Con­fin­du­stria Ve­ne­zia, Riel­lo con Za­nar­do

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - A. Zo. © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA Il cli­ma è tor­ri­do e, una vol­ta tan­to, l’uo­mo dei con­di­zio­na­to­ri non con­tri­bui­sce a raf­fred­dar­lo. La cor­sa per la pre­si­den­za di Con­fin­du­stria Ve­ne­ziaRo­vi­go, che ve­de la sfi­da tra il vi­ce uscen­te Vin­cen­zo Ma­ri­ne­se e il can­di­da­to dell’ul­ti­ma ora Da­ma­so Za­nar­do, si fa ogni gior­no più cal­da e so­prat­tut­to que­st’ul­ti­mo e i suoi so­ste­ni­to­ri la stanno con­du­cen­do con una raf­fi­ca di co­mu­ni­ca­ti stam­pa ed en­dor­se­ment che han­no fat­to più vol­te ar­rab­bia­re in pri­va­to il pri­mo, che sem­bra es­se­re il fa­vo­ri­to. Ie­ri Ales­san­dro Riel­lo, im­pren­di­to­re ve­ro­ne­se dall’Aer­mec che pe­rò è iscrit­to an­che in la­gu­na per­ché ti­to­la­re del­la Rpm (mo­to­ri elet­tri­ci) di Ba­dia Po­le­si­ne, ha lan­cia­to il suo so­ste­gno a Za­nar­do: «Lo co­no­sco dai tem­pi dei Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri e già al­lo­ra lo ave­vo ap­prez­za­to per la sua pas­sio­ne, la sua pro­get­tua­li­tà e la ca­pa­ci­tà di ge­sti­re le com­ples­si­tà ha scrit­to Riel­lo - Mi pia­ce mol­to il suo met­te­re l’im­pren­di­to­re, pri­ma an­co­ra che l’im­pre­sa, al cen­tro dell’at­ten­zio­ne». Se­con­do Riel­lo è Za­nar­do il can­di­da­to che può com­bat­te­re la stri­scian­te di­saf­fe­zio­ne che c’è in Con­fin­du­stria. «Mi è pia­ciu­to co­me af­fron­ta il te­ma dell’in­no­va­zio­ne a 360 gra­di, dall’in­du­stria 4.0 al­la piat­ta­for­ma lo­gi­sti­ca a un nuovo mo­do di pen­sa­re il tu­ri­smo e la cul­tu­ra per fi­ni­re ai nuo­vi ser­vi­zi e al­la nuo­va fi­nan­za», con­ti­nua. Ma è so­prat­tut­to la notizia che le azien­de a so­ste­gno dell’im­pren­di­to­re del­la lo­gi­sti­ca sia­no tri­pli­ca­te ri­spet­to al­le or­mai fa­mo­se 101 dell’ap­pel­lo al­la vi­gi­lia del­la sca­den­za del­le can­di­da­tu­re, a met­te­re un po’ di pe­pe a una sfi­da che sem­bra­va scon­ta­ta. An­che se i con­ti si fa­ran­no sui nu­me­ri veri, per i qua­li bi­so­gne­rà aspet­ta­re l’esi­to del­le con­sul­ta­zio­ni dei sag­gi che stanno ac­ce­le­ran­do e do­vreb­be con­clu­de­re per la pros­si­ma set­ti­ma­na. Nel­la pri­ma fa­se, in­fat­ti, le im­pre­se van­no «pe­sa­te» e quel­le con più di­pen­den­ti han­no più vo­ti: per po­ter ac­ce­de­re al­la ve­ra e pro­pria competizione bi­so­gna in­cas­sar­ne al­me­no il 20 per cen­to. Le vo­ci di cor­ri­do­io dan­no per Ma­ri­ne­se al­cu­ne del­le prin­ci­pa­li im­pre­se, da Eni a Enel, dal­la Sa­ve di En­ri­co Mar­chi al­la ga­las­sia co­mu­na­le gra­zie all’ac­cor­do con Lui­gi Bru­gna­ro (tra gli iscrit­ti ci so­no per esem­pio Actv e il Ca­si­nò). «Ve­dre­mo al­la fi­ne - di­co­no pe­rò gli uo­mi­ni di Za­nar­do - le gran­di im­pre­se ascol­ta­no tut­ti e poi si schie­ra­no. Il 20 per cen­to? E’ al­la no­stra por­ta­ta». En­tram­bi i can­di­da­ti in que­sti gior­ni stanno gi­ran­do co­me trot­to­le per con­vin­ce­re i col­le­ghi del­la bon­tà del pro­prio pro­gram­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.