Di nuo­vo sot­to in­chie­sta l’ex sin­da­co Luca Clau­dio

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­ge­la Ti­sbe Cio­cio­la

Nem­me­no il tem­po di tor­na­re li­be­ro e l’ex sin­da­co di Mon­te­grot­to e Aba­no Luca Clau­dio, ar­re­sta­to per la tan­gen­to­po­li del­le ter­me pa­do­va­ne, si tro­va an­co­ra sot­to in­chie­sta, sta­vol­ta per ap­pro­pria­zio­ne in­de­bi­ta.

PA­DO­VA C’è sta­to un tem­po in cui al­le Ter­me c’era bi­so­gno di eroi. Ma bea­to - di­reb­be Ber­told Bre­cht - quel po­po­lo che di eroi non ha bi­so­gno. Per­ché ca­do­no, tut­ti. E ven­go­no di­men­ti­ca­ti, su­bi­to. E l’iper­bo­le dell’eroe ca­du­to e ab­ban­do­na­to all’oblio è quel­la che me­glio si ad­di­ce a de­scri­ve­re l’av­ven­tu­ra po­li­ti­ca di Luca Clau­dio, l’uo­mo che nel ruo­lo di sin­da­co ha co­man­da­to per die­ci an­ni inin­ter­rot­ti a Mon­te­grot­to Ter­me (2001/2011), cin­que ad Aba­no (2011/2016), ot­te­nen­do an­che una rie­le­zio­ne a sin­da­co del­la cit­ta­di­na ter­ma­le (19 giu­gno 2016) mai con­su­ma­ta per via di un’in­da­gi­ne del­la pro­cu­ra di Pa­do­va che ave­va al­za­to il si­pa­rio sul mec­ca­ni­smo ro­da­to di maz­zet­te in­ta­sca­te dall’ex sin­da­co. Ma più che eroe, più che re, c’è una pa­ro­la che rias­su­me Clau­dio. E lui, vol­po­ne ca­po­po­po­lo, se l’era scel­ta fin dall’ini­zio: pi­ra­ta. E «Pi­ra­ti d’Ita­lia» ave­va chia­ma­to il suo mo­vi­men­to, sca­ra­ven­ta­to in un bu­co ne­ro dal­le ma­net­te stret­te at­tor­no ai pol­si del suo cam­pio­ne.

«Pi­ra­ta» è chi ap­pa­re all’im­prov­vi­so sul­la sce­na e chi scom­pa­re. È chi ci spin­ge a fa­re il ti­fo per lui, a met­ter­ci nel­le sue ma­ni per poi dire che di lui non sia­mo mai sta­ti ami­ci. Co­me Aba­no e Mon­te­grot­to - ora - non so­no mai sta­te ami­che di Clau­dio. Fi­gu­rar­si es­se­re ad­di­ta­te a gui­sa di cor­te del suo (ex) im­pe­ro. Ades­so che Luca Clau­dio è di nuo­vo un uo­mo li­be­ro, do­po il pat­teg­gia­men­to a 4 an­ni per oltre 500 mi­la eu­ro di tan­gen­ti in­cas­sa­te e con la com­pa­gnia di al­tre in­chie­ste ap­pe­na av­via­te, ad Aba­no e Mon­te­grot­to se lo so­no di­men­ti­ca­ti. Che sia «usci­to» in­te­res­sa po­co. La sua pa­ra­bo­la è fi­ni­ta. Tro­var­lo, ora, uno che vo­ta­va per lui. Chi con lui si can­di­da­va, du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le di Aba­no, nel giu­gno scor­so, ave­va fat­to a gara a pre­ci­sa­re che nel­le li­ste, di «clau­dia­ni», non c’era più nes­su­no. Il suo brac­cio ar­ma­to, Mas­si­mo Bar­ca­ro, al bal­lot­tag­gio si era spin­to oltre, ap­pog­gian­do aper­ta­men­te il can­di­da­to del Pd - poi sin­da­co Fe­de­ri­co Bar­bie­ra­to.

Co­me se di Clau­dio, lui che di Aba­no era «l’uni­ca de­stra pos­si­bi­le» (pa­ro­le sue, mai per al­tro smen­ti­te dal­le ca­bi­ne elet­to­ra­li, ndr), re­stas­se so­lo un re­tro­gu­sto, più o me­no ama­ro. Una sen­sa­zio­ne che Mon­te­grot­to ave­va pro­va­to con un an­no di an­ti­ci­po: Ric­car­do Mor­tan­del­lo diventa sin­da­co sba­ra­glian­do Mo­ni­ca Bor­din, can­di­da­ta Clau­dia­na alla pol­tro­na. Era quel­lo l’an­ti­pa­sto: sen­za di lui, sa­reb­be ca­sca­to il pal­co dell’in­te­ro mo­vi­men­to.

La pro­va ar­ri­va ades­so. Espul­so co­me un cor­po estra­neo da­gli stes­si pae­si che lo ap­plau­di­va­no prima, di Luca Clau­dio ri­ma­ne un’om­bra sul­lo sfon­do. Per­fi­no i leo­ni da ta­stie­ra, nei grup­pi Fa­ce­book «Sei di Aba­no se...» o «Sei di Mon­te­grot­to se...», glis­sa­no e gi­ra­no al lar­go dall’ar­go­men­to. L’ar­go­men­to è qua­si un ta­bù, tan­to nel­le piaz­ze vir­tua­li quan­to nel­le zo­ne pe­do­na­li dei due cen­tri, ge­mel­li e ne­mi­ci al­lo stes­so tem­po ma uni­ti da un pas­sa­to in Co­mu­ne. Un re­tag­gio che pe­sa e che si vuo­le met­te­re in un an­go­lo, a sen­ti­re i più. Nei bar, nei su­per­mer­ca­ti e nel­le pa­le­stre, do­ve la diplomazia la­scia il tem­po che tro­va, Clau­dio è un fa­sti­dio. Chi non l’ha mai ama­to è pron­to a tac­cia­re i vec­chi ne­mi­ci di «apo­lo­gia di clau­di­smo». Chi l’ha vo­ta­to, si di­fen­de, sen­za pe­rò nem­me­no no­mi­nar­lo. Ma­sti­ca­to e di­ge­ri­to per sem­pre. O for­se no. Per­ché i pi­ra­ti, per tra­di­zio­ne, spa­ri­sco­no e riap­pa­io­no all’im­prov­vi­so. E la ri­vo­lu­zio­ne, in fon­do, po­treb­be pia­ce­re di nuo­vo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.