­drid, ha fir­ma­to e ha scel­to di gio­ca­re con la «clas­si­ca» 99. Sot­to la gui­da di Pec­chia si ri­com­por­rà co­sì la cop­pia d’oro, ai tem­pi di Ge­no­va, con il cen­tra­van­ti Giam­pao­lo Paz­zi­ni.

VE­RO­NA L’Hel­las ir­rom­pe sul mer­ca­to e lo fa con due col­pi che ac­cen­do­no i ri­flet­to­ri sul Ve­ro­na. Non so­lo Ales­sio Cerci: il gran­de bli­tz gial­lo­blù è An­to­nio Cas­sa­no. Ec­co che Fi­lip­po Fu­sco, ds dell’Hel­las, piaz­za un’ac­ce­le­ra­ta de­gna del­la Formula 1. Cas­sa­no sì, dun­que, per un ok che scat­ta in mat­ti­na­ta. Che qual­co­sa fos­se sul pun­to di muo­ver­si, d’al­tron­de, gli oc­chi (e le orec­chie) più at­ten­ti l’ave­va­no col­to ve­ner­dì scor­so, sul­la sca­li­na­ta di Pa­laz­zo Bar­bie­ri, sen­ten­do par­la­re Fa­bio Pec­chia: «Se pren­de­rei Cas­sa­no? Non lo so, fran­ca­men­te non lo so pro­prio. Ma è un cam­pio­ne, e chi ha qua­li­tà per me è sem­pre gra­di­to». Si era pas­sa­ti dai dub­bi che ave­va­no ac­com­pa­gna­to le set­ti­ma­ne im­me­dia­ta­men­te se­guen­ti la promozione in Se­rie A a un’aper­tu­ra per nul­la vel­lei­ta­ria.

Cas­sa­no, nel frat­tem­po, ave­va lan­cia­to dei mes­sag­gi net­ti: «Il Ve­ro­na mi ha cer­ca­to for­te a gen­na­io. È una piaz­za che mi pia­ce, ma io non pos­so aspet­ta­re il 31 ago­sto per­ché ho bi­so­gno di al­le­nar­mi. Va­do con il pri­mo che mi vuo­le», ave­va det­to il 20 giu­gno, du­ran­te le va­can­ze in Sar­de­gna. Un se­gna­le di al­lon­ta­na­men­to che an­da­va ol­tre le apparenze, tant’è che Cas­sa­no era par­so vi­ci­no al Cro­to­ne e, an­cor di più, al Ca­glia­ri. Ma da un la­to non si era an­da­ti ol­tre il sem­pli­ce con­tat­to, dall’al­tro la ten­ta­zio­ne era ri­ma­sta ta­le, con Gio­van­ni Ros­si, ds ros­so­blù, a chia­ri­re: «Cas­sa­no è un gran­de gio­ca­to­re, ma là da­van­ti sia­mo a po­sto». Sto­ria di po­chi gior­ni fa, men­tre con­tem­po­ra­nea­men­te, a Ve­ro­na, Lu­ca To­ni usci­va di sce­na con ac­cen­ni di mar­ca­ta po­le­mi­ca ri­vol­ti a Fu­sco: «Cas­sa­no, al­le con­di­zio­ni a cui sa­reb­be ar­ri­va­to, sa­reb­be sta­to uti­le. Io ho par­la­to spes­so con An­to­nio. Lo dan­no per fi­ni­to, ma lo stes­so si di­ce­va di me quat­tro an­ni fa», os­ser­vò To­ni, la­scian­do in­ten­de­re che fos­se sta­to per lui di in­cer­tez­ze non ce ne sa­reb­be­ro sta­te, a pro­po­si­to di FantAntonio.

Un Cas­sa­no che, fermo da un an­no – l’ul­ti­ma vol­ta in cam­po per lui è da­ta­ta 8 mag­gio 2016, nel 3-0 in­cas­sa­to dal­la Samp­do­ria nel derby con il Ge­noa – ha scel­to di far­si as­si­ste­re da Tul­lio Tin­ti, pro­cu­ra­to­re del­lo stes­so To­ni e di Giam­pao­lo Paz­zi­ni, agen­te con cui il Ve­ro­na e il suo pre­si­den­te Mau­ri­zio Set­ti, han­no spes­so la­vo­ra­to in pas­sa­to. Tant’è, nel gi­ro di po­che ore si è pas­sa­ti dal­lo stop al «for­se che sì, for­se che no», fi­no al­lo sbloc­co del­la trat­ta­ti­va e all’ac­cor­do tra le par­ti, fon­da­to su un’in­te­sa an­nua­le. In­dos­se­rà la 99. Cas­sa­no, svol­te le vi­si­te all’ospe­da­le di Bor­go Trento ie­ri po­me­rig­gio («So­no con­ten­to, ho en­tu­sia­smo», le di­chia­ra­zio­ni ri­la­scia­te a Te­le­nuo­vo, fuo­ri dal re­par­to di Me­di­ci­na del­lo Sport), ri­co­min­ce­rà dall’Hel­las, ri­tro­van­do pro­prio il Paz­zo, il cen­tra­van­ti con cui ha af­fi­na­to l’in­te­sa più de­li­zio­sa: al­la Samp­do­ria, nel 2009-2010, tra­sci­nan­do­la al­la qua­li­fi­ca­zio­ne ai pre­li­mi­na­ri di Champions Lea­gue.

Paz­zi­ni, im­bec­ca­to da Cas­sa­no, se­gnò 19 gol. E Cas­sa­no, do­ma­ni tren­ta­cin­quen­ne ta­len­to scon­fi­na­to e biz­ze in ab­bon­dan­za, ora con­te­nu­te, as­si­cu­ra il suo en­tou­ra­ge, dall’amo­re per la com­pa­gna, Ca­ro­li­na Mar­cia­lis, e per i fi­gli Ch­ri­sto­pher e Lionel, a Ve­ro­na sa­le su un al­tro pal­co­sce­ni­co.

All’Hel­las non ci ar­ri­va per fa­re il guit­to. Pal­la a lui, fuo­ri­clas­se fuo­ri da­gli sche­mi. Dal­la se­ra in cui, con il Ba­ri, si ri­ve­lò al mon­do, di­cias­set­ten­ne, se­gnan­do un gol fa­vo­lo­so con cui ab­bat­té l’In­ter. Poi Ro­ma, Real Ma­drid, Samp­do­ria, Mi­lan, In­ter, Par­ma e poi an­co­ra la Samp. A Ve­ro­na Cas­sa­no va in sce­na per il suo ul­ti­mo con­cer­to. Man­zo­nia­na­men­te, ai po­ste­ri l’ar­dua sen­ten­za.

Il son­dag­gio

Sei d’ac­cor­do con l’ac­qui­sto? Più di 200 let­to­ri del si­to han­no ri­spo­sto, il 56 per cen­to di­ce no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.