Fi­lo­so­fia e me­di­ci­na Um­ber­to Cu­ri spie­ga le pa­ro­le del­la sa­lu­te

Fi­lo­so­fia e me­di­ci­na: il nuo­vo sag­gio di Um­ber­to Cu­ri è de­di­ca­to al­la de­fi­ni­zio­ne di cu­ra

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Um­ber­to Cu­ri

Fra i per­so­nag­gi del­la mi­to­lo­gia gre­ca la cui spe­ci­fi­ca iden­ti­tà re­sta in larga mi­su­ra in­de­fi­ni­ta, vi è cer­ta­men­te an­che quel­lo di Igea, e cioè la sa­lu­te. Di lei si sa che è figlia di Ascle­pio e di Epio­ne (o Lam­pe­zia), e so­rel­la di Pa­na­cea. Qual­che ele­men­to ul­te­rio­re sul­la sua per­so­na­li­tà può es­se­re de­sun­to dal­le mol­te te­sti­mo­nian­ze fi­gu­ra­ti­ve, so­prat­tut­to in quel­le più an­ti­che, nel­le qua­li Igea com­pa­re co­me una gio­va­ne don­na, ve­sti­ta da sa­cer­do­tes­sa, re­can­te in ma­no una taz­za pie­na di or­zo con un ser­pen­te av­vin­ghia­to al suo brac­cio. La pre­sen­za ri­cor­ren­te del ser­pen­te al­lu­de evi­den­te­men­te al phar­ma­kon, vi­sto che me­di­ca­men­ti e po­zio­ni era­no so­ven­te ri­ca­va­ti dal ve­le­no dei ser­pen­ti. In ter­mi­ni ge­ne­ra­li, sal­vo al­cu­ne ec­ce­zio­ni ri­sa­len­ti ai se­co­li suc­ces­si­vi al V o ad al­cu­ne te­sti­mo­nian­ze di età ro­ma­na, il trat­to do­mi­nan­te di Igea è quel­lo di ap­pa­ri­re co­me una gio­vi­net­ta fra­gi­le e di­pen­den­te da una per­so­na­li­tà mag­gio­re, qua­le è quella del padre Ascle­pio.

D’altra par­te, a dif­fe­ren­za di ciò che si po­treb­be pen­sa­re, a con­clu­sio­ni non trop­po dis­si­mi­li da quella ora enun­cia­ta si per­vie­ne qua­le esi­to di un per­cor­so ben lon­ta­no dal­la mi­to­lo­gia, qua­le è quel­lo che emer­ge dal di­bat­ti­to con­tem­po­ra­neo sul con­cet­to di sa­lu­te. Es­sa non può es­se­re de­fi­ni­ta co­me «as­sen­za di ma­lat­tie», per­ché da un la­to si trat­te­reb­be di una de­fi­ni­zio­ne ne­ga­ti­va, me­ra­men­te re­si­dua­le (men­tre ciò che si cer­ca è una de­fi­ni­zio­ne in po­si­ti­vo), e dall’al­tro per­ché il con­fi­ne fra ciò che è ma­lat­tia e ciò che non lo è pre­sup­po­ne pre­ci­sa­men­te il ri­fe­ri­men­to a quella no­zio­ne di sa­lu­te, che si vor­reb­be cer­ca­re di chia­ri­re.

Nel 1946 l’Or­ga­niz­za­zio­ne Mon­dia­le del­la Sa­ni­tà for­mu­la un con­cet­to di sa­lu­te, se­con­do la se­guen­te de­fi­ni­zio­ne, che è an­cor og­gi al­la ba­se del­la de­fi­ni­zio­ne uf­fi­cia­le: «La sa­lu­te è uno sta­to di com­ple­to be­nes­se­re fi­si­co, men­ta­le e so­cia­le e non con­si­ste sol­tan­to in un’as­sen­za di ma­lat­tia o di in­fer­mi­tà». Co­me si può fa­cil­men­te in­tui­re, la for­mu­la pre­vi­sta dall’OMS non è in gra­do di su­pe­ra­re le dif­fi­col­tà già se­gna­la­te. I mo­ti­vi prin­ci­pa­li so­no evi­den­ti. Al­lu­den­do ad uno sta­to di «com­ple­to be­nes­se­re», si fi­ni­sce in­fat­ti per in­di­ca­re un mo­del­lo astrat­to e so­stan­zial­men­te ir­rea­liz­za­bi­le, giun­gen­do co­sì al pa­ra­dos­so di do­ver ri­co­no­sce­re che, non po­ten­do­si af­fer­ma­re per nes­sun es­se­re vi­ven­te lo sta­to di «com­ple­to be­nes­se­re», sia­mo tut­ti in mo­di di­ver­si am­ma­la­ti. Ri­sul­ta­ti non pie­na­men­te con­vin­cen­ti emer­go­no inol­tre an­che dai prin­ci­pi af­fer­ma­ti nel­la co­sid­det­ta «Car­ta di Ot­ta­wa», va­le a di­re nel do­cu­men­to ap­pro­va­to in oc­ca­sio­ne del­la pri­ma «Con­fe­ren­za in­ter­na­zio­na­le per la pro­mo­zio­ne del­la sa­lu­te», svol­ta­si nel­la cit­tà ca­na­de­se nel 1986, nel qua­le la sa­lu­te è iden­ti­fi­ca­ta con l’espan­sio­ne ol­tre i con­fi­ni del sog­get­to che ne go­de, di­ven­tan­do con ciò un mez­zo pro­pul­so­re di ul­te­rio­ri po­si­ti­vi in­ter­ven­ti.

In tem­pi re­cen­ti, il di­bat­ti­to è sta­to ria­per­to da un edi­to­ria­le pub­bli­ca­to nel Lan­cet del 2009, nel qua­le aper­ta­men­te si pren­de­va­no le di­stan­ze dal­la de­fi­ni­zio­ne dell’OMS, in­di­can­do con­giun­ta­men­te un dif­fe­ren­te pun­to di ri­fe­ri­men­to. Se­con­do il pre­sti­gio­so pe­rio­di­co in lun­ga in­gle­se, si trat­te­reb­be di adot­ta­re la for­mu­la­zio­ne con­te­nu­ta nel li­bro di Geor­ges Can­gui­lhem, con­si­sten­te nel ri­fiu­ta­re l’idea che esi­sta­no nor­ma­li o anor­ma­li sta­ti di sa­lu­te. Ciò per­ché, se­con­do lo stu­dio­so fran­ce­se, la sa­lu­te non è qual­co­sa che pos­sa es­se­re de­fi­ni­ta in ter­mi­ni sta­ti­sti­ci o mec­ca­ni­ci­sti­ci, poi­ché si trat­ta piut­to­sto del­la ca­pa­ci­tà di adat­tar­si al pro­prio am­bien­te.

La sa­lu­te non sa­reb­be, in­som­ma, un’en­ti­tà fis­sa, in quan­to cam­bie­reb­be per ogni in­di­vi­duo, a se­con­da del­le cir­co­stan­ze. Ne con­se­gue che la sa­lu­te non è de­fi­ni­ta dal me­di­co, ma dal­la per­so­na, con­for­me­men­te ai suoi bi­so­gni fun­zio­na­li, men­tre al me­di­co spet­te­reb­be il com­pi­to di aiu­ta­re l’in­di­vi­duo ad adat­tar­si al pro­prio am­bien­te fi­si­co e so­cia­le. La va­rie­tà del­le po­si­zio­ni emer­se, nel con­te­sto di un di­bat­ti­to par­ti­co­lar­men­te am­pio, la­scia in­ten­de­re quan­to sia ar­bi­tra­rio ten­ta­re di con­den­sa­re in qual­che for­mu­la rias­sun­ti­va le ri­spo­ste for­ni­te all’in­ter­ro­ga­ti­vo re­la­ti­vo al­la sa­lu­te. In ogni ca­so, si può di­re che l’al­lu­sio­ne im­pli­ci­ta nel­la vi­cen­da mi­ti­ca in pre­ce­den­za de­li­nea­ta re­sta con­fer­ma­ta. La sa­lu­te re­sta una no­zio­ne so­stan­zial­men­te elu­si­va, per la qua­le è ar­duo pro­por­re una de­fi­ni­zio­ne pie­na­men­te sod­di­sfa­cen­te.

Pa­ro­le È ar­bi­tra­rio ten­ta­re di de­fi­ni­re la sa­lu­te Uno sta­to di com­ple­to be­nes­se­re è ir­rea­liz­za­bi­le

Mi­to Gu­stav Klimt «Igea». L’ope­ra è an­da­ta di­strut­ta nel 1945

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.