MO­DER­NI­TÀ CER­CA­SI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ce­sa­re De Mi­che­lis

Cen­to an­ni! Mar­ghe­ra in un se­co­lo ha com­piu­to l’in­te­ro ci­clo dell’esi­sten­za, dal con­ce­pi­men­to nel gior­no ora cen­te­na­rio alla sua fon­da­zio­ne che oc­cu­pe­rà gli an­ni ven­ti, alla cre­sci­ta del più gran­de po­lo dei ma­te­ria­li non fer­ro­si nel de­cen­nio suc­ces­si­vo, al­le tra­ge­die del­la guer­ra con di­stru­zio­ni e ri­co­stru­zio­ni, al­lo svi­lup­po im­pe­tuo­so del­la chi­mi­ca ne­gli an­ni cin­quan­ta e ses­san­ta con la suc­ces­si­va cri­si, ac­ce­le­ra­ta dal­la pre­sa di co­scien­za dei dan­ni am­bien­ta­li che ave­va pro­vo­ca­to, fi­no al­lo sman­tel­la­men­to di ogni fab­bri­ca, sen­za riu­sci­re a im­ma­gi­nar­ne una ge­stio­ne pro­gram­ma­ta, co­sic­ché, chiu­si gli sta­bi­li­men­ti e man­da­ti a ca­sa ope­rai e im­pie­ga­ti - ben 40.000-, è ri­ma­sto il vuo­to, una gran­dis­si­ma area in­qui­na­ta sot­to uti­liz­zar­la o inu­ti­liz­za­ta, og­get­to di di­scus­sio­ni, fan­ta­sio­si pro­get­ti di riu­so, chiac­chie­re per lo più, che con­ti­nua­no da de­cen­ni. Il mo­der­no che non ha mai ama­to Ve­ne­zia, le è cre­sciu­to vi­ci­no e lon­ta­no, esem­plar­men­te com­pen­dian­do sul­la gron­da la­gu­na­re la sua storia glo­rio­sa e ca­ta­stro­fi­ca: la cit­tà è so­prav­vis­su­ta al suo tran­si­to, e ora può ru­ski­nia­na­men­te tor­na­re al­le sue ori­gi­ni me­die­va­li, eri­gen­do nuo­ve mu­ra che al­lon­ta­ni­no i «bar­ba­ri», lì do­ve non ba­sti­no le ac­que e la sua com­pro­mes­sa in­su­la­ri­tà. Che si di­scu­ta del «nu­me­ro chiu­so» mi pa­re coe­ren­te con la ce­le­bra­zio­ne del­la fi­ne di un in­cu­bo, co­me sta ve­nen­do vis­su­to il cen­te­na­rio del­la zo­na in­du­stria­le: ep­pu­re l’idea che Ve­ne­zia pos­sa di­ven­ta­re un én­cla­ve ar­cheo­lo­gi­co, de­sti­na­to a tu­ri­sti cu­rio­si di ve­de­re dal ve­ro «co­me era­va­mo», mi pa­re, tra le tan­te di cui si è di­scus­so, la più igno­bi­le e, so­prat­tut­to, la più prossima e con­cre­ta, e, quin­di, ria­pri­re il di­scor­so sul rap­por­to di Ve­ne­zia con il post­mo­der­no è ur­gen­te e ne­ces­sa­rio. Al­tro che nu­me­ro chiu­so, che «mu­sea­liz­za­zio­ne» dell’area mar­cia­na, la que­stio­ne da por­re è esat­ta­men­te quell’al­tra di sot­trar­re la cit­tà a un de­sti­no mum­mi­fi­ca­to, re­sti­tuen­do­le la pos­si­bi­li­tà di vi­ve­re nell’uni­co tem­po che ap­par­tie­ne alla vi­ta, che è il pre­sen­te, con tut­ti i ri­schi che que­sto com­por­ta. L’idea di fer­ma­re il tem­po per far so­prav­vi­ve­re l’an­ti­co su­sci­ta nel­le per­so­ne di buon sen­so pe­na o ila­ri­tà: pen­sa­te ai vec­chi - al­le vec­chie - che af­fi­da­no al lif­ting la lo­ro bel­lez­za, o al­lo scon­for­to che pro­vo­ca­no le co­pie dei ca­po­la­vo­ri. Vi­via­mo in un’epo­ca pa­ra­dos­sa­le: scam­bia­mo l’an­ti­co con la sua du­pli­ca­zio­ne o con la sua fal­si­fi­ca­zio­ne e, fi­nal­men­te, con la sua mer­ci­fi­ca­zio­ne, men­tre tra­scu­ria­mo, se non can­cel­lia­mo, la storia.

Igno­ria­mo i va­lo­ri e gli esem­pi che l’an­ti­chi­tà ci ha ge­ne­ro­sa­men­te la­scia­to, pro­iet­ta­ti dall’an­sia del nuo­vo ver­so un «ma­gni­fi­co» e ri­so­lu­ti­vo fu­tu­ro, che del pas­sa­to, tan­to più se è in­gom­bran­te, non sa co­sa far­se­ne, ma in­tan­to vo­glia­mo am­mi­ra­re i suoi sim­bo­li, le sue ico­ne, mal­de­stra­men­te espo­sti in qual­che mu­seo - ri­cor­da­te i Bron­zi di Ria­ce? - op­pu­re, cac­cia­mo i mer­can­ti da piaz­za San Marco, in­fa­sti­di­ti dal­la lo­ro ma­le­du­ca­ta in­va­den­za, sen­za ren­der­ci con­to che co­sì la con­dan­nia­mo de­fi­ni­ti­va­men­te a una so­prav­vi­ven­za po­st ur­ba­na, let­te­ral­men­te «sen­za lavoro».

Non po­treb­be que­sto Cen­te­na­rio di­ven­ta­re, in­ve­ce, oc­ca­sio­ne per ri­di­se­gna­re il cen­tro sto­ri­co e il si­ste­ma mu­sea­le, pen­sa­to l’ul­ti­ma vol­ta prima di Mar­ghe­ra oltre un se­co­lo fa, in una si­tua­zio­ne ra­di­cal­men­te di­ver­sa dall’at­tua­le. Al­lo­ra con­cen­tra­re in Piaz­za oltre ai mo­nu­men­ti i mu­sei sem­brò un mo­do per fa­vo­ri­re un tu­ri­smo na­scen­te e un’ac­cul­tu­ra­zio­ne scar­sa, og­gi di­vi­de­re i per­cor­si e le fun­zio­ni è ne­ces­sa­rio, e gli stes­si mu­sei avreb­be­ro bi­so­gno di una rein­ven­zio­ne dei per­cor­si espo­si­ti­vi, del­la lo­ro di­stri­bu­zio­ne nel ter­ri­to­rio, del lo­ro stes­so nu­me­ro.

In­ve­ce si con­ti­nua co­me se cam­bia­re fos­se im­pos­si­bi­le, per un ver­so sti­lan­do clas­si­fi­che do­ve vince il nu­me­ro dei vi­si­ta­to­ri e per l’al­tro co­struen­do bar­rie­re che al­lon­ta­na­no que­gli stes­si vi­si­ta­to­ri che si do­vreb­be­ro at­trar­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.