IL FERRO DA STIRO DEL­LA MORETTI E L’OSSESSIONE SOCIAL DEI POLITICI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Gian­do­me­ni­co Cor­te­se

Ahi! Que­sto no­stro pic­co­lo mon­do an­ti­co, tra­vol­to dal­la mo­der­ni­tà. Per­fi­no l’as­se da stiro di Ales­san­dra Moretti spo­po­la nei social.

La con­si­glie­ra re­gio­na­le ha «po­sta­to» nel­la sua pa­gi­na Fa­ce­book una istan­ta­nea in cui lei, or­go­glio del­la nor­ma­li­tà, sta sti­ran­do al­cu­ni ca­pi di ab­bi­glia­men­to.

Ahi! Que­sto no­stro pic­co­lo mon­do an­ti­co, tra­vol­to dal­la mo­der­ni­tà. Per­fi­no l’as­se da stiro di Ales­san­dra Moretti spo­po­la nei social. La con­si­glie­ra re­gio­na­le vi­cen­ti­na ha «po­sta­to», cioè ha in­se­ri­to, nel­le sue pa­gi­ne Fa­ce­book una istan­ta­nea (scat­ta­ta di pri­ma mat­ti­na dal fi­glio) in cui lei, or­go­glio (co­rag­gio e ge­lo­sia) del­la nor­ma­li­tà, sta sti­ran­do al­cu­ni ca­pi di ab­bi­glia­men­to. A di­spet­to del­la privacy an­che l’or­ga­niz­za­zio­ne del­la vi­ta fa­mi­lia­re è un va­lo­re da tra­smet­te­re e dif­fon­de­re. Apri­ti cie­lo, giù un ef­flu­vio di com­men­ti, iro­ni­ci e sar­ca­sti­ci, per lo più, è di­la­ga­to in re­te. Mai vi­sto una per­so­na che sti­ri su un as­se po­sto co­sì in al­to, i più ma­le­fi­ci. Ma lei cer­to non ha mai pre­so in ma­no un ferro da stiro, e co­sì via. Sin­dro­me da con­nes­sio­ne? Pa­to­lo­gie di re­la­zio­ne? Può es­se­re. Bea­ti quel­li che san­no pen­sa­re con le mac­chi­ne, sug­ge­ri­va qual­cu­no.

Karl Pop­per am­mo­ni­va: «Vi pre­go di cre­de­re che die­tro l’at­tac­co ge­ne­ra­le al­la scien­za e al­la tec­ni­ca si na­scon­da qual­co­sa di se­rio o ad­di­rit­tu­ra di fi­lo­so­fi­ca­men­te pro­fon­do». Cer­to che la no­stra esi­sten­za, co­me la vo­glia di ap­pa­ri­re, di sta­re sull’on­da, al­la ri­bal­ta, di su­sci­ta­re cu­rio­si­tà ed in­te­res­se, la no­stra stes­sa in­di­vi­dua­li­tà, e crea­ti­vi­tà, le no­stre vi­te so­no mi­nac­cia­te da que­sta este­ti­ca del­le mac­chi­ne. E poi quel de­si­de­rio, spes­so mal­ce­la­to, di un li­ke, di un mi pia­ce, in­du­ce al nar­ci­si­smo.

Il nuo­vo «as­se» del Pd, l’ha ri­bat­tez­za­to qual­cu­no, ri­fe­ren­do­si al­la Moretti. Do­po quel­lo del rot­ta­ma­re è giun­to il tem­po del­lo sti­ra­re.

Mo­ra­li­smi a par­te, in­cu­rio­si­sco­no i nuo­vi lin­guag­gi. Il Pd, per re­sta­re in te­ma, ma non è il so­lo par­ti­to o mo­vi­men­to, vi­ve sempre più di social me­dia e man­da pu­re a scuo­la, pro­muo­vi cor­si ac­ce­le­ra­ti per l’uso di que­sti stru­men­ti di co­mu­ni­ca­zio­ne da par­te dei suoi di­ri­gen­ti. Gli eso­da­ti del­la politica han­no una sin­dro­me di rap­pre­sen­tan­za e si af­fi­da­no sempre più a Fa­ce­book, Twit­ter, In­sta­gram e via di­scor­ren­do, per mo­stra­re che ci so­no, esi­sto­no e pen­sa­no.

Un tem­po, d’esta­te, ci si af­fi­da­va al­lo scat­to di qual­che pa­pa­raz­zo per fi­ni­re nel cir­co me­dia­ti­co del gos­sip. Af­fin­ché si ri­cor­di­no di noi! Og­gi il «fai da te» fa­ci­li­ta lo sfor­zo. A di­spet­to del­le ipo­cri­sie, nel se­gno del­la ve­ra gran­dez­za del­la nor­ma­li­tà. Sen­za ce­le­bra­re il con­for­mi­smo var­reb­be la pe­na di lan­cia­re un elo­gio al­la or­di­na­rie­tà, al­la usua­li­tà, ma­ga­ri sen­za esi­bir­le trop­po. Nel di­zio­na­rio de­gli ita­lia­ni, e sempre più dei ve­ne­ti, il lin­guag­gio dei ta­blet, de­gli smart­pho­ne, è di­ven­ta­to di uso quo­ti­dia­no e sta cre­scen­do a rit­mi ver­ti­gi­no­si: non se ne può più fa­re a me­no. Qua­si 7 nor­de­sti­ni su 10 – re­cen­tis­si­mo il son­dag­gio di De­mos, l’isti­tu­to di ri­cer­ca di Il­vo Dia­man­ti – ri­ten­go­no que­sti stru­men­ti in­di­spen­sa­bi­li. Im­pren­di­to­ri o di­soc­cu­pa­ti so­no in li­nea nell’uti­liz­zar­li. Com­pren­si­bi­le che sia­no gli ami­ci più fi­da­ti di gio­va­ni e gio­va­nis­si­mi, ma an­che di ol­tre la me­tà de­gli over 55. Se si vuo­le esi­ste­re, non se ne fa a me­no. Tan­to per di­re che or­mai il dia­lo­go fra in­di­vi­dui co­me le re­la­zio­ni so­cia­li so­no pos­si­bi­li so­lo at­tra­ver­so Fa­ce­ti­me, Wha­tsapp e na­tu­ral­men­te i va­ri po­st su­gli stru­men­ti che In­ter­net of­fre. E a chi leg­ge que­sti sin­to­mi e nuo­vi bi­so­gni co­me una gran­de ca­ren­za di cul­tu­ra e di edu­ca­zio­ne a di­spet­to dei pro­gres­si del­la scien­za e del­la per­va­si­vi­tà del­la tec­no­lo­gia, sen­za do­ver ci­ta­re Pla­to­ne e i suoi ri­me­di, dia­mo pur cre­den­za: gra­zie ai social me­dia si è re­sa pos­si­bi­le la ma­gia dell’au­ten­ti­co. Vi pa­re po­co? Ec­co per­ché Ales­san­dra Moretti ha sen­ti­to il bi­so­gno di mo­strar­si… in­ten­ta a sti­ra­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.