Guer­ra­to va in con­cor­da­to

Con­ge­la­ti de­bi­ti per 60 mi­lio­ni con 400 for­ni­to­ri in at­te­sa del­la ri­strut­tu­ra­zio­ne

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Gian­ni Fa­ve­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

RO­VI­GO Una ses­san­ti­na di mi­lio­ni di de­bi­ti ver­so cir­ca 400 for­ni­to­ri, al­cu­ni dei qua­li han­no co­min­cia­to a spa­zien­tir­si e a chiedere, at­tra­ver­so in­giun­zio­ni, pre­cet­ti e pres­sio­ni va­rie, il pa­ga­men­to di quan­to do­vu­to. Le ban­che, che ave­va­no li­nee di fi­nan­zia­men­to aper­te per una tren­ti­na di mi­lio­ni, che han­no una ad una chiu­so i ru­bi­net­ti. Co­sì, pur a fron­te di un fat­tu­ra­to per oltre 90 mi­lio­ni ed or­di­ni in por­ta­fo­glio per 780, la ro­di­gi­na Guer­ra­to ie­ri ha do­vu­to pie­ga­re il ca­po. Ac­cet­ta­re, cioè, la con­di­zio­ne po­sta da­gli isti­tu­ti di cre­di­to per ria­pri­re un ra­gio­na­men­to, e de­po­si­ta­re in Ca­me­ra di Com­mer­cio e in Tri­bu­na­le a Ro­vi­go l’atto con cui si apre una pro­ce­du­ra di con­cor­da­to in bian­co.

En­tro 180 gior­ni la sto­ri­ca azien­da ro­di­gi­na dall’edi­li­zia e im­pian­ti­sti­ca ci­vi­le ed in­du­stria­le e del­le ener­gie rin­no­va­bi­li, fon­da­ta da Lu­cia­no Guer­ra­to, che de­tie­ne l’87% del ca­pi­ta­le, men­tre il ri­ma­nen­te è in ca­po al fi­glio Sa­ve­rio, è chia­ma­ta a met­te­re bene in or­di­ne i con­ti. E a pre­sen­ta­re, nel con­tem­po, un pia­no se­rio di ri­strut­tu­ra­zio­ne del de­bi­to agli in­ter­lo­cu­to­ri ban­ca­ri (una cor­da­ta gui­da­ta da In­te­sa San­pao­lo in cui en­tra­no pe­rò an­che Uni­cre­dit, Mps e la «pic­co­la» Ban­ca An­nia Bcc) i qua­li, per la ve­ri­tà, do­po la chiu­su­ra dei cor­do­ni del­la bor­sa, og­gi non so­no espo­sti più che per tre mi­lio­ni.

In­som­ma, oc­cor­re con­vin­cer­li a riac­cor­da­re a ca­sa Guer­ra­to la fiducia di un tem­po, nel­la con­cre­ta spe­ran­za che, nei sei me­si da og­gi a me­tà gen­na­io 2018, pren­da fi­nal­men­te cor­po quel pro­get­to di in­ter­ven­to ester­no nel ca­pi­ta­le che la so­cie­tà sta cer­can­do or­mai da un an­no e mez­zo. No­mi non se ne fan­no ma non è un se­gre­to che un player fi­nan­zia­rio di un cer­to spes­so­re stia per com­ple­ta­re una due di­li­gen­ce sui con­ti fi­na­liz­za­ta a ri­le­va­re una quo­ta dell’azien­da, co­sì co­me pa­re esi­sta­no due sog­get­ti, que­sta vol­ta di na­tu­ra in­du­stria­le, a lo­ro vol­ta im­pe­gna­ti in ana­li­si sul si­ste­ma Guer­ra­to e a va­lu­ta­re per­ciò even­tua­li ope­ra­zio­ni di part­ner­ship a va­ri li­vel­li.

Il con­cor­da­to con ri­ser­va, per­ciò, in que­sta fa­se pa­re ave­re lo sco­po di con­ge­la­re la si­tua­zio­ne per un ar­co di tem­po con­gruo a tro­va­re una pia­ni­fi­ca­zio­ne fi­nan­zia­ria so­ste­ni­bi­le ed evi­ta­re ag­gres­sio­ni al pa­tri­mo­nio da par­te di un nu­me­ro via via cre­scen­te di cre­di­to­ri che non ve­do­no sal­da­te le lo­ro fat­tu­re. Per stu­dia­re un’ar­chi­tet­tu­ra più equi­li­bra­ta fra espo­si­zio­ni a bre­ve e a me­dio­lun­go pe­rio­do è sta­to in­ca­ri­ca­to l’ad­vi­sor Kp­mg e que­sto, da so­lo, do­vreb­be ba­sta­re a tran­quil­liz­za­re le ban­che e a per­met­te­re ai pre­ten­den­ti in­ve­sti­to­ri su Guer­ra­to di ave­re da­van­ti un qua­dro eco­no­mi­co e fi­nan­zia­rio chia­ro co­me fi­no ad og­gi non è mai sta­to.

Di in­con­te­sta­bi­le c’è che l’azien­da, nei suoi aspet­ti squi­si­ta­men­te ope­ra­ti­vi, fun­zio­na ed ac­qui­si­sce or­di­ni, e che non è as­so­lu­ta­men­te in di­scus­sio­ne un so­lo po­sto di lavoro dei 270 di­pen­den­ti di­ret­ti né de­gli al­tri cir­ca 130 col­la­bo­ra­to­ri ester­ni. Im­pe­gna­ta in va­ri can­tie­ri sia per Gran­di Sta­zio­ni sia per Cen­to­sta­zio­ni, Guer­ra­to ha co­me pro­prio in­ter­lo­cu­to­re cen­tra­le la Con­sip, os­sia la cen­tra­le ac­qui­sti del­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne, ed è alla na­tu­ra pub­bli­ca del­la mag­gior par­te dei clien­ti che la so­cie­tà di Ro­vi­go at­tri­bui­sce una buona quo­ta par­te dei pro­pri pro­ble­mi, da­ti i tem­pi di pa­ga­men­to ten­den­ti ad al­lun­gar­si ben oltre i li­mi­ti con­cor­da­ti. Fra i cre­di­to­ri più pe­san­ti di Guer­ra­to, in­ve­ce, ci so­no so­prat­tut­to gran­di for­ni­to­ri di ener­gia elet­tri­ca e gas, ob­bli­ga­ti, per il ser­vi­zio di pub­bli­ca uti­li­tà che as­si­cu­ra­no, a non in­ter­rom­pe­re le ero­ga­zio­ni an­che a fron­te di gran­di ri­tar­di nei pa­ga­men­ti del­le fat­tu­re.

«Au­spi­co – è il so­lo com­men­to fat­to ie­ri all’an­nun­cio del­la ri­chie­sta di con­cor­da­to in bian­co da Gae­ta­no Te­de­schi, da apri­le pre­si­den­te di Guer­ra­to – che con l’ac­qui­si­zio­ne del­le due ex po­po­la­ri In­te­sa non ri­ten­ga esau­ri­ta la pro­pria mis­sio­ne di sup­por­ta­re l’eco­no­mia di que­sto ter­ri­to­rio».

La se­de del­la Guer­ra­to a Ro­vi­go

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.