Vi­no, ac­cen­di­ni il mer­ca­to del­la no­stal­gia

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - B. C. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VENEZIA Bot­ti­glie di vi­no con l’ef­fi­ge di Hi­tler e Mus­so­li­ni in ven­di­ta dal Gar­da al li­to­ra­le veneziano che ir­ri­me­dia­bil­men­te, a ogni esta­te, sca­te­na­no le pro­te­ste del tu­ri­sta stra­nie­ro di tur­no che le sco­pre ne­gli scaf­fa­li di ne­go­ziet­ti e su­per­mer­ca­ti. Ma an­che scon­tri­ni con il ri­trat­to di Mus­so­li­ni emes­si in un bar ve­ro­ne­se. E una se­rie di ac­cen­di­ni, ade­si­vi e ma­gne­ti ven­du­ti in al­cu­ni au­to­grill dell’au­to­stra­da A4 e in di­ver­se ta­bac­che­rie, com­pre­so nel­la cen­tra­lis­si­ma piaz­za Ro­ma a Venezia. O a Je­so­lo, do­ve in apri­le cin­que tu­ri­sti israe­lia­ni han­no ag­gre­di­to un ta­bac­ca­io. La sua col­pa? Ven­de­re gli ac­cen­di­ti con le im­ma­gi­ni del Fuh­rer e di Mus­so­li­ni.

Tra sim­pa­tiz­zan­ti e no­stal­gi­ci del Fa­scio c’è chi as­si­cu­ra che si trat­ta sem­pli­ce­men­te di un bu­si­ness. E che bu­si­ness: il mer­chan­di­sing na­zi-fa­sci­sta in Ve­ne­to frut­ta, se­con­do le re­cen­ti sti­me, 80 mi­la eu­ro so­lo nel set­to­re del vi­no. Il vi­no «ne­ro» ap­pun­to. Lo sa be­ne Fa­bio Bo­go, del­la «I no­stal­gi­ci», azien­da di Se­di­co, nel Bel­lu­ne­se, che nel 2000 «ha ini­zia­to la ri­cer­ca di im­ma­gi­ni sto­ri­che ta­li da ri­sve­glia­re no­stal­gie di­ver­se in cia­scu­no di noi» si leg­ge nel si­to in­ter­net do­ve è pos­si­bi­le fa­re or­di­ni. Con vi­ni, bir­re e grap­pe dal­le eti­chet­te de­fi­ni­te «sto­ri­che» il 53enne la­vo­ra in tut­to il mon­do ed è l’uni­co a li­vel­lo re­gio­na­le che com­mer­cia­liz­za que­sti pro­dot­ti. «Ogni an­no il fat­tu­ra­to è in cre­sci­ta, il 70 per cen­to lo fac­cia­mo in Ita­lia, il re­sto este­ro, so­prat­tut­to Au­stria, Ger­ma­nia e Pae­si dell’Est, ma ci so­no or­di­ni an­che da Sta­ti Uni­ti e Sve­zia» as­si­cu­ra Bo­go che in Ve­ne­to piaz­za le sue bot­ti­glie in un cen­ti­na­io di ne­go­zi, so­prat­tut­to del li­to­ra­le veneziano.

Ed ec­co la hit del­le pre­fe­ren­ze, che ve­de co­stan­te­men­te in te­sta il Fuh­rer: «Su cen­to bot­ti­glie no­van­ta so­no di Hi­tler, a se­gui­re Mus­so­li­ni» spie­ga l’im­pren­di­to­re. Per quan­to l’of­fer­ta sia am­pia, le eti­chet­te sui can­tan­ti più fa­mo­si o sul­le Do­lo­mi­ti non ri­scuo­to­no al­tret­tan­to suc­ces­so. E a det­ta del ti­to­la­re Karl Marx, Le­nin e Sta­lin so­no in net­ta per­di­ta, men­tre Che Gue­va­ra non lo ri­chie­de più nes­su­no.

Per­ché il Fuh­rer e Mus­so­li­ni ri­sul­ti­no sem­pre i più get­to­na­ti – an­che nel­le ven­di­te on­li­ne, con bot­ti­glie dal co­sto di set­te eu­ro cir­ca - Bo­go se lo spie­ga co­sì: «La gen­te ha rim­pian­to dei vec­chi tem­pi, for­se per quel­lo che sta ac­ca­den­do og­gi, per le po­li­ti­che eu­ro­pee sull’im­mi­gra­zio­ne che non ven­go­no af­fat­to con­di­vi­se». Ma, as­si­cu­ra: «Non c’è nul­la di po­li­ti­co nel mio bu­si­ness, nes­sun in­no al fa­sci­smo o na­zi­smo: il mer­ca­to chie­de e io of­fro – chia­ri­sce il bel­lu­ne­se – : nel­le eti­chet­te ci so­no so­lo fo­to sto­ri­che, non pos­so­no chie­der­mi di to­glier­le per­ché al­lo­ra do­vreb­be­ro to­glie­re an­che tut­te quel­le nei li­bri di sto­ria». E ci­ta la sen­ten­za del tri­bu­na­le di Bol­za­no del 27 feb­bra­io 1995, emes­sa a se­gui­to di un ri­ti­ro su­gli scaf­fa­li del vi­no “ne­ro”: «Per il giu­di­ce non c’è apo­lo­gia e si è an­che me­ra­vi­glia­to che ci sia­no per­so­ne che fac­cia­no per­de­re tem­po al­la giu­sti­zia per que­ste vi­cen­de spie­ga Bo­go -: è tut­to ne­ro su bian­co sul­la sen­ten­za, che ten­go sem­pre pron­ta in uf­fi­cio, tan­to qui or­mai so­no pas­sa­te tut­te le for­ze dell’or­di­ne pos­si­bi­li».

Quan­to al­la spiag­gia fa­sci­sta, è con­vin­to por­te­rà più la­vo­ro al ge­sto­re: «Evi­den­te­men­te an­che lui ha no­stal­gia del pas­sa­to e del ri­go­re di al­lo­ra; di cer­to ora, con que­sto cla­mo­re, la sua spiag­gia sa­rà stra­pie­na - di­chia­ra an­co­ra il bel­lu­ne­se -, un po’ co­me suc­ce­de ogni qual vol­ta ri­ti­ra­no le mie bot­ti­glie da­gli scaf­fa­li: al­la fi­ne è so­lo pub­bli­ci­tà. Co­sì, con gli ar­ti­co­li di stam­pa, chi cer­ca quel qual­co­sa di par­ti­co­la­re sa do­ve tro­var­lo». Lo con­fer­ma an­che Ma­ri­ca Bo­lo­gna, ti­to­la­re del «bar Ar­man­do» di Ce­rea, Ve­ro­na, sa­li­to al­le ri­bal­ta del­le cro­na­che qual­che an­no fa per gli scon­tri­ni emes­si. Con il ri­trat­to di Be­ni­to Mus­so­li­ni. Fin da su­bi­to l’im­pren­di­tri­ce e la mam­ma Ma­ri­stel­la Fi­nez­zo che le dà una ma­no non ave­va­no fat­to mi­ste­ro del­le lo­ro sim­pa­tie, co­me se non fos­se­ro ab­ba­stan­za chia­re dai va­ri ci­me­li del ven­ten­nio fa­sci­sta espo­sti all’in­ter­no nel lo­ca­le: po­ster, ca­len­da­ri, fo­to in bian­co e ne­ro. «Quan­do i gior­na­li ave­va­no par­la­to di noi era­no pio­vu­te le po­le­mi­che ma era­no ar­ri­va­ti an­che mol­ti clien­ti, un bel mo­vi­men­to – fa sa­pe­re Bo­lo­gna – ; ora o ven­go­no ap­po­sta op­pu­re sem­bra­no non ac­cor­ger­si di quan­to ri­por­ta­to nel­lo scon­tri­no, det­to che so­lo ie­ri un clien­te si è stu­pi­to e mi ha det­to: ma c’è un ca­da­ve­re nel­lo scon­tri­no?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.