Cuo­chi ve­ne­ti al top an­che nei fat­tu­ra­ti

Classifica Jfc: in­troi­ti tra 6 e 11 mi­lio­ni di eu­ro l’an­no. Tre ve­ne­ti al top

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Eleo­no­ra Dal Bo­sco

PA­DO­VA Tre chef ve­ne­ti nel­la top ten dei fat­tu­ra­ti gua­da­gna­no ci­fre da ca­po­gi­ro, dai 6 agli 11 mi­lio­ni l’an­no. Ma Raf­fae­le Ala­j­mo, so­cio del fra­tel­lo Mas­si­mi­lia­no (in foto), se­con­do sul po­dio, com­men­ta: «Pro­vo­ca in­vi­dia».

PA­DO­VA Ci­fre stel­la­ri, più vi­ci­ne agli in­troi­ti di un’im­pre­sa che a quel­li di un ri­sto­ran­te. È quan­to emer­ge dall’ul­ti­ma classifica di Jfc, so­cie­tà di con­su­len­za tu­ri­sti­ca che ha ana­liz­za­to i bi­lan­ci dei 334 ri­sto­ran­ti in­se­ri­ti nel­la guida Mi­che­lin. E ha sti­la­to la classifica de­gli chef più «ric­chi» grazie ai lo­ro ri­sto­ran­ti e lo­ca­li.

Si trat­ta di fat­tu­ra­ti mi­lio­na­ri e che so­no in­di­ca­ti­vi del nuo­vo ruo­lo che ha oggi lo chef stel­la­to, ca­pa­ce di de­streg­giar­si nel­la cu­ci­na del suo lo­ca­le, nell’at­ti­vi­tà im­pren­di­to­ria­le (vi­sto che non si par­la di un so­lo ri­sto­ran­te ma, pra­ti­ca­men­te, di ca­te­ne), co­me an­che nel­la ge­stio­ne del­la sua fi­gu­ra pub­bli­ca, mol­te vol­te vi­ci­na a quel­la di una star, per nu­me­ro di fol­lo­wer sui so­cial, co­per­ti­ne di gior­na­li e ap­pa­ri­zio­ni in pro­gram­mi te­le­vi­si­vi in cui il trend del­la cu­ci­na sem­bra an­da­re per la mag­gio­re tra il pub­bli­co.

Nel­la top 10 dei fat­tu­ra­ti più ric­chi emer­ge il Ve­ne­to con ben tre chef stel­la­ti nel­le pri­me quattro po­si­zio­ni. Al se­con­do po­sto, con 11 mi­lio­ni nel 2016, c’è il pa­do­va­no Mas­si­mi­lia­no Ala­j­mo che con il fra­tel­lo Raf­fae­le ge­sti­sce die­ci lo­ca­li, in pro­vin­cia di Pa­do­va, in piaz­za San Mar­co a Ve­ne­zia do­ve ha di re­cen­te ha aper­to Amo al T Fon­da­co dei Te­de­schi, fi­no a Pa­ri­gi. Se­gue il vi­cen­ti­no Car­lo Crac­co, il più ce­le­bre de­gli chef te­le­vi­si­vi lo scor­so an­no ha fat­tu­ra­to 7,5 mi­lio­ni dal­le tre so­cie­tà che di­ri­ge: Crac­co In­ve­sti­men­ti, Hu­go 4 e Car­lo & Camilla in se­ghe­ria. Un’in­ne­ga­bi­le for­tu­na la par­te­ci­pa­zio­ne al ta­lent Ma­ster­chef che ha con­tri­bui­to a crea­re l’im­ma­gi­ne dell’uomo Crac­co, fuo­ri­clas­se del­la cu­ci­na ita­lia­na, spie­ta­to nei giu­di­zi con i con­cor­ren­ti e da mol­ti con­si­de­ra­to un sex sym­bol.

Fuo­ri dal po­dio al quar­to po­sto, il ve­ro­ne­se Gian­car­lo Per­bel­li­ni, pro­prie­ta­rio del ri­sto­ran­te Ca­sa Per­bel­li­ni nel­la sua cit­tà na­ta­le, che con la sua so­cie­tà Co­lo­ri di Cuo­co ha chiu­so lo scor­so an­no con un fat­tu­ra­to di 6 mi­lio­ni di eu­ro.

No­no­stan­te l’ot­ti­ma po­si­zio­ne gua­da­gna­ta nel­la top 10, Raf­fae­le Ala­j­mo, ceo del Grup­po e fra­tel­lo del­lo chef tri-stel­la­to, non è tut­ta­via sod­di­sfat­to del se­con­do po­sto. An­zi, se ne la­men­ta. «La classifica è fuor­vian­te e for­ni­sce una mala informazione poi­ché non ri­co­no­sce la dif­fe­ren­za fra fat­tu­ra­to e gua­da­gno. Espor­re si­mi­li da­ti pub­bli­ca­men­te cau­sa, in un pae­se co­me l’Ita­lia, so­la­men­te in­vi­dia. Sia­mo più di ri­sto­ran­ti, sia­mo azien­de: la ri­sto­ra­zio­ne è la mi­glior ri­sor­sa per­ché il no­stro la­vo­ro non può es­se­re re­so mec­ca­ni­co, con­ti­nuia­mo ad as­su­me­re. Ma non appena un’azien­da al­za la te­sta, vie­ne at­tac­ca­ta».

In real­tà, sul ma­xi bu­si­ness del­la ri­sto­ra­zio­ne, un ap­pun­to lo fa an­che Ce­ci­lia de’ Pan­tz, Fil­cam Cgil: «Il per­so­na­le im­pie­ga­to an­che da Ala­j­mo, ha dei pre­mi pro­du­zio­ne in ba­se al fat­tu­ra­to, ma an­co­ra nes­sun contratto di se­con­do li­vel­lo». Fuor di me­ta­fo­ra, gua­da­gna po­co.

Ala­j­mo Classifica fuor­vian­te, non fa dif­fe­ren­za tra fat­tu­ra­to e gua­da­gno

Tre stel­le Mas­si­mi­lia­no Ala­j­mo ha re­gi­stra­to un fat­tu­ra­to di un­di­ci mi­lio­ni di eu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.