Com­plot­ti, di­vi­sio­ni e am­mu­ti­na­men­ti: il Pe­dro cam­bia fac­cia

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano Lo Ius Soli - Ro­ber­ta Po­le­se © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

PA­DO­VA Il pa­ra­dos­so c’è. Il cen­tro sociale Pe­dro pro­prio que­st’an­no com­pie trent’an­ni, a ot­to­bre è pre­vi­sta la sua fe­sta, ep­pu­re quel Pe­dro non è più lo stes­so. Si è no­ta­to nel­la guer­ri­glia an­da­ta in sce­na lu­ne­dì se­ra nel­le piaz­ze. Lu­ne­dì, do­po mol­to tem­po, c’era un ne­mi­co co­mu­ne, dai con­tor­ni chia­ri e pre­ci­si, che sto­ri­ca­men­te po­la­riz­za tut­ti a si­ni­stra an­che quan­do «quel­li di si­ni­stra» non van­no poi co­sì d’ac­cor­do.

«Lu­ne­dì se­ra c’era­no 150 fa­sci­sti che han­no in­va­so le Ri­vie­re e che so­no ar­ri­va­ti fi­no a Piaz­za An­te­no­re - spie­ga Mar­co Si­rot­ti, at­ti­vi­sta e por­ta­vo­ce del cen­tro sociale Pe­dro - è un fat­to gra­vis­si­mo che su­pe­ra la con­te­sta­zio­ne po­li­ti­ca: quel­le per­so­ne an­da­va­no fer­ma­te, que­sto fac­cia­mo noi, que­sto fan­no gli an­ti­fa­sci­sti». Già. Ep­pu­re la lot­ta è cam­bia­ta. So­no cam­bia­ti «i sol­da­ti» ad esem­pio. Chi ne­gli an­ni scor­si ha as­si­sti­to a scon­tri con­tro la po­li­zia ha vi­sto gli scu­di ar­ti­gia­na­li dei ma­ni­fe­stan­ti re­si­ste­re mol­to più a lun­go di quel­li che si so­no al­za­ti lu­ne­dì, crol­la­ti in po­chi se­con­di sot­to la pri­ma ca­ri­ca del­la Di­gos. Gli au­to­no­mi «di una vol­ta», non è un se­gre­to, si al­le­na­va­no al­lo scon­tro.

E poi so­no cam­bia­ti i vol­ti e i ca­pi. Non è so­lo un se­gno nor­ma­le dei tem­pi, è qual­co­sa di più. Per tut­ti quel­li a cui di­ce an­co­ra qual­co­sa il no­me di Pie­tro Ma­ria Gre­co det­to Pe­dro, uc­ci­so in una spa­ra­to­ria con la Di­gos in via Giu­lia il 9 mar­zo 1985, il cen­tro sociale a lui de­di­ca­to è ora ge­ne­ti­ca­men­te mo­di­fi­ca­to. E il cam­bia­men­to è re­cen­te. La «scis­sio­ne» che ha se­gna­to il de­sti­no del cen­tro sociale di via Ti­ci­no è av­ve­nu­ta il 5 set­tem­bre del 2014. Quel­la se­ra i ver­ti­ci del Pe­dro Pie­tro De­spa­li, Su­san­na Scot­ti e Wil­ma Maz­za van­no al Ri­vol­ta, cen­tro sociale di Ve­ne­zia, con­vin­ti di par­te­ci­pa­re a una riu­nio­ne. Ma è un am­mu­ti­na­men­to. Ven­go­no sfi­du­cia­ti, rot­ta­ma­ti. I «gio­va­ni», poi ac­cu­sa­ti di aver or­di­to tra­me di com­plot­ti, gli vol­ta­no le spal­le. È ve­ro che il ter­zet­to ha in ma­no un po­te­re non da po­co: non c’è so­lo il Pe­dro, c’è an­che Ra­dio Sher­wood, un con­te­ni­to­re di pro­dot­ti di qua­li­tà co­me la web tv, la ra­dio stes­sa. E poi c’è il «bloc­co po­li­ti­co», ov­ve­ro una so­li­da gui­da ideo­lo­gi­ca che De­spa­li-Scot­ti- Maz­za san­no ge­sti­re con suc­ces­so, trai­nan­do tut­ti gli al­tri. Che pe­rò a un cer­to pun­to ri­ven­di­ca­no la lo­ro au­to­no­mia. Fat­ti fuo­ri i ca­pi sto­ri­ci, in­sie­me a Max Gal­lob e Se­ba­stian Ko­hl­scheen (ora se­gre­ta­rio pro­vin­cia­le di Si­ni­stra Ita­lia­na) al Pe­dro, gui­da­to da Gra­zia­no Sa­na­via, si af­fac­cia­no vol­ti nuo­vi. Co­me quel­lo di Mar­co Si­rot­ti astro­no­mo bo­lo­gne­se, e Ro­lan­do Lut­te­rot­ti, tren­ti­no. Ma ci so­no an­che En­ri­co Zu­lian, Ze­no Roc­ca (ve­ro­ne­se, ap­pe­na con­dan­na­to per ca­lun­nia do­po es­ser­si in­ven­ta­to una fal­sa ag­gres­sio­ne del­la Di­gos) che fa­ce­va­no par­te del «vec­chio» Pe­dro, ora coi rot­ta­ma­to­ri. Il cen­tro sociale di og­gi è fat­to di po­chi stu­den­ti e mol­ti ex stu­den­ti e pre­ca­ri. Cam­bia pu­re la di­fe­sa legale per i pe­dri­ni nei guai, l’av­vo­ca­to Au­ro­ra d’Ago­sti­no è so­sti­tui­ta da Ma­ri­na In­fan­to­li­no. Le re­di­ni del mo­vi­men­to so­no a Ve­ne­zia, ci pen­sa Tom­ma­so Cac­cia­ri a fa­re da por­ta­vo­ce de­gli au­to­no­mi nor­de­sti­ni.

Il Pe­dro, o per me­glio di­re quel­lo che ora si muo­ve at­tor­no all’area Sher­wood, ha per­so mol­to del suo pe­so po­li­ti­co, e ha pu­re per­so la sua quo­ta all’uni­ver­si­tà: gli stu­den­ti so­no po­chi, la stes­sa car­rie­ra uni­ver­si­ta­ria è cor­ta, chi vie­ne da fuo­ri re­sta in cit­tà due an­ni, trop­po po­co per es­se­re «coop­ta­ti». Tie­ne i con­tat­ti so­lo il Bios Lab, col­let­ti­vo di ri­cer­ca­to­ri im­pe­gna­ti sul fron­te dei mi­gran­ti. I «com­pa­gni» par­la­no po­co dei lo­ro dis­si­di in­ter­ni, il mes­sag­gio è che nul­la si de­ve sa­pe­re di ciò che ac­ca­de «den­tro». La gran­de verità l’ha det­ta Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni al­la fi­ne del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le: «I cen­tri so­cia­li, co­me li pen­sa Bi­ton­ci, non ci so­no più, non c’è più quel­la gen­te lì». Gli dan­no ra­gio­ne tut­ti. So­prat­tut­to i no­stal­gi­ci.

Si­rot­ti Que­sto fac­cia­mo noi: fer­mia­mo i fa­sci­sti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.