Un new deal per Ve­ne­zia e il Ve­ne­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Porto Marghera - Gio­van­ni Mon­ta­na­ro

Nel 1920, si sa­reb­be uni­to an­che il fer­ra­re­se Vittorio Ci­ni, ag­giun­gen­do­ci le sue im­pre­se e la sua ca­pa­ci­tà fi­nan­zia­ria. L’idea Mar­ghe­ra era co­rag­gio­sa, innovativa, ma an­che pro­fon­da­men­te ve­ne­zia­na, nel sen­so che (al di là de­gli esi­ti) ri­spet­ta­va l’es­sen­za di Ve­ne­zia, il fat­to che Ve­ne­zia è gran­de se guar­da all’ac­qua e se guar­da fuo­ri di sé, sfrut­tan­do la po­si­zio­ne stra­te­gi­ca EstO­ve­st/Nord-Sud che non so­lo gli Au­stria­ci fi­lo-trie­sti­ni ma an­che l’Ita­lia pie­mon­te­se, più tir­re­ni­ca che adria­ti­ca, ave­va­no pe­na­liz­za­to.

Vol­pi e gli al­tri ave­va­no più pro­sai­ca­men­te ca­pi­to che Ve­ne­zia non si sal­va sen­za at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve e oc­cu­pa­zio­ni ve­re. So­no già pas­sa­ti cen­to an­ni e il bi­lan­cio di que­sto se­co­lo è tra­gi­ca­men­te con­trad­dit­to­rio, in­trin­se­ca­men­te no­ve­cen­te­sco. In­ve­sti­men­ti, la­vo­ro, ec­cel­len­ze, ma an­che in­qui­na­men­to, di­se­qui­li­bri nel­la la­gu­na e il do­lo­re lan­ci­nan­te del­le ma­lat­tie pro­fes­sio­na­li. Pe­ral­tro, il pro­gres­si­vo su­ben­tra­re del­le par­te­ci­pa­zio­ni sta­ta­li ha im­po­ve­ri­to la vi­va­ci­tà dell’area, pro­prio men­tre, nel se­con­do No­ve­cen­to, il re­sto del Ve­ne­to vi­ve­va il suo boom.

Og­gi, ol­tre che bel­lis­si­ma e in­quie­tan­te nel­la sua for­ma po­st-in­du­stria­le, Mar­ghe­ra è un’area an­co­ra at­ti­va (pur se con 10.000 ad­det­ti quan­do un tem­po ce n’era­no fi­no a 36.000), ha an­co­ra la can­tie­ri­sti­ca , ha pic­co­li in­te­res­san­ti pro­get­ti di riu­so, an­che di stu­di pro­fes­sio­na­li, è in par­te da bo­ni­fi­ca­re, ma, in real­tà, è co­sì gran­de da at­ten­de­re sem­pre un pro­get­to or­ga­ni­co, com­ples­si­vo, di ri­lan­cio, un new-deal.

Qual è il fu­tu­ro di Mar­ghe­ra? Lo spo­sta­men­to del por­to tu­ri­sti­co per le gran­di na­vi? La lo­gi­sti­ca? Una zo­na eco­no­mi­ca spe­cia­le? Tor­ri e cen­tri com­mer­cia­li? Una cit­ta­del­la di ser­vi­zi? Una cit­ta­del­la del­lo sport? Un par­co in­du­stria­le per la gree n eco­no­my? In­for­ma­tion tech­no­lo­gy? Fi­nan­za? Mar­ghe­ra è un’oc­ca­sio­ne enor­me. Il suo fu­tu­ro ser­ve all’Ita­lia e al Ve­ne­to, che ha una chan­ce di cen­tra­li­tà nei com­mer­ci mon­dia­li.

Ma il ri­lan­cio di Mar­ghe­ra è an­che una gran­de oc­ca­sio­ne per pen­sa­re al­la pros­si­ma Ve­ne­zia, quel­la che tor­ni ad ave­re il ruo­lo che le dan­no la sto­ria e la geo­gra­fia, quel­la che rie­sca ad an­da­re ol­tre al de­sti­no opa­co di una cit­tà tu­ri­sti­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.