«Uc­ci­di­ti». Gli sms dei bul­li al­la 16en­ne

Portogruaro, un me­se di an­ghe­rie. Due mi­no­ren­ni ac­cu­sa­ti di isti­ga­zio­ne al sui­ci­dio

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità Caso Mose - Gia­co­mo Co­sta © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

PORTOGRUARO (VE­NE­ZIA)

Da set­ti­ma­ne si muo­ve­va per ca­sa a ca­po chi­no e l’at­teg­gia­men­to scon­so­la­to, ec­ces­si­vo per­si­no per un’ado­le­scen­te che già in pas­sa­to ave­va avu­to qual­che dif­fi­col­tà. Co­sì i ge­ni­to­ri pre­oc­cu­pa­ti han­no de­ci­so di in­da­ga­re, sco­pren­do che, da cir­ca un me­se, la lo­ro fi­glia era di­ven­ta­ta il ber­sa­glio pre­fe­ri­to del­le an­ghe­rie di al­tri due ra­gaz­zi, che tra un in­sul­to, una mi­nac­cia e una bat­tu­ta di scher­no non si fa­ce­va­no al­cu­na re­mo­ra a sug­ge­ri­re al­la gio­va­ne di to­glier­si la vi­ta.

Leg­ge­re tra i mes­sag­gi del­la fi­glia, più e più vol­te, la pa­ro­la «uc­ci­di­ti» è sta­to un ve­ro col­po al cuo­re per la ma­dre del­la 16en­ne, che si è quin­di ri­vol­ta ai ca­ra­bi­nie­ri: im­me­dia­ta è scat­ta­ta l’in­da­gi­ne – an­co­ra in cor­so – ma per i due bul­li, un ra­gaz­zo e una ra­gaz­za, en­tram­bi di 17 an­ni, ades­so si pro­fi­la un’ac­cu­sa mol­to gra­ve, quel­la di isti­ga­zio­ne al sui­ci­dio.

La vi­cen­da si è con­su­ma­ta a ca­val­lo tra la ter­ra­fer­ma ve­ne­zia­na, re­si­den­za dei due in­da­ga­ti, e il Por­to­grua­re­se, do­ve in­ve­ce abi­ta la fa­mi­glia del­la vit­ti­ma, in un pe­rio­do di tem­po che si di­la­ta al­me­no per quat­tro set­ti­ma­ne, stan­do a quan­to in­di­vi­dua­to nel te­le­fo­no del­la mi­no­ren­ne. Qual­cun al­tro, for­se, avreb­be de­ru­bri­ca­to la vi­cen­da co­me una sem­pli­ce ri­va­li­tà ado­le­scen­zia­le, ma­ga­ri pen­san­do di ri­sol­ve­re la co­sa con­si­glian­do al­la fi­glia di far­si co­rag­gio, o per­si­no di ri­spon­de­re per le ri­me, ma non i ge­ni­to­ri del­la 16en­ne di Portogruaro: la ra­gaz­za, in­fat­ti, già in pas­sa­to si era re­sa pro­ta­go­ni­sta di epi­so­di di au­to­le­sio­ni­smo, che l’ave­va­no por­ta­ta a se­gui­re un lun­go percorso te­ra­peu­ti­co per aiu­tar­la a tro­va­re un suo equi­li­brio: in­si­cu­ra e fra­gi­le, la gio­va­ne ha sem­pre fa­ti­ca­to a sen­tir­si a suo agio tra i coe­ta­nei e for­se pro­prio que­sta sua de­bo­lez­za l’ha re­sa il ber­sa­glio per­fet­to per la cru­del­tà di chi vo­le­va sen­tir­si più gran­de smi­nuen­do gli al­tri.

Spa­ven­ta­ti all’idea che la fi­glia po­tes­se tor­na­re a far­si del ma­le, per­den­do quel­la pre­ca­ria sta­bi­li­tà ac­qui­si­ta a fa­ti­ca, i fa­mi­glia­ri si so­no quin­di ri­vol­ti al­le au­to­ri­tà. I ca­ra­bi­nie­ri di Portogruaro si so­no mos­si di con­cer­to con la pro­cu­ra – il ca­so è mol­to de­li­ca­to, in quan­to ri­guar­da so­lo mi­no­ri – e han­no rac­col­to tut­to il ma­te­ria­le pos­si­bi­le dai di­spo­si­ti­vi del­la vit­ti­ma e da quel­li dei due veneziani. Le in­da­gi­ni, co­mun­que, so­no an­co­ra in cor­so e si con­ti­nua a scan­da­glia­re ogni chat e ogni profilo so­cial per nuo­vi ele­men­ti. Poi la pa­ro­la pas­se­rà ai giu­di­ci, che sta­bi­li­ran­no se dav­ve­ro, vi­ste an­che le con­di­zio­ni del­la ra­gaz­za, si pos­sa par­la­re di isti­ga­zio­ne al sui­ci­dio.

Nel telefonino I ge­ni­to­ri han­no sco­per­to i mes­sag­gi nel cel­lu­la­re del­la fi­glia, im­me­dia­ta la de­nun­cia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.