Lo stra­no re­gi­me di Gian­ni: du­ce del ma­re «Io vo­ta­vo Ber­lu­sco­ni»

In­ter­ro­ga­to, tor­na in spiag­gia trion­fan­te: «Non mi han­no ar­re­sta­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Emi­lio Ran­don

SOT­TO­MA­RI­NA (CHIOG­GIA) In or­ba­ce fa cal­do, me­glio sa­reb­be una fre­sca di­vi­sa co­lo­nia­le, in man­can­za di en­tram­be an­che i fa­sci­sti ve­sto­no al­la Bria­to­re. Co­sì si pre­sen­ta Gian­ni Scar­pa - lar­ga e sven­to­lan­te ca­mi­cia bian­ca, ai suoi ospi­ti del ba­gno di Pun­ta Can­na a Sot­to­ma­ri­na - re­du­ce da un’ora di in­ter­ro­ga­to­rio ne­gli uf­fi­ci del­la que­stu­ra di Venezia che si ca­pi­sce bo­na­rio. «Non mi han­no ar­re­sta­to, co­me ve­de­te, buo­na gior­na­ta a tut­ti».

Gian­ni, il Du­ce del­la bal­nea­zio­ne, ha 64 an­ni, il men­to che gli bal­la un po’ e il sor­ri­so in­cur­va­to da un’emi­pa­re­si da cui si è sal­va­to per il rot­to del­la cuf­fia. Per­ciò se ne fre­ga, se ne fre­ga di tut­to e di tut­ti fuor­ché dei fo­to­gra­fi e del­le te­le­ca­me­re – «non mi pia­ce ve­der­mi» -, fa­sci­sti­ca­men­te se ne im­pi­pa e lo ha scrit­to dap­per­tut­to, del­le buo­ne ma­nie­re, del buon­gu­sto e del­la de­mo­cra­zia, per­si­no del buon­sen­so e del­la cor­ret­tez­za po­li­ti­ca.

È sboc­ca­to, nar­ci­so e scia­gu­ra­ta­men­te im­pre­vi­den­te. Vo­le­va «il suo re­gi­me» e, in ef­fet­ti, su mez­zo chi­lo­me­tro di spiag­gia a ovest di Sot­to­ma­ri­na – da tre an­ni a que­sta par­te – ha in­stau­ra­to il pro­prio. Un re­gi­me blan­do e bal­nea­re, ci­vet­tuo­lo e di­sci­pli­na­re, ne­ris­si­mo nel­le pa­ro­le e nei to­ni an­che se fi­lo­lo­gi­ca­men­te im­pre­ci­so, an­zi de­ci­sa­men­te con­fu­so: non è esat­ta­men­te fa­sci­sta scri­ve­re che i ces­si so­no «per lui per lei per le­sbi­che e gays», co­me non è pro­pria­men­te di de­stra an­nun­cia­re che la «li­ber­tà dei po­po­li si reg­ge sul­la pun­ta dei fu­ci­li».

Ma i car­tel­li ci so­no, fuo­ri e den­tro il ba­gno, bian­chi e gran­di, tra cui spic­ca la fra­se di Ez­ra Pound, «se uno non è di­spo­sto a cor­re­re qual­che ri­schio per le sue idee o non è un uo­mo o le sue idee val­go­no po­co».

I pro­cla­mi più «pe­ri­co­lo­si» li ha le­va­ti do­me­ni­ca se­ra, di sua ini­zia­ti­va di­ce, sen­za al­cu­na co­stri­zio­ne: quel­lo che in­ci­ta­va al­lo ster­mi­nio dei «tos­si­ci» e un al­tro in cui ri­por­ta­va al­cu­ne «riflessioni» – «co­se mie per­so­na­li» - ti­po «Non­no Be­ni­to, per un’Ita­lia one­sta e pu­li­ta, tor­na in vi­ta». C’era an­che un ri­fe­ri­men­to al­la «ca­me­re a gas» sul­le pa­re­ti del ces­so ma pa­re­va ap­pro­pria­to.

Gian­ni Scar­pa è fa­sci­sta ol­tre ogni dubbio, di quei fa­sci­sti im­ma­gi­na­ri di cui ci ar­ri­va co­pia a set­tant’an­ni dal­la fi­ne del re­gi­me, ma non è un Ca­te­nac­ci al­la Bra­car­di e nean­che un su­pre­ma­ti­sta col cap­puc­cio, avreb­be po­tu­to in­dif­fe­ren­te­men­te con­dur­re la trat­to­ria del «Buz­zi­co­ne» o fa­re il ca­po­sta­zio­ne.

Non lo ha fat­to, ri­sul­ta in­ve­ce che sia riu­sci­to ma­gni­fi­ca­men­te a far­si ani­ma­to­re tu­ri­sti­co del «ca­ro lei quan­do c’era lui», del­la no­stal­gia ha fat­to un tor­men­to­ne bal­nea­re, un brand e un mo­do di sta­re in spiag­gia, lui è un Fio­rel­lo in ne­ro, un ta­len­to dell’om­brel­lo­ne, del co­me ci si do­ve­va sen­ti­re sot­to ai tem­pi del­le co­lo­nie, sor­ve­glia­ti, ama­ti e sgri­da­ti.

La gen­te si as­sog­get­ta al­le sue pic­co­le ves­sa­zio­ni, tor­na bam­bi­na e go­de, lui gli fa to to sul­le ma­ni­ne ed è con­ten­ta (e le cic­che - «so­no caz­zi tuoi» – e i ba­gni che ci si de­ve man­gia­re, e i ser­mo­ni sull’Ita­lia che va in ro­vi­na, e guar­da qua, e guar­da là).

In que­stu­ra han­no cer­ca­to di ca­pi­re quan­to fa­sci­sta sia, a sen­tir lui li ha ras­si­cu­ra­ti: «Non so­no un pe­ri­co­lo per le isti­tu­zio­ni de­mo­cra­ti­che, pra­ti­co la li­ber­tà di pen­sie­ro ga­ran­ti­ta dal­la Co­sti­tu­zio­ne, il ma­gi­stra­to fa­rà il suo la­vo­ro e se c’è da sba­rac­ca­re an­che gli al­tri car­tel­li io li sba­rac­co. So­no uno che ri­spet­ta la leg­ge».

«Apo­li­ti­co da ven­ti an­ni, l’ul­ti­ma vol­ta che ho vo­ta­to ho vo­ta­to Ber­lu­sco­ni, poi si è mes­so il tou­pet e non mi è più pia­ciu­to. I ve­ri uo­mi­ni non han­no bi­so­gno dei ca­pel­li». «Se il Che aves­se fat­to le bo­ni­fi­che, in­ven­ta­to l’Inps e la tre­di­ce­si­ma per i la­vo­ra­to­ri avrei pre­so lui, Gue­va­ra, al po­sto del Du­ce».

Il suoi clien­ti lo han­no ap­plau­di­to. La sua en­trée e sta­ta so­len­ne, da per­se­gui­ta­to po­li­ti­co, ha pre­so, è en­tra­to nel­la ca­bi­na di re­gia (una ca­pan­no che gli fa da uf­fi­cio) e da lì ha ar­rin­ga­to in fi­lo­dif­fu­sio­ne il po­po­lo de­gli ab­bron­za­ti scu­san­do­si per lo sta­to del­la bat­ti­gia, «at­ten­ti ai pie­di, la ma­reg­gia­ta del­la not­te ha por­ta­to mol­te conchiglie». Ha ri­pe­tu­to che «è un pia­ce­re la­vo­ra­re con voi», ha ag­giun­to che do­po ne avreb­be rac­con­ta­ta una di sim­pa­ti­ca e già che c’era l’ha an­che det­ta: «Ma lo sa­pe­te che per qual­cu­no leg­ge, or­di­ne e pu­li­zia so­no fa­sci­smo? So che sie­te sta­ti in­ter­pel­la­ti a ri­guar­do dal­la stam­pa e va be­ne co­sì». C’era­no mol­te ti­vù a ru­bar­se­lo, una di cui Scar­pa non ca­pi­va il no­me in­si­ste­va più del­le al­tre: «Rus­sia Tv» ha pre­ci­sa­to la col­le­ga.

Chi ha il sa­tel­li­te si guar­di il ser­vi­zio, Scar­pa in Rus­sia po­treb­be di­ven­ta­re il sim­bo­lo del­la de­ca­den­za oc­ci­den­ta­le. Men­tre con­cio­na­va al mi­cro­fo­no, tre vi­gi­li ur­ba­ni di Chiog­gia so­no en­tra­ti e, do­po aver fo­to­gra­fa­to i car­tel­lo­ni ri­ma­sti, han­no vo­lu­to ve­de­re tut­to, li­bri con­ta­bi­li, li­cen­ze, com­pre­si i per­mes­si e i cer­ti­fi­ca­ti sa­ni­ta­ri del­le si­gno­ri­ne che ser­vo­no die­tro al ban­co. «Or­di­ne, ri­spet­to e pu­li­zia».

La spiag­gia è pu­li­ta ed et­ni­ca­men­te lin­da, la clien­te­la è ve­ne­to­fo­na e non ve­di un vu’ cum­prà.

All’in­ter­no Una fo­to di Be­ni­to Mus­so­li­ni, una del­le tan­te che Gian­ni Scar­pa, ti­to­la­re dei ba­gni pun­ta Can­na, te­ne­va fi­no a ie­ri nei suoi lo­ca­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.