Tosi nel­la ci­vi­ca pro Ber­lu­sco­ni la Lega at­tac­ca: «Fi con­fu­sa»

L’ex sin­da­co con­fer­ma: «Ber­lu­sco­ni uni­co lea­der cre­di­bi­le del cen­tro­de­stra, co­strui­re­mo un’area ci­vi­ca». L’ira le­ghi­sta: cer­ca pol­tro­ne

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Lillo Al­de­ghe­ri

Flavio Tosi, l’ex sin­da­co di Verona che con i suoi par­la­men­ta­ri ha so­ste­nu­to in que­sti an­ni i go­ver­ni Ren­zi e Gen­ti­lo­ni, ol­tre al re­fe­ren­dum del 4 di­cem­bre, cam­bia rot­ta e tor­na nel cen­tro­de­stra. Ma non nel­la Lega, par­ti­to da cui è sta­to espul­so, ben­sì con Ber­lu­sco­ni: «È l’uni­co lea­der cre­di­bi­le in que­sto mo­men­to nel cen­tro­de­stra, co­strui­re­mo in­sie­me un’area ci­vi­ca». Fu­rio­si i le­ghi­sti, che alle Po­li­ti­che ri­schia­no di ri­tro­var­si al­lea­ti del acer­ri­mo ne­mi­co di Za­ia e Sal­vi­ni.

VERONA Flavio Tosi è in… viag­gio ver­so Sil­vio Ber­lu­sco­ni. Do­po mil­le vo­ci e in­di­scre­zio­ni, lo stes­so Tosi spie­ga che l’ope­ra­zio­ne è lan­cia­ta e pre­ve­de la na­sci­ta di un «ag­glo­me­ra­to» di cen­tro­de­stra che fa ri­fe­ri­men­to al Ca­va­lie­re.

«Io ero, so­no e sem­pre sa­rò di cen­tro­de­stra – spie­ga l’ex sin­da­co di Verona– e a dir­la tut­ta, for­se più di de­stra che di cen­tro­de­stra. A li­vel­lo na­zio­na­le quin­di è più che na­tu­ra­le che il par­ti­to del Fa­re sia sem­pre sta­to e ri­man­ga all’in­ter­no di quell’area po­li­ti­ca». Ciò pre­mes­so, Tosi sot­to­li­nea pe­rò che «all’in­ter­no del cen­tro­de­stra at­tua­le, i par­ti­ti non rie­sco­no ad in­ter­cet­ta­re tut­ti i con­sen­si che pu­re esi­sto­no, e la di­mo­stra­zio­ne è ar­ri­va­ta con le ele­zio­ni di Verona ma an­che di Pa­ler­mo e in al­tre cit­tà». Che fa­re al­lo­ra? Se­con­do Tosi «le stes­se ele­zio­ni di giu­gno han­no di­mo­stra­to co­me le li­ste ci­vi­che del­la stes­sa area po­li­ti­ca at­trag­ga­no mol­ti elet­to­ri, mi pa­re quin­di lo­gi­co e sen­sa­to che na­sca an­che a li­vel­lo na­zio­na­le un’area ci­vi­ca di cen­tro­de­stra a sup­por­to dei par­ti­ti tra­di­zio­na­li. Un’area la cui go­ver­nan­ce è tut­ta da de­ci­de­re ma che si­cu­ra­men­te fa­rà ri­fe­ri­men­to a Sil­vio Ber­lu­sco­ni, che è un lea­der mol­to più cre­di­bi­le ri­spet­to a Mat­teo Sal­vi­ni».

Questa è dun­que la stra­te­gia fu­tu­ra, che pe­ral­tro non na­sce oggi. Già il 6 mag­gio scor­so, in un’as­sem­blea pub­bli­ca te­nu­ta a Milano, Tosi e il lea­der di Scel­ta Ci­vi­ca, En­ri­co Za­net­ti, ave­va­no crea­to un «car­tel­lo cen­tri­sta» che era sta­to be­ne­det­to da Guy Ve­rhof­stadt, pre­si­den­te di «Al­de», il grup­po li­be­ra­le del Par­la­men­to eu­ro­peo. Da al­lo­ra e fi­no al bal­lot­tag­gio a Verona pe­rò, l’ex pri­mo cit­ta­di­no si era te­nu­to le ma­ni li­be­re, de­fi­nen­do­si sem­pre di cen­tro­de­stra ma dia­lo­gan­do an­che con Mat­teo Ren­zi. Do­po le due «botte» con­se­cu­ti­ve ri­ce­vu­te dal lea­der del Pd (la pro­mes­sa non man­te­nu­ta di dar­gli la pos­si­bi­li­tà di cor­re­re per il ter­zo man­da­to e l’ap­pog­gio fle­bi­lis­si­mo, per usa­re un eu­fe­mi­smo, of­fer­to dal Pd al­la com­pa­gna di Tosi, Pa­tri­zia Bi­si­nel­la, nel­le ele­zio­ni co­mu­na­li sca­li­ge­re) adesso si è de­ci­so a rom­pe­re gli in­du­gi. E la scel­ta coin­ci­de con gli in­te­res­si di Ber­lu­sco­ni, che si ve­de por­ta­re in do­te 7 par­la­men­ta­ri del Fa­re! (4 de­pu­ta­ti e 3 se­na­tri­ci, tra cui la stes­sa Bi­si­nel­la). Del rag­grup­pa­men­to fa­reb­be­ro par­te, ol­tre a Tosi e Za­net­ti, an­che En­ri­co Co­sta che giu­sto ieri s’è di­mes­so da mi­ni­stro per la­vo­ra­re a que­sto obiet­ti­vo. Non ci sa­reb­be in­ve­ce Raf­fae­le Fit­to (l’eu­ro­par­la­men­ta­re Re­mo Ser­na­giot­to e gli ex con­si­glie­ri re­gio­na­li Raf­fae­le Baz­zo­ni e Leo­nar­do Pa­drin tra i suoi ri­fe­ri­men­ti ve­ne­ti), che pre­fe­ri­reb­be cer­ca­re un’in­te­sa con Gior­gia Me­lo­ni. Pa­ra­dos­sal­men­te, alle pros­si­me Po­li­ti­che Tosi po­treb­be tro­var­si al fian­co di quel­la Lega da cui è sta­to espul­so e che lo ve­de co­me il fu­mo ne­gli oc­chi e d’al­tron­de pro­prio que­sto è l’obiet­ti­vo del­la stra­te­gia studiata da Ber­lu­sco­ni, il ri­di­men­sio­na­men­to di Sal­vi­ni, an­che at­tra­ver­so pos­si­bi­li can­di­da­ti–pre­mier in quo­ta Lega al­ter­na­ti­vi al lea­der del Car­roc­cio, da Lu­ca Za­ia (qual­che me­se fa) a Bo­bo Ma­ro­ni (in que­sti giorni).

«La Lega non fa­rà da tre­no a chi cer­ca una pol­tro­na tra qual­che me­se. Non sia­mo al cal­cio mer­ca­to ha ag­giun­to - e non pro­vo mol­ta simpatia per quel­li che cam­bia­no idee, ban­die­ra e par­ti­to ogni quar­to d’ora» ha av­ver­ti­to Sal­vi­ni qual­che gior­no fa da Chiog­gia ed è du­ris­si­mo il se­gre­ta­rio re­gio­na­le del­la Lega, Gia­nan­to­nio Da Re: «For­se ci si è di­men­ti­ca­ti di quan­do Tosi, da se­gre­ta­rio ve­ne­to del­la Lega, spa­ra­va a ze­ro con­tro Ber­lu­sco­ni, ri­pe­ten­do ogni gior­no che do­ve­va an­da­re a ca­sa. Ora si ve­de che a Tosi fa co­mo­do ave­re qual­che po­sti­ci­no che Ren­zi non è più in gra­do di dar­gli. Tro­vo an­che stra­no il com­por­ta­men­to di For­za Ita­lia: a Verona ha ap­pog­gia­to Sboa­ri­na, men­tre l’ala dei Gior­get­ti sta­va con Tosi; adesso Tosi va con Ber­lu­sco­ni: so­no in sta­to con­fu­sio­na­le. Noi spe­ria­mo che Sal­vi­ni si can­di­di a pre­mier, d’al­tron­de con il pro­por­zio­na­le, ognun per sé e Dio con tut­ti…».

Da For­za Ita­lia, in­ve­ce, ar­ri­va una «qua­si be­ne­di­zio­ne» da par­te di Re­na­to Bru­net­ta: «È in at­to la for­ma­zio­ne di un’area li­be­ra­le, co­me di­mo­stra l’azio­ne po­li­ti­ca di Co­sta. Quan­to a Flavio Tosi, lo sti­mo tan­tis­si­mo, an­che se non ho ca­pi­to il suo ren­zi­smo e il suo ap­pog­gio al re­fe­ren­dum. Ma la mia sti­ma nei suoi con­fron­ti non è mai cam­bia­ta».

To­ni Da Re Ma è lo stes­so Tosi che qual­che an­no fa spa­ra­va a ze­ro su Ber­lu­sco­ni?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.